Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

L'anomalia egiziana

2011-12-13
By

Dal 30 al 40 per cento dell’economia egiziana. E, perfavore, nessun controllo.

Questo è il dato che esce fuori dall’inchiesta di Linkiesta sui militari egiziani.

Hanno piccole industrie, sono attivi in tutti i settori, hanno molto latifondo e la loro economia non è sottoposta a controlli.

In più ricevono ogni anno 1 miliardo e 300 milioni di dollari in sovvenzioni dagli Stati Uniti.

Se in Egitto c’è un’anomalia è questa, e non dobbiamo dimenticare che Hosni Mubarak era l’incarnazione del potere militare egiziano.

Non vi sto a tediare sugli antecedenti storici.

Mi chiedevo il senso profondo della recente manifestazione pro-militari al Cairo. Pensavo: “in decine di anni di egemonia qualche clientela i militari se la devono essere pur fatta”. Ma forse la spiegazione è molto più semplice: le attività economiche non si portano avanti da sole e in Egitto molti sono i “dipendenti” dei militari che temono, con la caduta di questi ultimi, di perdere il proprio lavoro.

Ad ogni modo con le recenti elezioni si è capito che questo costrutto socio-economico ha una base elettorale molto ridotta.

 

Tags: , , ,

One Response to L'anomalia egiziana

  1. L’Egitto dei mercanti musulmani on 2012-02-24 at 22:37

    […] di quegli attori economici che in Egitto hanno oggi una posizione privilegiata, primi fra tutti i militari che, come ho già fatto presente in passato, dovranno fare un passo indietro, o comunque riciclarsi […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

dicembre: 2011
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivi

 
'