Un rapporto sulla situazione umanitaria nella città di Homs

[ricevo e pubblico]

Un rapporto sulla situazione umanitaria nella città di Homs

A Homs è in atto un attacco militare che sta creando un’emergenza umanitaria che necessità l’aiuto delle organizzazioni umanitarie

1 luglio 2012 – National Coordination Body for Democratic Change in Syria

Fonte: http://syrianncb.org/2012/06/29/a-report-on-the-humanitarian-situation-in-the-city-of-homs/– 29 giugno 2012

La città di Homs è sotto il peggiore attacco militare dall’inizio della rivolta. I dintorni di Khaldiya, al-Qarabees, Jourat al-Shayyah, al-Qusoor e l’antico circondario di Homs sono stati spietatamente stretti d’assedio per oltre un mese, la situazione umanitaria in queste aree è estremamente preoccupante. Vi è una carenza drammatica di beni di prima necessità: farina, acqua, elettricità, benzina, gas e attrezzature mediche. Gli abitanti bloccati nelle aree strette d’assedio si sono ridotti a mangiare pane raffermo e derrate alimentari avariate. Viaggiare è pressoché impossibile a causa della mancanza di benzina e della violenza e i residenti non sono in grado di portare altrove i feriti.

Vi sono più di 1000 famiglie nelle seguenti aree colpite: Khaldiya, al-Warsha, al-Hamidiyye, Bustan al-Deewan, al-Salibiyye, Wadi al-Sayeh. Queste famiglie sono state costrette a restare nelle loro case semi-diroccate  e vivono in condizioni inumane. Provengono da un retroterra religioso eterogeneo (cristiano e musulmano). Si tratta di donne, bambini, anziani e persone con disabilità fisiche o psichiche. Nelle suddette aree di conflitto vivono nel terrore e non sono in grado di poter lasciare i luoghi. I civili innocenti, in queste aree, mancano del minimo necessario alla sussistenza.

La situazione sanitaria nelle parti strette d’assedio della città è terribile e si deteriora sempre di più. Le forze fedeli al regime hanno incorporato i due soli ospedali operativi della città. Gli ospedali da campo, installati nelle vicinanze, mancano di tutto e sono constretti ad operare in scarse condizioni igeniche, ragion per cui un gran numero di feriti è deceduto. Inoltre vi è una penuria notevole di assistenza medica per le patologie croniche come le malattie cardiache, l’asma, il diabete, l’ipertensione ecc…. Vi sono centinaia di feriti che richiedono di essere operati nel più breve tempo possibile e tanti altri sono in attesa di urgenti cure mediche. Fino a questo momento queste persone non sono state in grado di lasciare la città

Facciamo appello a tutte le organizzazioni umanitarie, ed in particolare alla Croce Rossa e alla Mezzaluna Rossa, affinché siano urgentemente inviati staff medico e attrezzature sanitarie nella città di Homs, in modo che siano curati quelli che possono esserlo sul posto e che sia possibile trasportare i molti civili feriti dal costante bombardamento della città. Facciamo appello a tutte le organizazioni internazionali e umanitarie affinché questa campagna assassina di bombardamenti e assedi, che potrebbe ancora culminare in un massacro indiscriminato, cessi.

Coordinamento Nazionale per il Cambiamento Democratico in Siria

Coordinamento Nazionale per il Cambiamento Democratico in Siria

Traduzione di Valeria Argiolas