Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

L'Egitto, le elezioni fantasma e la democrazia

2012-02-07
By

Ammettiamo anche che le elezioni della Camera bassa egiziana siano state regolari. Cancelliamo, insomma tutte le segnalazioni, e sono molte, di brogli. Cancelliamo il dato, uniforme in tutto il paese, secondo cui di fronte e dentro ai seggi elettorali erano in molti, soprattutto i Fratelli Musulmani, a “spiegare” ai cittadini come (e cosa) votare. Cancelliamo le segnalazioni, anch’esse numerose, di luoghi in cui si è praticato il “vote for food”, a favore quasi sempre delle formazioni salafite.

Bene: ricordiamo che, a un certo punto, quando ormai tutto il mondo aveva battuto la notizia secondo cui in Egitto c’era stata un’altissima affluenza alle urne, i responsabili del Comitato elettorale hanno dichiarato che l’affluenza non era stata del 62% ma del 52%: si erano sbagliati a contare. Il risultato, non certo confortante, va considerato anche in relazione al fatto che i non votanti hanno rischiato una multa di 500 lire egiziane a fronte di uno stipendio medio di 700-1000.

E ora la notizia: l’affluenza alle urne per l’elezione del Consiglio della Shura, il secondo ramo del Parlamento egiziano è scarsissima. E l’attenzione dei media è scarsissima. Siamo tornati ai livelli di Mubarak, o forse peggio, e mi chiedo: chi crede nelle elezioni egiziane?

Non è una domanda di secondo piano, visto che ormai la crasi fra piazza e “palazzi”, dopo la macelleria di Port Said e ciò che ne è scaturito (fra cui anche la definitiva scissione fra piazza e Fratelli Musulmani), si è definitivamente consumata. Le elezioni della Camera bassa (ma non quelle della Shura) sono state lo strumento con cui i militari (e i loro amici salafiti) e i Fratelli Musulmani hanno delegittimato la piazza egiziana. E tutto questo nel momento in cui le vere elezioni, quelle presidenziali, sono ancora oggetto di disputa fra le parti. La piazza egiziana ha destituito Hosni Mubarak ma non ha potuto decidere sulla nuova Costituzione al proprio paese, né come e quando eleggere il suo Presidente.

La risposta alla domanda, dunque, è: nessuno. Perché le elezioni sono uno strumento della democrazia, non un fine. E lo strumento era nelle mani sbagliate.

 

Tags: , , , ,

2 Responses to L'Egitto, le elezioni fantasma e la democrazia

  1. valerio on 2012-02-08 at 09:04

    Molto of topic.

    Vi segnalo solamente come la propaganda libica gheddafiana sia veramente scollegata dalla realtà.
    Ormai non la leggo quasi più, ma, visto che formazioni armate gheddafiane comunque esistono (sopratutto nella zona di Bani Walid) ogni tanto gli do uno sguardo, caso mai nei siti gheddafiani passino informazioni taciute dai media internazionali.

    Invece, accanto a messaggi pro-Assad, ci sono palle, e gigantesche, provare per credere:
    http://libyanfreepress.wordpress.com/2012/02/07/libyan-resistance-news-february-6-2012/
    (in pratica secondo Libyan free press i “verdi” avrebbero un esercito enorme, e ci sarebbero centinaia di vittime la settimana nelle “truppe NATO” d’occupazione!)
    Si noti sopratutto il linguaggio truculento.

    Invece in:
    http://libyanfreepress.wordpress.com/2012/02/04/libyan-resistance-war-news-february-3-2012-text-eng-ita-video/
    si sparano balle un po’ meno gigantesche, ma molto facili da verificare come fake, (tra l’altro ci sono anche notizie relative all’Italia, il post è bilingue italiano/inglese).

    Inizio a chiedermi se sarà mai possibile una pacificazione, visto che da mesi ormai i gheddafiani hanno perso, e solo gruppi di guerriglieri, sparsi, continuano la lotta. Come possono credere nella vittoria finale?
    Perché non si giunge ad un qualche riconoscimento dello sconfitta?

    Questa situazione si fa sempre più pericolosa proprio per i verdi, perché “giustifica” i gruppi di giustizieri ex-ribelli che si fanno giustizia da se, in questi giorni per esempio uccidendo un ex diplomatico libico Omar Brebesh (dal passato oscuro e dai coinvolgimenti sopetti negli annni ’70-’80, quindi non è detto che quaqlcuno ad altri livelli abbia, anche dei “verdi”, pensato di farlo sparire per occultare tracce), o avendo una giustificazione per rimanere armati e pericolosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

Archivi

 
'