Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

In Borneo va tutto bene

2010-03-10
By

Nel panorama desolante che ogni giorno la mia (ormai ponderosa) raccolta di fonti mi restituisce capita raramente di trovarsi di fronte a titoli come: “Gli indigeni del Borneo, ferventi cristiani, in armonia con l’islam” (qui).

Sembra infatti che fra musulmani e cristiani in Borneo non ci sia nessuna frizione.

Anzi, pare proprio che la pace e la comprensione reciproca la facciano da padroni e che addirittura, a differenza di luoghi come la Nigeria, vi siano casi di appartenenti alla medesima tribù che professano religioni diverse.

Fra le cose dette dal Mons. Joseph Hii Teck Kwong all’agenzia Fides,  dichiarazioni che sono alla base dell’articolo, c’è anche un riferimento alle recenti vicende riguardanti il “nome di Dio” (vedi qui):

Nel gennaio scorso, quando in Malaysia è scoppiato il caso dell’uso del termine “Allah”, i cristiani del Borneo, anche con il permesso ufficiale del governo, hanno continuato ad usarlo nella loro lingua Iban. “I musulmani locali non ci hanno manifestato alcuna remora. E se il governo ci incoraggia ad usare il Bahasa malaysia come lingua nazionale, credo che tutti i cittadini dovrebbero essere liberi di usarla, in tutti i suoi lemmi, per il proprio culto”.

“In Borneo – conclude – non abbiamo avvertito tensioni sociali o interreligiose per quella vicenda. Viviamo in pace e non vogliamo permettere a un gruppo minoritario di estremisti di manipolarla per renderla una emergenza nazionale. Sono convinto che la questione vada risolta con l’aiuto dei leader religiosi e del dialogo fra le diverse componenti in gioco”.

In Borneo, dunque, un “islam locale”, ben radicato nella società, non intende cedere ai dettami dell'”islam globale”, i cui interessi e obiettivi rischiano di danneggiare o distruggere una situazione di positiva convivenza.

Staremo a vedere.

Tags: , , , ,

3 Responses to In Borneo va tutto bene

  1. Giovanni on 2010-03-10 at 10:01

    Mi sembri leggermente scettico…

    • Lorenzo Declich on 2010-03-10 at 10:20

      L’articolo di Fides sembrava dire, fra le righe, che: “se nel Borneo succederà qualcosa di brutto non sarà certo a causa dei musulmani locali”.

      Il ché, cinicamente, è un po’ come dire: “siamo attaccati da forze esterne, tra poco succederà qualcosa”.

  2. donmo on 2010-03-10 at 11:43

    verrebbe da chiosare: “Honni soit qui mal y pense” ;-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

marzo: 2010
L M M G V S D
« Feb   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Archivi

 
'