Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Rivolte arabe: loud minority e spirale del silenzio

2011-08-02
By

Angry Arab, lo scorso 16 giugno, scriveva un breve post in cui spiegava che la maggior parte dei rivoltosi siriani di sinistra (sinistra vera, però) era già in galera.

Per quelli che si chiedono dove siano i siriani di sinistra — e sto parlando dei veri, radicali siriani di sinistra, non di quei wahhabiti siriani liberali che esprimono i loro sentimenti progressisti nelle pubblicazioni dei vari principi sauditi — ebbene sono in prigione. Molti dei membri e dei maggiori leader  dei gruppi siriani di sinistra, e anche gli indipendenti di sinistra, sono in prigione. Il regime è particolarmente severo nei confronti di quelli di sinistra e dei nazionalisi arabi nasseriana. E’ un complesso dei vecchi Ba`thisti [il partito nazionalista di al-Asad, n.d.r.]. (fonte)

C’è una sinistra — quella più vetero — che pensa che la rivolta siriana sia comandata da fuori e che al-Asad sia tutto sommato un bravo ragazzo.

Le posizioni di queste persone sono pericolosamente simili alle visioni di una parte dell’opinione pubblica siriana, e anche di molti governanti israeliani, per i quali in definitiva “è meglio un nemico che si conosce che un nemico che non si conosce”.

E c’è anche, come ad esempio questo cristiano siriano intervistato da AnsaMed, chi ritiene che, allo stato dei fatti, sia meglio tenersi al-Asad. La sua posizione, oltre a essere dovuta alla protezione che il regime da sempre accorda ai cristiani,  è giustificata principalmente dal fatto che “l’Occidente non ha interesse a intervenire”.

L’Occidente (si parla di un’attività britannica in senso contrario, ma forse ora è troppo tardi e poi la NATO si oppone) non ha interesse a intervenire per due motivi:

  1. la situazione geopolitica non lo consente;
  2. all’oggi il pericolo di una sinistra vera in Siria è scongiurato, quindi non ha senso intervenire.

Questa sinistra destrorsa non capisce un elemento chiave — in questo caso offuscato, ma non cancellato, dalle modalità del flusso informativo proveniente dalla Siria — delle rivolte arabe: nei paesi arabi una sinistra c’è, ed ha anche le idee abbastanza chiare, molto più chiare della sinistra nostrana. Il fatto è che questa sinistra è numericamente esigua essendo stata per decenni oppressa e perseguitata se non quando non si sia allineata col tiranno (vedi i comunisti finti del parlamento marocchino, la sinistra “parlamentare” egiziana etc.). E, in più, nessuno qui da noi è disposto a starla a sentire, o forse non sa neanche dove andarla a trovare né vuole cercarla.

Per quale motivo credete che l’islam politico abbia fatto questi passi da gigante dagli anni ’50 a oggi?

Facile: perché è stata l’unica opposizione tollerata (e spesso colludente) coi tiranni.

La prima cosa che fanno da sempre tutti coloro che vogliono reprimere una rivolta, laggiù, è prendere i veri rivoltosi e metterli in prigione o farli scomparire o, come sta succedendo in Egitto, renderli ininfluenti.

I quali veri rivoltosi sono la sinistra.

Sul campo rimangono altre opposizioni, molto meno oppositive, molto meno laiche, molto amichevoli nei confronti delle grandi istituzioni economiche e politiche internazionali, che spesso non hanno acceso la miccia della rivolta e che spesso sono pronte a prendersi i benefici economici di un eventuale cambio di regime.

In Egitto, a cambio di regime avvenuto, le forze della conservazione, che tubano con i militari, sono pronte (già da tempo) a divenire i padroni del vapore.

E diverranno, con tutta probabilità, i padroni del vapore.

Al cosiddetto Occidente va bene così: cosa sarebbe successo se quegli stupidi operai di Suez, o di Mahalla, fossero andati avanti ottenendo quello che volevano?

Per non parlare dei dipendenti pubblici, ommamma che schifo: volevano un aumento del salario minimo!

Il cosiddetto “interesse dell’Occidente” — è bene che le persone di sinistra di questo paese lo capiscano — sta principalmente nel non ritrovarsi di fronte paesi in cui, ad esempio, si mettono gli interessi dei lavoratori davanti agli interessi degli investitori internazionali.

L’avete letta la dichiarazione di Deauville o no?

Sentite parlare di scioperi e di sindacati egiziani, per caso?

Eppure i sindacalisti di base e chi ha fatto gli scioperi in Egitto sono il cuore della rivolta egiziana.

Anzi, in definitiva si può dire che le rivolte arabe sono iniziate appena le sinistre (vere) in quei paesi sono riuscite di nuovo ad alzare la testa, dopo decenni di bastonate.

C’era qualche “liberale” di fronte al Ministero dell’interno di Tunisi il 14 gennaio?

C’era qualche “conservatore” amante del capitale e del neoliberismo, il 25 gennaio a Piazza Tahrir?

La domanda di giustizia sociale, di redistribuzione, reddituale erano centrali in quei contesti, ma la sinistra “occidentale”, democratica etc. etc. è rimasta a guardare, limitandosi con estremo ritardo ad osservare che, incredibilmente, “non c’erano islamisti in giro”.

Senonché gli islamisti sono arrivati, a un certo punto, perché insomma l’occasione fa l’uomo ladro.

Al-Qaida ha addirittura cambiato strategia, visto che nessuno — da queste parti — riempiva i vuoti.

Non vi suona niente, cari? Non vi sembra di aver già visto questo film?

La repressione nei confronti dei gruppi e dei singoli individui della sinistra è più evidente in Siria soltanto perché la repressione ha avuto le modalità che ha avuto: la propaganda del regime, in Siria, ha da subito chiamato gli oppositori “terroristi”, ha da subito denunciato l’estremismo islamico dei rivoltosi, mentre lavorava a sfrondare l’opposizione degli elementi non-islamizzanti.

Il tutto nel silenzio del cosiddetto Occidente che, in quei giorni, di Siria non parlava (hanno iniziato a parlarne contestualmente all’inserzione dell’elemento “islamico” nella rivolta, fateci caso).

Se il ruolo delle sinistre (vere) nelle rivolte arabe è fondamentale, almeno nella fase iniziale, la capacità di analisi delle sinistre nostrane è tale da non aver permesso qui un movimento di opinione a supporto di quelle realtà.

E c’è anche mancanza di coraggio, e subalternità culturale: quanto ci avete messo, cari miei, a capire che il “conflitto di civiltà” era una truffa? Quanti di voi, sotto sotto, ancora questa cosa la pensano?

Il problema sta qui, non lì o meglio: lì la sinistra fa cose di sinistra, qui no.

Pensate al movimento No Tav, ai referendum e a tutte le belle cose di sinistra che in questo paese la sinistra istituzionale non tratta, non vuole vedere e/o oscura se non quando vincono o stanno per vincere.

Una passività a causa della quale ci ritroveremo in casa torme di bacchettoni musulmani che mangiano cibo halal e bande di gente violenta che prega 5 volte al giorno in direzione della prigione di Anders Behring Breivik.

 

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

agosto: 2011
L M M G V S D
« Lug   Set »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Archivi

 
'