Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Attentato incendiario contro la moschea di Bologna

2010-08-05
By

E’ da un bel po’ che il centro islamico di Bologna è preso di mira, in un modo o nell’altro.

Il motivo del malcontento è la costruzione di una moschea in Via Pallavicini, in un’area che si trova appena fuori Bologna, sulla San Donato.

I soggetti che hanno agitato la campagna contro la costruzione della moschea sono stati principalmente un comitato di cittadini, la Curia locale, la Lega Antidiffamazione Cristiana, la Lega Nord, la Destra di Storace.

Nel maggio 2007 la giunta comunale di Cofferati manifestava l’intenzione di emanare la delibera che avrebbe permesso la costruzione e subito piovvero critiche.

Nel settembre 2007 la delibera veniva emanata: l’allora vicepresidente del Senato Calderoli annunciò il suo appoggio alla campagna proponendo il famoso Maiale-day contro l’islam e ottenendo qualche giorno dopo un temporaneo stop.

Nel frattempo si accendeva il dibattito fra un Amato che vedeva nella cittadinanza agli immigrati (in questo caso musulmani) uno strumento di integrazione e Casini che vedeva in essa un punto d’arrivo, una conquista. Quest’ultimo dichiarava anche:

C’è la corsa nel fare le moschee, io sono per la libertà di culto ma ci sono troppi luoghi di culto che non sono tali, ma zone dove si prolifera e si fa propaganda di terrorismo*.

Riporto qui il link a un video in cui un leghista bolognese di nome Umberto, in puro stile nazista (nega e stermina),  afferma – dopo aver detto di essere contro la moschea per motivi di “buonsenso” (troppo grande, area sbagliata etc. etc) – che:

se forse 100 anni fa tutti i parroci avessero detto date fuoco a questa categoria di persone forse l’avremmo fatto … l’estrazione sociale dei flussi migranti li rende facilmente manipolabili dai leader religiosi … il rischio è concreto … è così in tutta Europa.

Nel novembre 2007 Umberto Bossi e Roberto Maroni partecipavano, in un hotel del Pilastro, al convegno promosso da Lega Nord e Lega Antidiffamazione Cristiana dal titolo “Moschea? No, grazie!”.

All’inizio del 2008, a delibera approvata, il solito Magdi Non-ancora-Cristiano Allam ci metteva il suo zampino:

Lo sa il sindaco Cofferati che si appresta a regalare la mega moschea di Bologna a un gruppo islamico che, oltre ad essere estremista, conta in tutto solo 21 associati sugli 11.615 musulmani residenti nel Comune?

Notare che anche qui, come nel caso della Cordoba House, si usa l’espressione “mega-moschea” per dare l’impressione di un qualcosa di imponente e sproporzionato.

Mi fermo qui. Voglio dire: l’aria era pesante. Grazie, soprattutto, a chi speculava politicamente su odio e diffidenza (vedi qui).

E voglio precisare che non ho nulla contro il comitato dei cittadini. Contro tutti gli altri sì.

A fronte di nessuna evidenza di pericoli provenienti dal Centro culturale islamico di Bologna (se non, forse, di tipo economico, ma qui mi fermo) si metteva benzina sul fuoco.

E ora qualcuno ha lanciato il fiammifero.

——————–

* non so dire se fu il giornalista a storpiare l’italiano di Casini e fu proprio Casini a pronunciare una frase così scombussolata. Sulle “zone dove si prolifera” non so proprio come reagire.

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

2 Responses to Attentato incendiario contro la moschea di Bologna

  1. minos on 2010-08-08 at 11:50

    Da urbanista in erba avevo seguito per un po’ la questione: era stata proposta una moschea nella zona dietro la stazione, dove hanno costruito la nuova sede comunale. Mi pare una collocazione ottima: è un quartiere popolare, con una buona presenza di immigrati anche da aree islamiche, ben servita dai mezzi, ma soprattutto è un’area centrale, dove sarebbe possibile un tentativo di integrazione, eventualmente di controllo sociale da parte dei residenti. Ovviamente non se ne è fatto nulla, paradossalmente proprio perchè in una zona troppo centrale e ‘rappresentativa’.
    L’attuale centro islamico è, per usare un termine tecnico, ‘in-culo-ai-lupi’, potrebbero atterrarci gli alieni e nessuno se ne accorgerebbe. Se si verificasse una deriva terroristica se ne accorgerebbero solo i fagiani.

    • Bushra on 2010-08-14 at 23:43

      mi scappa da ridere quando leggo… “se si verificasse una deriva terroristica se ne accorgerebbero solo i fagiani”… infatti più che “derive terroristiche” da noi si verificano furti al centro e atti di vandalismo. Come comunità non abbiam problemi che venga traslocata la sede in centro o davanti alla questura perchè questo rappresenterebbe solo una garanzia per la comunità.
      Sono una frequentatrice del Centro di Cultura Islamica di Bologna e posso dire di aver visto spesso la polizia fare controlli e quant’altro… ma di solito si limita a dare la multa a qualche fratello che non trovando pargheggio lascia la macchina appostata male o becca qualche immigrato clandestino mentre esce dalla preghiera congregazionale e decide di rispedirlo al paese d’origine… il punto è che la gente si fa influenzare dalle leggende metropolitane e nessuno (o poche persone) pensano di andare personalmente a visitare il centro culturale per sfatare i pregiudizi che alggiano nell’aria dopo la propaganda anti-moschea…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

agosto: 2010
L M M G V S D
« Lug   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'