Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Leggere Zakaria

2010-03-02
By

Probabilmente è vero che leggere Fareed Zakaria significa informarsi sulla “narrazione” che i democratici americani prediligono in una data congiuntura politica riguardo al “problema-islam”.

E se azzecchiamo la serie giusta di articoli firmati dal prestigioso giornalista del Newsweek, riusciamo forse anche a scorgere la strategia mediatica dei democratici americani sul tema.

Di certo Zakaria fa politica. Parla agli americani, intende plasmare le loro idee, convincerli. Per questo usa una dose massiccia di retorica american-intended e non lesina in furbe approssimazioni e/o velati paternalismi.

In questo quadro è interessante leggere insieme questi due articoli:

  1. “Learning to Live With Radical Islam” (28 febbraio 2009);
  2. “The Jihad against the Jihadis” (12 febbraio 2010).

(Vi avverto: questo è un post molto lungo, per cui se avete solo 30 secondi, fermatevi qui)

Nel primo Zakaria ci porta ad esempio la situazione nella Valle dello Swat (di cui ci racconta con buona approssimazione le vicende degli ultimi 20 anni) per spiegarci che esistono due tipi di radicalismo islamico: i “jihadisti violenti” e  gli “estremisti semplici”.

L’amministrazione di Bush non faceva questa distinzione e quindi si mise a fare la guerra a tutto campo: Zakaria fa notare – e ciò sinceramente fa scaturire in me un amaro sorriso – che gli americani hanno bombardato e continuano a bombardare un po’ tutti:

The Predator strikes have convinced much of the local population that it’s under attack from America and produced a nationalist backlash. A few Qaeda operatives die, but public support for the battle against extremism drops in the vital Pashtun areas of Pakistan.

Di qui parte un’analisi che definirei cinica se non dovesse rapportarsi al cinismo degli analisti neocon:

We have placed ourselves in armed opposition to Muslim fundamentalists stretching from North Africa to Indonesia, which has made this whole enterprise feel very much like a clash of civilizations, and a violent one at that. Certainly, many local despots would prefer to enlist the American armed forces to defeat their enemies, some of whom may be jihadists but others may not. Across the entire North African region, the United States and other Western powers are supporting secular autocrats who claim to be battling Islamist opposition forces. In return, those rulers have done little to advance genuine reform, state building or political openness.

In Nigeria, invece, dove agli islamisti è stata data un po’ di corda, la situazione in termini assoluti è migliorata:

Residents hadn’t become less religious; mosques still overflowed with the devout during prayer time, and virtually all Muslim women went veiled. But the government had helped push Sharia in a tamer direction by outlawing religious militias; the regular police had no interest in enforcing the law’s strictest tenets. In addition, over time some of the loudest proponents of Sharia had been exposed as hypocrites. Some were under investigation for embezzling millions.

E questo, in relazione alla situazione in cui si trovò ad esempio l’Algeria nel 1992 è, per Zakaria, un passo in avanti:

In Algeria, after the Islamists won an election in 1992, the military staged a coup, the Islamists were banned and a long civil war ensued in which 200,000 people died. The opposition has since become more militant, and where once it had no global interests, some elements are now aligned with Al Qaeda.

Infatti:

Many Islamists are bigots, reactionaries and extremists (others are charlatans and opportunists). But this can sometimes blind us to the ways they might prove useful in the broader struggle against Islamic terror.

Insomma: dividi il fronte e vedrai che qualcosa di buono arriverà, prima o poi, tenuto conto del fatto che bombardare, coi droni o meno, non fa che spingere alle armi chi prima non aveva intenzioni belliche.

La cartina di Tornasole, per Zakaria, è l’Iraq, dove Bush è dovuto giungere a patti in molte aree con gli sciiti e i sunniti più vieti e tradizionalisti.

Per quanto riguarda il sud dell’Iraq, a maggioranza sciita, il giornalista americano la butta giù così:

While some of this puritanism is now mellowing, southern Iraq remains a dark place. But it is not a hotbed of jihad.

Mentre nel caso delle aree sunnite:

The Bush administration partnered with fundamentalists once more … When the fighting was at its worst, administration officials began talking to some in the Sunni community who were involved in the insurgency. Many of them were classic Islamic militants, though others were simply former Baathists or tribal chiefs. Gen. David Petraeus’s counterinsurgency strategy ramped up this process. “We won the war in Iraq chiefly because we separated the local militants from the global jihadists,” says Fawaz Gerges, a scholar at Sarah Lawrence College, who has interviewed hundreds of Muslim militants. “Yet around the world we are still unwilling to make the distinction between these two groups.”

Il pezzo finisce con un’analisi sull’Afghanista in cui, dice Zakaria, la strategia del “distinguere” potrebbe essere ancora più fruttuosa perché in quelli che oggi vengono chiamati “talebani” c’è un po’ di tutto:

90 percent of the people we call the Taliban are actually tribal fighters or Pashtun nationalists or people pursuing their own agendas. Less than 10 percent are ideologically aligned with the Quetta Shura [Mullah Omar’s leadership group] or Al Qaeda

Insomma: iniziamo a fare un po’ di distinzioni perché altrimenti qui non se ne esce. Forse non porteremo l’America in Afghanistan ma almeno riusciremo a risolvere i conflitti e a disinnescare il terrorismo. Il resto verrà:

The veil is not the same as the suicide belt. We can better pursue our values if we recognize the local and cultural context, and appreciate that people want to find their own balance between freedom and order, liberty and license. In the end, time is on our side. Bin Ladenism has already lost ground in almost every Muslim country. Radical Islam will follow the same path. Wherever it is tried—in Afghanistan, in Iraq, in parts of Nigeria and Pakistan—people weary of its charms very quickly. The truth is that all Islamists, violent or not, lack answers to the problems of the modern world. They do not have a world view that can satisfy the aspirations of modern men and women. We do. That’s the most powerful weapon of all.

Il secondo articolo, a un anno di distanza, sembra riprendere il discorso proprio da qui, sebbene con qualche contraddizione.

Zakaria ci spiega che gli americani, all’indomani dell’11 settembre avevano paura del jihad globale: pensavano che il jihadismo potesse dilagare e la strategia di Bush – che definirei “istiga e devasta” – non fece che acuire il problema.

Negli ultimi anni però – ci dice l’analista – il lavoro compiuto dai musulmani “moderati” ha iniziato ad avere effetto:

Put simply, the moderates are fighting back and the tide is turning. We no longer fear the possibility of a major country succumbing to jihadist ideology. In most Muslim nations, mainstream rulers have stabilized their regimes and their societies, and extremists have been isolated. This has not led to the flowering of Jeffersonian democracy or liberalism. But modern, somewhat secular forces are clearly in control and widely supported across the Muslim world. Polls, elections, and in-depth studies all confirm this trend.

Ora: questi mainstream rulers non sono altro che i secular autocrats che un anno prima “claim to be battling Islamist opposition forces” ma “in return … have done little to advance genuine reform, state building or political openness”.

Senza contare che:

  1. la paura che un major country cadesse nelle mani dell’ideologia jihadista era solo americana, laddove per “America” intendo gli Stati Uniti,  il suo harboring eurabista-fallaciano in Europa e il suo golem mediorientale: l’Arabia Saudita.
  2. queste modern, somewhat secular forces sono clearly in control da diverse decine di anni ma non sono affatto supported accross the Muslim world per il fatto di corrispondere, ancora una volta, ai poco simpatici secular autocrats dell’articolo precedente.

Che succede, insomma? Fareed, ci prendi in giro?

Un po’ sì e un po’ no: Zakaria, come anticipato all’inizio, parla agli americani, non a noi. E discute non tanto di arretramento o avanzamento di una reale minaccia jihadista, quanto di jihadismo percepito e del fallimento della politica di nation building della passata amministrazione:

The focus of our concern now is not a broad political movement but a handful of fanatics scattered across the globe. Yet Washington’s vast nation-building machinery continues to spend tens of billions of dollars in Iraq and Afghanistan, and there are calls to do more in Yemen and Somalia. What we have to ask ourselves is whether any of that really will deter these small bands of extremists. Some of them come out of the established democracies of the West, hardly places where nation building will help. We have to understand the changes in the landscape of Islam if we are going to effectively fight the enemy on the ground, rather than the enemy in our minds.

L’articolo prosegue con una serie di esemplificazioni, tutte tese a dimostrare l’incontrovertibile progresso nella lotta al terrorismo.

Zakaria ci illustra un mondo che ha fatto dei sostanziosi passi in avanti grazie anche ad alcune iniziative prese da Bush:

The Bush administration launched a series of programs across the Muslim world to strengthen moderates, shore up civil society, and build forces of tolerance and pluralism. All this has had an effect. From Dubai to Amman to Cairo, in some form or another, authorities have begun opening up economic and political systems that had been tightly closed. The changes have sometimes been small, but the arrows are finally moving in the right direction.

Il fatto è che Zakaria ci racconta queste cose come se qualcosa fosse cambiato in questi anni quando invece ciò che è cambiato è solo il punto di vista di chi le descrive.

Un qualcuno che, probabilmente, sta mettendo in campo una nuova strategia la quale, pur non implicando l’uso di “istiga e devasta” e nation building, non è certo granché “pulita”:

America is no longer engaged in a civilizational struggle throughout the Muslim world, but a military and intelligence campaign in a set of discrete places.

Be’, almeno il conflitto di civiltà lo abbiamo tolto di mezzo.

Mi aspettavo un po’ di più ma – come dire? – that’s it: ecco qui, semplificato, il corno “politico” della teoria democrat riguardo a come si debba trattare il “mondo islamico” ai tempi di Obama.

Sul lato economico trovate una mia riflessione qui.

p.s. ringrazio Carlo Panella – uno degli espertoni chiamati da Maroni a far parte del Comitato per l’islam italiano (vedi qui) – per avermi ispirato la scrittura di questo post.

Il suo “Dire che Al Qaeda è stata sconfitta è solo una bestemmia” si scaglia (traducendo male) contro il secondo articolo di Zakaria in modo così sempliciotto e goffo che non ho potuto non impegnarmi in un’analisi, seppur breve, almeno presentabile degli argomenti messi in campo dal columnist del Newsweek.

Ecco l’inizio dell’articolo di PAnella (ho fatto copia incolla, eventuali refusi non sono miei):

Ma che “roba” sniffa Fareed Zakaria? Il suo articolo sulla “sconfitta di Al Qaida” segnala uno stato di alterazione nella percezione della realtà da far invidia ad un Allen Ginsberg in preda ai più forti coktail di funghi messicani e Lsd. Si prenda questo suo articolo, lo si incornici, e lo si riproduca in tutte le scuole del mondo come esempio di menzogna, malafede, falsificazione della realtà, demenza (fonte).

Ah… gli eurabisti di oggi!

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

4 Responses to Leggere Zakaria

  1. […] Read more here:  Leggere Zakaria « Tutto in 30 secondi […]

  2. Riccardo on 2010-03-02 at 23:24

    Direi che con questa frase:

    “Il fatto è che Zakaria ci racconta queste cose COME SE QUALCOSA FOSSE CAMBIATO IN QUESTI ANNI QUANDO INVECE CIO’ CHE è CAMBIATO è SOLO IL PUNTO DI VISTA DI CHI LE DESCRIVE”

    Riassumi a perfezione tutto quanto. Ho perso il conto di tutte le volte che ho visto eurabisti formatisi sui libri della Fallaci vacillare dinanzi ad informazioni complete ed inconfutabili sul mondo islamico di oggi, e invece di dire “mi sbagliavo”, rigirare la frittata dicendo che “le cose sono cambiate in questi ultimi 2-3 anni”, quando invece l’unica cosa che è cambiata è il set di informazioni a loro disposizione: prima era solo di derivazione fallaciana, poi è diventato più ampio e corretto e non viziato da ideologie neocon, straussiane e simili.

    Riguardo Panella, direi che la sua ciancia sulla “menzogna, malafede, falsificazione della realtà, demenza” di Zakaria è niente più che proiezione…

  3. […] Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo « Leggere Zakaria […]

  4. […] Niente da dire se non quando, seguendo la deriva, Fareed Zakaria ci narra di mutamenti nel panorama del terrorismo e del jihadismo che sono, sembrano solo, cambi di prospettiva (qui). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

marzo: 2010
L M M G V S D
« Feb   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Archivi

 
'