Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Islamerican forgiving?

2010-05-17
By

Lo scorso 7 maggio il Community Board di Lower Manhattan ha detto sì al progetto di Cordoba Initiative di costruire una “Cordoba House” a due isolati da Ground Zero.

Poiché in questa Cordoba House dovrebbe esserci, insieme a molte altre cose, una moschea, il fatto ha suscitato proteste.

Ora, al di là del fatto che vi invito a seguire il link che porta al sito di Cordoba Initiative, l’esercizio è questo: partendo dalla “protesta madre”, che sta qui, seguite il propagarsi della notizia sul web e trovate il punto in cui questa “Cordoba House” diventa – in italiano – la “moschea del perdono”.

Il tracciato è molto semplice, la soluzione è la seguente: il creativo che ha inventato la moschea del perdono lavora nella più grande agenzia d’informazione italiana.

In nostro orientalista sociologico scrive:

11/9: 1/o ok moschea perdono a Ground 0
L’idea e’ creare un centro di cultura gestito da un imam moderato
07 maggio, 22:12
(ANSA) – WASHINGTON, 7 MAG – Ok della circoscrizione Lower Manhattan all’ampliamento di una ‘moschea del perdono’, in funzione da mesi nei pressi di Ground Zero. Il progetto, ‘Cordoba House’, costera’ 100 milioni di dollari e punta a creare un centro di cultura islamica per pregare, assistere a conferenze e spettacoli. La moschea, gestita da un imam moderato, svolge oggi solo la preghiera del venerdi’, ma nel giro di qualche anno la palazzina sara’ un riferimento per la comunita’ islamica di New York. (fonte)

Brutto, vero?

Fra i geniacci che elucubrano sull’accaduto c’è anche l’illuminatissimo Massimo Cecchi, un fan di Maroni e Castelli che ama:

Roberto Vecchioni, Francesco Guccini, Renato Zero, Pink floid, Van der graf generation, Madonna, Bruce springstin, Lucio Battisti, Battiato, Renato Carosone

e scrive:

FIRENZE – Ecco adesso siamo arrivati al massimo dell’indecenza, Oriana Fallaci, chiese fra le sue ultime volntà di fermare la costruzione della Moschea sulle pendici dei colli fiorentini a lei così cari, noi da buoni Italiani, e i Toscani, da bravi compagni, lo hanno permesso con la scusa dell’accoglienza. Oggi ci strabiliamo di fronte alla faccia tosta degli Islamici. Bene hanno avuto il coraggio,e non solo, hanno presentato anche il progetto,di chiedere di poter costruire una Moschea nell’ l’ormai triste Ground Zero. Un palazzo alto quindici piani proprio nello spazio in cui i “Santi” integralisti slamici fecero abbattere 2 aerei di linea sulle torri gemelle del Rokfeller center.Faccia tosta? no noi diciamo sete di conquista, il bello è che al sindaco Bloomberg l’idea non dispiace. Certo crediamo che il popolo americano non permetterà tale scempio, perlomeno noi, se fossimo statunitensi, non lo permetteremmo, ma quello che ci fà più effetto è che con somma vergogna, crediamo di tutti, sia fatta una proposta di tal genere da coloro che ormai da anni ammorbano con le loro usanze i nostri paesi. Crediamo sia ora di darci un taglio e che sia ben netto.

Insomma: se alcuni americani (e molti propagandisti filo-israeliani) vedono un’Eurabia, alcuni europei vedono un’Islamerica.

E’ questione di punti di vista.

Provinciali.

Qui, invece, trovate un elenco di musulmani morti negli attentati dell’11 settembre.

Tags: , , , , , , ,

0 Responses to Islamerican forgiving?

  1. darmius on 2010-05-17 at 22:18

    come minimo andrebbe chiarito al Cecchi che il Rockefeller Center a New York è ancora integro con la sua pista di pattinaggio natalizia, dato che dista diverse centinaia di metri a nord da gound zero.
    In appendice, invece, suggerisco a lorenzo di seguire e approfondire le vicende della moschea di Colle Val d’elsa (e quella di Grosseto), allora osteggiata dalla Oriana nazionale (che disse che se fosse stata costruita sarebbe andata dai suoi amici anarchici di Massa o Carrara per farsi dare l’esplosivo con cui farla saltare in aria!!). Le ultime voci collesi mi riferiscono che la moschea è stata costruita, ma verrà abbattuta perché in difetto rispetto al progetto approvato. L’abuso riguarderebbe una ventina di cm di luce delle finestre oltre il consentito…
    D

  2. […] (un giornalista noto conflittore di civiltà), membro del Comitato per l’Islam Italiano, il progetto di Cordoba Initiative: Mi imbarazza perché quest’iniziativa mi sembra segnata da una demagogia populista fino a farla […]

  3. […] le altre cose in una campagna per fermare la costruzione di una moschea vicino a Ground Zero (vedi qui e qui), sta tappezzando i bus di San Francisco (e area della baia),  Miami e New York con un […]

  4. […] articolo-monnezza sulla vicenda della “moschea vicino a Ground Zero” di cui ho scritto qui e […]

  5. […] news è passata come “la moschea di Ground Zero” (e da noi, addirittura, come “moschea del perdono“) ma che di fatto “moschea di Ground Zero” non […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'