Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Bandire o leggere

2010-07-15
By

Secondo un recentissimo sondaggio del Pew condotto in Francia, Spagna, Gran Bretagna e Germania la stragrande maggioranza dei cittadini, soprattutto quelli dai 55 anni in su, sarebbe d’accordo a bandire il velo integrale (Francia 82%, Germania 71%, Gran Bretagna 62%, Spagna 59%).

La stragrande maggioranza degli statunitensi (65%), invece, non sarebbe per niente d’accordo.

Tutto questo – ne sono certo – ha a che vedere con le culture giuridiche di Europa e Stati Uniti e con le ricadute sociologiche che queste culture hanno sulle popolazioni delle due aree.

Non si tratta di maggiore o minore percezione di una “invasione” islamica, come vorrebbero eurabisti e controjihadisti, bensì di ciò che in Europa e Stati Uniti le persone pensano essere la libertà personale.

Io sono contro burqa, niqab, hijab e tutti gli altri veli in uso quando sono il frutto del dominio di un essere umano (maschile) su un altro (femminile).

Non sono contro i veli in tutti gli altri casi (scelte personali, sicurezza etc. etc.).

Penso che il velo non vada vietato “senza se e senza ma”.

E poiché le donne che lo portano sono poche, anzi pochissime, sono favorevolissimo alla messa in campo di politiche sociali volte a eliminare quei casi in cui il velo è frutto tangibile di dominio maschile.

Negli altri casi non posso che “criticare”, ma senza “imporre”.

E quanto alle donne che coscientemente decidono di indossare il velo integrale sono convinto che debbano accettare di essere riconosciute, in un modo o nell’altro.

Le soluzioni esistono, basta volerle praticare.

Insomma: il problema va risolto nel sociale, non nel politico.

Tags: , , , , , ,

15 Responses to Bandire o leggere

  1. Melone on 2010-07-15 at 09:58

    AHAHAHAHAHAHAH

    Sto morendo! Vai a leggere l’articolo di Cremonesi su Gaza (Corsera). E guarda le didascalìe sotto le foto. Il Narghilé si “SUONA”, ragazzi. Ripeto, il Narghilé si Suona!!!!
    “Contro le mode occidentali si suona il narghilè”

    http://www.corriere.it/gallery/esteri/07-2010/gaza/1/gente-gaza_48651360-8f4b-11df-9bdb-00144f02aabe.shtml#8

    Sono basito, davvero … non ho parole.

    • Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 10:12

      ommammamia

    • Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 10:49

      OT – Che ne dici se ti ospito un post in merito aspettando nuovo magazine? Compari già come “autore” nel mio blog…. (cmq del magazine se ne parla a settembre…)

  2. falecius on 2010-07-15 at 10:06

    melone: quelle didascalie sono agghiaccianti.

  3. Melone on 2010-07-15 at 10:53

    Giuro che quando vedo cose del genere mi viene da arrendermi e uscire con le mani alzate. Cosa fai? Da dove cominci? Come fai a non insultare?

    @ Falecius: infatti anche le altre sono decisamente “in linea”. Non so, non vorrei sembrare esterofilo, ma l’ignoranza del giornalismo italiano mi sembra davvero da guinness. E’ proprio una questione di quantità e frequenza …

    Davvero sconfortante.

    • Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 10:57

      Come cominciare? Dal titolo, poi segue il catenaccio, poi il primo paragrafo etc.

      Quando sei stanco chiudi: ciò che avrai scritto è già importante :-))

  4. Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 11:00

    Esempio – Il Corsera con Cremonesi se ne esce male fin dal titolo: Gaza, attacco alla modernità (link).

    Cosa c’entra l’attacco alla modernità con il regime di Hamas? Etc. etc.

    La chiusa: possiamo tranquillamente inserire questo articolo nella classe “propaganda” etc. etc.

  5. Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 11:03

    Voglio dire: se ingaggi sei già un punto avanti. Se non lo fai finirai nella spirale del silenzio (rispettabile quanto vuoi ma frustrante).

  6. Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 11:09

    p.s. se rivai sulla galleria la didascalia non c’è più.

    Vorrà dire qualcosa?

    E scusate la logorrea

  7. Stefano rubuano on 2010-07-15 at 15:52

    Non capite, è un narghilé musicale!

  8. Stefano rubuano on 2010-07-15 at 16:02

    Mi viene da dire che non è nemmeno questione di Fact-checking, qui è questione di cultura elementare di base, bisognerebbe ripristinare le punizioni corporali, anche per i giornalisti.

  9. terzogiro on 2010-07-15 at 17:04

    uno strano parallelo tra burqa e kilt. http://goo.gl/cTCu

  10. Melone on 2010-07-16 at 10:07

    ‘Giorno …
    @Lorenzo. Sono d’accordo su tutta la linea, solo che in casi come questi preferisco il silenzio. Anzi, meglio, preferisco cercare un altro interlocutore. Questi qui sono proprio senza speranza, e quando il vento cambierà sono capacissimi di mettersi a strillare l’esatto contrario.
    Ah, ieri ho provato a far ragionare Scalfarotto sul Post. Lui non ha risposto e i commentatori … beh alcune menti illuminate hanno suggerito, per comprendere la questione del velo, la visione di Perspepolis!
    L’unica risposta plausibile era consigliare la lettura di Asterix per comprendere a pieno il De Bello Gallico, ma perché sprecare tempo?

    @ Terzogiro. Stupendo il post sul kilt!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

luglio: 2010
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivi

 
'