Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Mestamente

2010-04-13
By

Emergency ha abbandonato Lashkar Gah per motivi di sicurezza.

Ecco la dichiarazione di Alessandro Bertani, vicepresidente di Emergency, al riguardo:

“Se volevano non farci più operare a Lashkar-Gah, l’obiettivo è stato raggiunto. Non abbiamo più notizie dell’ospedale. Siamo fermi alla presa in possesso delle autorità afgane di sabato scorso” (fonte).

Senza un presidio internazionale di Emergency a Lashkar Gah non c’è più nessuno che possa raccontarci cosa succede nel Helmand.

Temo.

A parte, ovviamente, le rispettive propagande.

Immagino.

Quindi, la nuova offensiva dell’Isaf può partire.

Suppongo.

Tags: , , ,

8 Responses to Mestamente

  1. Mestamente | Politica Italiana on 2010-04-13 at 11:45

    […] via http://30secondi.wordpress.com/2010/04/13/mestamente/ Posted by admin on aprile 13th, 2010 Tags: Estero, mondo islamico Share | […]

  2. lia on 2010-04-13 at 12:50

    Mi permetto di riscrivere, poi sparisco per non rubare troppo spazio.

    Rendiamo esplicito il ragionamento + o – sotterraneo: per molte persone, Emergency (a cui comunque non farebbe male un portavoce diplomatico) sbaglia perchè si permette di curare anche i “nemici”; se ne deduce che è giusto sterminare i “nemici”, ora non ha importanza se per motivi ideologici/economici/politici o altro.
    Possibile che nessun “giornalista” si sogni di fare informazione su una cosa che si chiama Diritto Umanitario? Non possono, non vogliono o non ci arrivano? Vorrei leggere molti articoli che spiegano le convenzioni di Ginevra (es. la prima, sul trattamento dei feriti nelle operazioni di terra, si può leggere qui – vedere in particolare il capitolo II – http://it.wikisource.org/wiki/Miglioramento_delle_condizioni_dei_feriti_e_dei_malati_delle_Forze_armate_in_campagna_-_Convenzione_%28I%29,_Ginevra,_12_agosto_1949) e promosse dalla stessa Croce Rossa che in questi giorni viene portata ad esempio per quei monelli di Emergency.

    Poco tempo fa, quasi per caso, ho letto l’Anabasi di Senofonte, che – semplificando – è un racconto di guerra tra antichi greci e persiani. E’ molto facile da leggere, assomiglia ai racconti sulle guerre mondiali, e questo mi ha sorpreso: la testa della gente non è cambiata quasi per niente?
    Capiamoci: Senofonte, pur sapendo usare bene la retorica, combatteva con lance, frecce, scudi di pelle di bue e ogni due passi faceva sacrifici agli dei per sapere se e come muoversi.
    Cosa aspettiamo a far vedere se in 2000 anni abbiamo imparato qualcosa che non sia limitato al costruire mitragliatori e droni? Immagino che ci sembrerebbe rischioso dare un mitra in mano a un tizio che fino a ieri combatteva con le frecce, eppure è quello che stiamo facendo. Per pietà, impariamo noi e poi insegniamo ai bambini a essere qualcosa di diverso.

    • Realpolitik on 2011-10-12 at 09:57

      Scusa, con tutto il rispetto, ma ci fa o ci sei? Greci e Persiani erano gli uni una lega di nazioni che avevano raggiunto forse il massimo livello di consapevolezza e conoscenza ddi tutti i popoli della terra del tempo, l’altro, la Persia, era una grande civiltà, un Impero (anche se all’epoca non esisteva ancora questo concetto) che aveva dato i natali a importanti forme di spiritualità e come l’altra splendide città, quindi un’estetica già matura. MA erano due Nazioni che si riconoscevano l’ultra come tali e così si rispettavano; in Afganistan abbiamo invece un’anarchia, i Taliban (studenti) per lo più pkistani ma anche molti mujaeddin da svariati paesi non sono una nazione, sono solo briganti invasati da una dottrina del Male, del Terrore, manovrati ora da signori della guerra kirghizi, pashtun, ecc. o dai servizi segreti pakistani, poi grava la “massa” delle superpotenze Russia e Cina li vicine, vedi bene che non si può che scacciarli dal paese e ricostruire una comunità che si basi su vari compromessi, una operazione non facile, certo non si risolve a starsene a casa a protestare, oltrettutto e paradossalmente per i soldati che rischiano la vita per tale operazione di “polizia-pulizia” internazionale.

  3. Lorenzo Declich on 2010-04-13 at 13:08

    In questo paese passano dalla finestra cose terribili per il semplice motivo che si è occupati ad arginare la marea montante che sale su dalla porta.

    Sembra che neanche il semplice “nessuno tocchi Caino” riesca a passare.

  4. darmius on 2010-04-13 at 18:45

    “Senza un presidio internazionale di Emergency a Lashkar Gah non c’è più nessuno che possa raccontarci cosa succede nel Helmand”…

    MA SOPRATTUTTO non ci sarà più nessuno a curare i feriti!

    D

  5. Melone on 2010-04-14 at 06:58

    Dai su … un “comunista/anti-americano” applicatore di convenzioni di ginevra in Afghanistan?! Non era credibile.

    Ahem … Lorenzo, non vorrei provocarti altre fibrillazioni. Sappi che il nostro piccolo Magdi è lì che urla armato di bavaglino: Strada è colpevole di “umanitarismo integralista”. Tutte lui le pensa …
    http://www.ilfoglio.it/zakor/473#comments

    Ho cercato di fare il mio dovere, ma i commenti sono blindati da quelle parti.

  6. Lorenzo Declich on 2010-04-14 at 08:53

    Trasferirò su “propagatori di spazzatura”

  7. […] da curatore del blog mi permetto di linkare gli altri post sull’argomento: qui , qui e qui. Segnalo anche che durante la puntata non è uscito in maniera adeguata un fattore importante. Gino […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

aprile: 2010
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Archivi

 
'