Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Ho trovato lavoro 2.0

2010-03-11
By

Oltre al professore di islam a scuola, potrei fare anche l’imam. Chissà cosa ne pensano i musulmani.

Il 26 febbraio scorso su Stranieriinitalia.it è apparso un articolo che riporta la proposta di legge dell’On. Souad Sbai per istituire un registro delle moschee e un albo degli imam (qui).

Per iscriversi al registro:

ogni moschea dovrebbe chiarire  chi la guida, chi la finanzia e le attività che si svolgono al suo interno e presentare le  firme autenticate di almeno il 20% dei musulmani residenti in provincia. La Prefettura dovrebbe verificare solidità, sicurezza e igiene dei locali, ed esprimere un parere positivo sul suo ”impatto sociale” .

Per essere imam invece:

è chiesta l’iscrizione obbligatoria a un albo nazionale istituito presso il ministero dell’interno. Tra i requisiti, anche questa volta verificati dal Prefetto, ci sono la conoscenza dell’italiano, un’istruzione superiore , la condivisione della Carta dei valori e della Cittadinanza  e un attestato di idoneità rilasciato dalla Moschea di Roma.

Bene, diciamo subito che sono d’accordo sul registro delle moschee anche se non riesco a capire:

  1. come si fa a determinare la percentuale dei musulmani in una provincia se l’appartenenza religiosa di un individuo non è scritta da nessuna parte (e meno male);
  2. su quali basi la Prefettura esprime un parere sull’impatto sociale di una moschea.

Riguardo ai finanziatori, ai criteri di sicurezza, all’igiene etc. etc. la cosa non fa una piega.

Sull’albo degli imam, invece, siamo di fronte a un rischio di “legge a impatto zero” (cioè la non iscrizione di moltissimi imam reali e non immaginati) in virtù del certificato di idoneità che la Moschea di Roma dovrebbe rilasciare.

  1. la Moschea di Roma è sunnita: che facciamo con gli sciiti? Dovranno praticare il kitman, dissimularsi, per avere il certificato? O basterà loro fare professione di fede? E se fosse così chi impedirebbe a una persona non particolarmente ferrata in arabo e in islamistica di farsi rilasciare un certificato di idoneità?
  2. in base a cosa la Moschea di Roma ha l’autorità di rilasciare certificati? La Moschea di Roma è un’istituzione internazionale finanziata principalmente dall’Arabia Saudita (e poi, a cascata, da molti altri. Andate su www.moscheadiroma.com e capirete tutto). Non c’è il rischio che diventino imam solo gli amici dei sauditi?

Un’altra cosa positiva però c’è: stando così le cose potrei cercare di accreditarmi come imam. Può sempre tornare utile avere un pezzo di carta in più… non sia mai che qualcuno mi chiama a lavorare.

p.s. by the way il diffondersi di questa notizia sul web, come al solito, genera informazioni storte.  Per immigratiestranieri.it la proposta della Sbai è già quasi una legge dello Stato (qui) mentre per Blitz quotidiano “Anche gli imam vogliono l’albo professionale: e non solo loro…” (qui).

Tags: , , , , , , ,

10 Responses to Ho trovato lavoro 2.0

  1. letturearabe on 2010-03-11 at 09:24

    ah ah. qui al nord già da tempo ci sono alcuni “esperti” che vogliono istituire – loro, non arabi, non musulmani – un corso di formazione, un “master in imamologia” per formare gli imam possibilmente di seconda generazione. e pensare che mi ero messa a ridere quando ho sentito questa notizia . ma adesso c’è il comitato.

  2. equipaje on 2010-03-11 at 10:18

    Congratulazioni, non vedo l’ora di venire a sentire uno dei tuoi trascinanti sermoni ;)

    Concordo con letture: molto divertente, se non ci fosse il Comitato.

  3. falecius on 2010-03-11 at 11:54

    Cos’è, la Costituzione Civile del Clero? :) Credevo che questa destra stesse coi vandeani, non coi giacobini. :D

    • Lorenzo Declich on 2010-03-11 at 12:22

      Più o meno… secondo me con quest’ansia di controllo finiranno per controllare se stessi e basta … E poi produrranno funzionari-fantoccio totalmente invisi alle comunità reali … una cosa a metà fra kafka e woody allen.

      Già immagino documentari e fiction sugli imam italiani con titoli stravaganti.

  4. MilleOrienti on 2010-03-11 at 15:29

    Osservazioni molto pertinenti! E a parte ciò…auguri per il tuo nuovo lavoro! :-)
    Marco/MilleOrienti

  5. khadi on 2010-03-11 at 18:51

    Ovviamente si continuerà a pregare nei garage e nelle residenze private!
    Attestati? Registri? Albi? Ispezioni igienico-sanitarie fatte apposta per le moschee?
    I fatti dicono questo:
    Permessi di costruire non rilasciati senza valido motivo, agibilità bloccate come a Gallarate… Per rifiutarsi di rilasciare un parere sanitario basta niente!
    Le Asl non sono istituzioni apartitiche e questo, per esperienza, lo sanno anche i musulmani.
    :)

  6. darmius on 2010-03-11 at 22:19

    Va be’, per non parlare della vicenda Grottesca di Grosseto dove il comune cerca soldi per comprare un ex-cinema pur di non farlo finire in mano ai musulmani che (soldi all mano) ne farebbero una moschea… (vedete qui; http://lanazione.ilsole24ore.com/grosseto/cronaca/2010/03/06/300723-moschea_dibattito.shtml, ma anche altrove).

    Il questio è: ma nessuno si chiede come vengano scelti gli imam laddove l’islam è di casa?

    D

    • falecius on 2010-03-11 at 22:32

      Naturalmente no. Questo vorrrebbe dire fare come Loro (TM) e abbandonare le nostre Radici Giacobine, ovvove! :d

  7. letturearabe on 2010-03-12 at 12:12

    @darmius: no, perché come minimo devono sapere il corano a memoria e allora lorenzo non potrebbe più fare l’imàm ….

  8. […] Chiudo dicendo che sì, ci vogliono persone che sappiamo fare le cose in tempo utile, e che mi dichiaro ancora una volta disponibile al reclutamento (vedi qui e qui). […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

marzo: 2010
L M M G V S D
« Feb   Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Archivi

 
'