Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

La Francia punisce il velo integrale

2010-07-14
By

La legge entrerà in vigore nella primavera del 2011. Sono previsti infatti 6 mesi “pedagogici” per convincere le velate a svelarsi.

La multa è di 150 euro.

30.000 euro invece li pagherà chi è sorpreso a obbligare una donna a indossare burqa e niqab (non si capisce però chi e come accerterà questo crimine).

Raddoppiata la pena se la vittima è minore.

Durante la votazione i socialisti sono usciti dall’aula:

Le PS a mis en avant “le risque juridique” d’une interdiction totale, estimant qu’une censure du Conseil constitutionnel serait “un cadeau inestimable pour les intégristes que nous combattons tous” (fonte).

Il testo della legge sarà esaminato in settembre al Senato, dove ci si aspetta una votazione dal risultato simile e dove la legge non verrà discussa.

Nell’articolo de “il Post” che segue c’è un errore: la Francia non è il paese europeo con la popolazione musulmana più numerosa.

E’ battuta di gran lunga dalla Russia (16 milioni contro 5. C’è anche chi dice 20) un paese che, a quanto ci risulta, si trova in Europa.

Secondo le stime governative saranno 2.000 le persone colpite dalla legge.

L’assemblea nazionale francese approva la legge contro il burqa

L’opposizione esce dall’aula per protesta, la legge ora aspetta solo il voto finale del senato

13 luglio 2010 | Mondo

L’Assemblea nazionale francese – la camera bassa – ha approvato questo pomeriggio la legge che vieta ai cittadini di indossare in pubblico il burqa e il velo integrale, con 336 voti favorevoli e un solo voto contrario. Assenti i parlamentari del partito socialista, che non hanno partecipato al voto in segno di protesta. L’unico esponente dell’opposizione ad aver partecipato al voto è stato il comunista Andre Gerin, presidente della commissione di inchiesta sul velo integrale, che si è espresso a favore della norma. A questo punto la palla passa al senato, dove la legge sarà discussa a settembre.

Il presidente francese Nicolas Sarkozy e le forze di centrodestra hanno investito molto su questa norma, e la loro maggioranza parlamentare esclude la possibilità di sorprese al senato: quello che non è ancora certo è cosa succederà quando la legge sarà definitivamente approvata. Le associazioni musulmane ribadiscono da mesi che l’islam non obbliga le donne a indossare il velo, e temono che questa offensiva legislativa possa finire con lo stigmatizzare genericamente lo stile di vita dei musulmani.

La Francia ha la popolazione musulmana più grande d’Europa: almeno cinque milioni di cittadini sui sessantaquattro totali. I difensori della legge sostengono che il velo è simbolo di oppressione e sottomissione delle donne. Il governo francese sostiene di voler perseguire, con questa legge, un percorso di integrazione efficace e proficuo, per evitare che l’emarginazione e la ghettizzazione di intere comunità possa portare a tensioni e rivolte come quelle esplose in diverse periferie nel 2005.

viaL’assemblea nazionale francese approva la legge contro il burqa | Mondo | Il Post.

Tags: , , , , ,

2 Responses to La Francia punisce il velo integrale

  1. falecius on 2010-07-14 at 18:16

    “un paese che, a quanto ci risulta, si trova in Europa.”

    Tutto dipende da dove uno decide che finisce l’Europa. Voglio dire, per i greci era il Don, per noi sono gli Urali, per Klemens von Metternich era la Landstrasse: per lui l’Europa finiva alla periferia orientale di Vienna. ma e’ sempre una cosa arbitraria. In fin dei conti secondo me “Europa” e’ un concetto piu’ ideologico che geografico. .
    E ormai, sta assumendo anche il significato politico di “Unione Europea” il che andrebbe a stabilire un parallelismo con “America” che indica sia il continente che gli Stati Uniti.
    In questa accezione sospetto che la comunita’ musulmana francese possa essere effettivamente la piu’ numerosa DELL’UNIONE, anche se comunque ci andrei cauto nel fare affermazioni categoriche (magari incasinano “popolazione musulmana” con ‘popolazione immigrata”, che ne so).
    Hai notato la passione dei giornalisti per il superlativo relativo? Tutto deve essere “il piu’ ” o “il meno” di un dato insieme (magari costruito all’uopo) o alla peggio “il piu’ dopo X “.
    (e l’ho fatto anche io: non mi stanco mai di insistere sul fatto che il paese al mondo con la maggior popolazione musulmana e’ l’Indonesia: fa un certo effetto).

    • Lorenzo Declich on 2010-07-15 at 06:09

      E ormai, sta assumendo anche il significato politico di “Unione Europea” il che andrebbe a stabilire un parallelismo con “America” che indica sia il continente che gli Stati Uniti.

      Esattamente… era questo che volevo dire tra le righe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

luglio: 2010
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivi

 
'