Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Egitto. Fratellizzazione e finanza

2012-09-04
By

Fra i temi espressi del “nuovo Egitto” c’è quello delle donne velate in televisione.

Va bene, è un tema, lanciate allarmi, disinnescate i timori, fate un po’ come volete.

Ma sul tema più ampio, cioè la Fratellizzazione dell’Egitto, ci si potrebbe togliere per un attimo il velo, la cortina che ci separa da una sostanza un po’ più pregna.

Ci si potrebbe buttare in economia, ad esempio. Registrando che in Egitto si discute del fatto che il prestito del fondo Monetario Internazionale possa essere o meno da considerarsi usura.

Una discussione che, a livello governativo, non si è mai posta.

Teoricamente l’usura, riba’, non è ammessa dall’islam.

Dunque, chi sostiene che quel prestito sia usura sostiene che quel prestito non è in conformità con l’islam e che dunque non debba essere accettato.

A sostenerlo sono un buon numero di salafiti, che recentemente sono in polemica con un loro leader, il quale ha dichiarato che quel prestito non è usura.

Qui la notizia non è che i salafiti sono contro il prestito, ma che un loro leader sia a favore.

I Fratelli Musulmani, impersonati dal presidente Mohamed Morsi, non hanno invece avuto alcun problema nel considerare ammissibile il prestito.

Meglio: non si sono posti il problema così come non se lo ponevano in passato.

Qui la notizia è che i Fratelli Musulmani non sono necessariamente legati alla finanza islamica, un costrutto fortemente ideologico proveniente principalmente dal Golfo.

E che, viste le polemiche, chiedono all’Università islamica di al-Azhar, centro dell’islam sunnita, di emanare una fatwa che metta in chiaro l’ammissibilità del prestito.

Il ché ci racconta delle pressioni dei Fratelli su al-Azhar, che fino a ieri era il tempio di Hosni Mubarak.

Ci racconta, cioè, del processo in atto di Fratellizzazione di quella istituzione.

 

Tags: , , ,

4 Responses to Egitto. Fratellizzazione e finanza

  1. […] Visita il sito in30secondi oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

  2. Luca Troiano on 2012-09-05 at 08:03

    Posso fare una domanda che non c’entra niente con l’articolo?
    Quale traslitterazione è più corretta tra Morsi e Mursi?
    Saudi Gazette dice che sono indifferenti, per quanto la maggioranza dei media internazionali privilegi la prima. Però ci sono anche testate come BBC e Reuters e al-Arabiya che scrivono Mursi..
    Io finora ho scelto la seconda e ho già litigato con un tipo per questo motivo!

  3. Lorenzo Declich on 2012-09-05 at 09:33

    Luca, non ti sto a spiegare. In Egitto si “dice” Morsi, la vocalizzazione “standard” vorrebbe “Mursi”, la traslitterazione scienfica richiederebbe Mursī.

    Il tutto deriva dal fatto che l’arabo ha una scrittura consonantica, che “nota” solo tre vocali brevi (convenzionalmente a,i,u), il ché non corrisponde col parlato.

    Insomma, la scelta è fra la riproduzione di una pronuncia e l’attenersi alle regole fono-grammaticali dell’arabo standard.

    Roba, in fondo, poco importante, ma che genera continuamente il caos nelle trascrizioni :-))

  4. rafiqqq on 2012-09-07 at 00:09


    questo è un rapper marocchino che se la prende con il nuovo governo “islamico” marocchino…purtroppo non capisco molto bene il dialetto marocchino ma al minuto 1.25 se la prende con la riba’ e qualcosa delle banche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Archivi

 
'