Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Dio di Gheddafi vs Portafoglio di Berlusconi 1-1

2010-08-30
By

Stavolta non ci casco.

L’altr’anno mi avevano minacciato di querela per ciò che andavo dicendo sulle hostess (pagate, o sottopagate o nonpagate) di Gheddafi.

Quindi su quel fronte starò zitto, anche perché l’antagonista del match fra maschioni mediterranei, ovvero zio Berluska, in questi giorni non veste l’abito del puttaniere.

Rilevo però che quest’anno alcune hostess si sono convertite all’islam in seguito alle “lezioni” gheddafiane.

E dunque mi sorge dall’intimo una domanda: che autorità ha Gheddafi sul piano religioso?

La risposta è: nessuna.

Quale autorevolezza? Quale influenza? Zero (a un certo punto, quest’anno, ha dichiarato un jihad contro la Svizzera a cui alcuni hanno creduto così poco da doversi poi scusare – tipo: scusate se questo jihad di Gheddafi ci sembrava una cazzata…).

La domanda seguente è: Gheddafi è un imam-fai-da-te? Uno di quelli che tanto terrorizzano la destra italiana? Quelle persone per eliminare le quali Maroni ha fatto il suo islamofobo “Comitato per l’Islam Italiano“?

La risposta è: “Sì. Gheddafi è un imam fai-da-te” che registra conversioni senza averne l’autorità.

Povere ragazze, farsi convertire da un ciarlatano…

————–

p.s. qualcosa cambia, però, quest’anno.

L’imbarazzo è molto maggiore, anche perché Gheddafi qui viene a festeggiare il secondo anniversario della firma del trattato di amicizia Italia-Libia, non il primo.

E qualcuno, legittimamente, si chiede se ‘sta tenda beduina a Villa Pamphili ce la dovremo sorbire anche l’anno prossimo e quello dopo ancora.

Se i romani come me dovranno, oltre alle autoblu endemiche, agli smargiassi di ogni genere che convergono nella capitale, alla chiusura del centro 1 giorno su 2 per manifestazioni, eventi istituzionali, berlusconate, alemmaniadi etc. etc., beccarsi ogni maledetto fine agosto anche il cazzo di elicottero gheddafiano che sorvola la città (andata, ritorno e controfagotto di velivoli della sicurezza) per andare a posare il dittatore giusto sopra al bar dove berrà il cappuccino. O magari la carica dei cavalli berberi. O chissà quale altro pusillanime esotismo del quale il nostro Berluska sembra andar pazzo.

Il rischio è forte perché l’amicizia di Berlusconi con Gheddafi, come è noto ormai a tutti, è principalmente un fatto di soldi, quindi è una cosa solida. E come ogni amico di Berlusconi che si rispetti (vedi Putin e il suo lettone), Gheddafi può venire qui da noi a fare quello che cazzo vuole.

La Lega ha poco da sbraitare sulla sloganistica pro-islam del Macho di Tripoli: come tutti ben sanno, i leghisti sono contro Gheddafi più in quanto banchiere, che non in quanto (improbabile) “islamizzatore dell’Europa”.

Secondo loro Gheddafi dovrebbe stare zitto, mettere i soldi in imprese italiane, e magari darne un po’ anche a loro, ma sottobanco, come fece con Haider.

E intanto eliminare dal pianeta, o perlomeno dallo sguardo dei media, quegli scomodi eritrei che l’Italia caccia via a pedate fra gli applausi del simpatico ministro degli interni leghista.

Un atteggiamento ipocrita, tipico di nazisti e cripto-nazisti.

Ecco la cesura lega-berlusca: il secondo vince le elezioni senza dover essere coerente con un’idea, per quanto bislacca.

Intanto giornali si riempiono della parola “realpolitik” e a me viene il vomito.

Leggete la rubrica “Lybian party” e capirete perché.

Tags: , , , , , , , , ,

6 Responses to Dio di Gheddafi vs Portafoglio di Berlusconi 1-1

  1. mizam on 2010-08-30 at 15:36

    Oltre che imam, teologo fai-da-te in grande stile! Non dimentichiamo che ha imposto il cosiddetto “Anno Jamahiriya”, ovvero la computazione degli anni lunari dalla morte del Profeta e non dall’Egira (risultato: i libici sono fuori sincrono di circa undici anni lunari rispetto al resto del mondo islamico); e, meraviglia delle meraviglie, la rimozione del “Qul…” (“Di’…”) nella recitazione delle sure coraniche in cui appare, secondo la raffinata idea che sia una inutile “istruzione per l’uso” e non parte integrante del testo.

    Credo che abbia riscosso poco successo anche nelle sue moschee, ma così è.

    • darmius on 2010-08-30 at 20:39

      Grazie mizam delle precisazioni (quella sul calendario non la sapevo). Ma forse che la censura sul “qul” sia un pudico retaggio del colonialismo italiano?
      D

  2. sgrz on 2010-08-30 at 18:12

    Omaggiare un fanatico terrorista: Come mettere a pecora un intero Paese in nome del Denaro

    Gheddafi: onori pubblici a un terrorista. In nome del Dio denaro

  3. mizam on 2010-08-30 at 22:37

    Caro D, già, l’ipotesi linguistica non è da scartare!
    :)
    In ogni caso è la riprova che ai nostri paladini delle libertà padane vanno bene anche i teologi fai-da-te (basta che siano ricchi sfondati)…

  4. […] Gheddafi, si diceva, non ha alcuna autorità né autorevolezza in ambito […]

  5. […] Dio di Gheddafi vs Portafoglio di Berlusconi 1-1 […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

agosto: 2010
L M M G V S D
« Lug   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'