Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Croce e delizia

2009-12-01
By

In Olanda e in Danimarca le formazioni di destra o di centro si preparano a proporre referendum anti minareto. In Italia la situazione si mescola con quella della croce sulla bandiera italiana.

E’ un dibattito di destra, nel senso che dalle agenzie non sembra che a sinistra qualcuno ne parli. E anch’io, sinceramente, faccio molta fatica anche solo a pensare che vi possa essere un dibattito su questi argomenti.

Ragionevolmente non succederà nulla, né in campo “minareti” né in campo “croci”, ma vale la pena fissare qualche perla  sul  dibattito in atto.

La prima viene dal nostro caro ministro degli esteri, l’ispiratissimo Frattini. Dopo aver detto riguardo ai minareti in Svizzera:

Noi difendiamo come Italia il nostro diritto ad esporre i crocifissi nelle scuole, quindi guardiamo con preoccupazione messaggi di questo genere, che sono messaggi di diffidenza o addirittura di proibizione verso un’altra religione, quella islamica

Si è lanciato nella seguente considerazione riguardo ai crocefissi e alle bandiere:

Vi sono nove paesi europei che hanno il crocifisso nella loro bandiera, quindi e’ una proposta assolutamente normale

Un crocifisso? Un crocifisso sulla loro bandiera? Il crocifisso è la raffigurazione di Cristo sulla croce. Il crocifisso NON è una croce. La croce è un simbolo derivato dalla crocifissione di Cristo ma NON è un crocifisso.

Va bene. Vediamo in dettaglio ‘ste 9 bandiere di:

  1. Danimarca
  2. Finlandia
  3. Grecia
  4. Islanda
  5. Malta
  6. Norvegia
  7. Slovacchia
  8. Svezia
  9. Svizzera
  10. Regno Unito

Prima nota: sono 10.

Forse Frattini dimenticava la Slovacchia perché la sua croce è un po’ strana: è la croce patriarcale o croce di Lorena, quella con due barre orizzontali, quella più in alto più corta.

In secondo luogo la bandiera del Regno Unito vale doppio perché di croci ne ha due: la croce di s. Giorgio (Inghilterra) e la croce diagonale di S. Patrizio (Scozia). Appunto la Union Jack.

Quindi saremmo a 11 croci.

Ma passiamo ad altre considerazioni:

  1. Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia hanno sulla bandiera la croce nordica. Cambiano solo i colori;
  2. Malta ha una sua propria croce, la Croce di Malta. Identifica l’Ordine dei Cavalieri di Malta di cui i maltesi, evidentemente, vanno molto fieri;
  3. La bandiera Svizzera ha in comune con quella del Vaticano il fatto di essere ufficialmente quadrata e non rettangolare come tutte le altre. A differenza di quella Svizzera, la bandiera del Vaticano non porta croci bensì le chiavi di s. Pietro incrociate. La croce della Svizzera fa storia a sé. In realtà è uno stemma le cui dimensioni sono state definite nel 1889: le braccia sono uguali e la loro lunghezza è maggiore di un sesto rispetto alla loro larghezza;
  4. La croce della bandiera Greca è una croce ortodossa.

Bene. Cosa si evince da tutto ciò? Che ogni bandiera ha una sua storia. Se quella italiana non porta croci ci sarà un motivo.

Ora. Io non sono un bandierofilo. Anzi, sono assolutamente simbolofobo. Ma se proprio devo avere una bandiera voglio che non sia un’accozzaglia informe di segni.

La bandiera italiana ha un origine genuinamente repubblicana. L’unico tricolore che reca una croce è quello con lo scudo dei Savoia.

Non mi sembra un’ottima idea reintrodurlo.

p.s.: non mi risulta che vi siano bandiere di paesi a maggioranza musulmana con minareti. Ci sono bandiere con colori panarabi, bandiere con mezzelune, bandiere con su scritto “Allah Akbar” (un’innovazione di Saddam Husseyn sulla bandiera panaraba dell’Iraq), ma niente minareti. Che simbolo è questo? Un simbolo che nemmeno va su una bandiera?

p.p.s.: un comunicato a tutti i Lumbàrd in ascolto. Nella Capitale del vostro Regno Crociato si tiene domani 2 dicembre un’inquietante conferenza dal titolo: “Fare affari con il mondo islamico“. Che fate: all’armi, all’armi? Oppure quando vedete il soldo passa tutto in cavalleria? Già immagino la frase: “se sganciano li accettiamo”.

Tags: , , , , , ,

2 Responses to Croce e delizia

  1. darmius on 2009-12-01 at 09:24

    Precisazioni:
    – In realtà le croci nella bandiera del Regno Unito sono 3: due rosse in campo bianco (Inghilterra e Irlanda) e una bianca in campo blu (Scozia);
    – la croce della bandiera svizzera sarebbe all’origine del simbolo e del nome della “Croce rossa”, organizzazione neutrale per eccellenza. Le sue “localizzazioni” in “Mezzaluna rossa” e “Stella di David rossa” sono una trasposizione sul piano religioso di un simbolo neutrale.
    Tristezza?
    D

  2. Silvio on 2010-03-21 at 09:32

    Ciao sono d’accordo con il tuo interessante (anche storicamente) articolo, vorrei aggiungere solo un paio di informazioni che reputo interessanti: la bandiera svizzera con la croce è stata “definita” nel 1889 ma era già stata adottata come bandiera delle forze armate federali dal 1840, ed il suo uso documentato risale addirittura al 1339.
    La mezzaluna della bandiera della Mezzaluna Rossa (la Croce Rossa nei paesi arabi) non è un simbolo islamico, in quanto deriva da una tradizione bizantina più antica dello stesso Islam (probabilmente 340 a.C.). Come al solito lo scontro sui simboli si rivela spesso infondato.

    PS: sono un volontario della C.R., sono lombardo ma NON sono leghista ;)
    Silvio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

dicembre: 2009
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivi

 
'