Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Senza bufale né omissis

2010-09-16
By

Oggi MilleOrienti pubblica un post dal titolo “Cristiani assediati ovunque: in India, Pakistan, Indonesia, Medio Oriente…“.

E’ una panoramica su ciò che negli ultimi tempi il sentimento anticristiano (indiscriminato) ha determinato in termini di esplosioni di violenza e repressioni in aree dove l’identità religiosa funziona sempre più spesso da catalizzatore di istanze politiche.

Si tratta di un fenomeno molto complesso che, ho segnalato più volte, non può essere ridotto a un semplice “noi contro loro”, semplicemente per il fatto che sia “noi” che “loro” siamo ogni volta diversi (si vedano proprio gli esempi portati da MilleOrienti) e che spesso questi conflitti nascondono motivi più profondi, radicati in una storia che va considerata (si veda in Nigeria, ad esempio).

Eppure c’è chi proprio di contrapposizioni vuole crearne, a volte anche usando come strumento le parole, al contrario ragionevoli e misurate, di altri.

E’ il caso di Sussidiario.net di ieri, in cui si pubblica un’intervista a Piero Gheddo (questa sì è una fonte di prima mano, caro Meotti) il cui cappello fa così:

Le violenze dei musulmani contro i cristiani del Kashmir mettono l’Occidente di fronte a un sfida cruciale per la sua sopravvivenza. Lo spiega padre Piero Gheddo, missionario del Pime, profondo conoscitore dei Paesi dell’Asia grazie all’esperienza acquisita sul campo durante numerosi viaggi in tutto il mondo e a una rete di contatti con i religiosi presenti nei Paesi più a rischio. E proprio in virtù di questa esperienza, padre Gheddo sottolinea che l’unica risposta possibile alla sfida posta dall’islam può essere quella di un ritorno dell’Europa alla fede (fonte).

Leggendo l’intervista a Gheddo si capisce che sì, questi è davvero un “conoscitore dei paesi dell’Asia”, perché:

  1. quando viene chiamato a parlare di Orissa e Madhya Pradesh individua negli hindu i “persecutori”;
  2. la sfida cui si riferisce non è quella lanciata in Kashmir da alcuni violenti, ma in Europa dagli immigrati musulmani (la critica non è rivolta ai musulmani in quanto soggetti violenti ma ai cristiani europei in quanto ormai “pagani”).

Denunciare mistificazioni come queste, ovviamente, non significa che il fenomeno non esista (si veda ad esempio questo post su “l’Osservatorio islamico di resistenza alla cristianizzazione”) quanto, piuttosto, che dobbiamo accettare la sua complessità e dobbiamo provare a descriverla, per quanto possibile, senza cadere in trappole e semplicismi.

A questo proposito cito l’ultimo paragrafo del post di MilleOrienti:

La situazione è seria, e credo siano inutili, se non dannose, le “crociate mediatiche” di certi quotidiani italiani, che gridano quando c’è la notizia di una violenza e tacciono il giorno dopo, secondo l’imperante costume di “giornalismo fast food” che ignora la fatica degli approfondimenti e delle analisi. Ma altrettanto certamente tutti quelli che hanno a cuore il dialogo interculturale e interreligioso e la tutela delle culture “altre” qui in Italia non devono chiudere gli occhi o voltare la faccia quando gli “altri” sotto assedio sono i cristiani. “Ognuno è straniero per gli altri”, è il titolo di un post che MilleOrienti aveva pubblicato tempo fa. Tutela della identità culturale e della libertà religiosa devono valere per tutti, ovunque.

Infine, come già mi è capitato di fare, segnalo l’esistenza delle due agenzie cattoliche che più “coprono” (non senza ideologismi, intendiamoci), queste vicende: Asianews e e Fides News.

Tags: , , , , , , , ,

5 Responses to Senza bufale né omissis

  1. darmius on 2010-09-16 at 20:08

    Forse non è calzante, e forse è da estremista, ma mi viene in mente questo: ma tutti questi cristiani in India, Pakistan, Afghanistan, Kashmir, Indonesia, (escludo il Medio-Oriente), ecc. cosa ci stanno a fare? Mi chiedo, sono davvero i discendenti degli apostolizzati da S.Tommaso (evangelizzatore dell’India), o dei profughi nestoriani, o anche dei colonizzatori portoghesi-olandesi-inglesi? O non piuttosto comunità di missionari di varie confesssioni che con la scusa di missioni umanitarie (ospedali e assistenza) alla fine mettono radici in Asia come hanno fatto in Africa e altrove? è più lucida questa “missione” o quella dei migranti che ovunque vadano, per ragioni ben poco spirituali, non possono non portarsi dietro anche la loro religione?
    Forse che accanto a una Eurabia c’è anche una Cristasia?

    D

    e con questa mi sono davvero sput***ato…

    • Lorenzo Declich on 2010-09-17 at 06:28

      Be’… i cristiani in India (e subcontinente) sono lì da centinaia di anni e la loro presenza, nata principalmente con le missioni, è tutto sommato ben radicata, sebbene fortemente minoritaria (dovevano esserci piccole comunità di mercanti cristiani già prima dell’arrivo dei portoghesi, nel 1500, ma dovrei controllare). Riguardo al Medio Oriente (compreso l’Egitto) sapete bene quanto antica e variegata sia la presenza cristiana. E, non sono il primo a dirlo, è un fatto assodato che in tempi storici e soprattutto in periodo coloniale, le comunità locali cristiane abbiano avuto un ruolo politico significativo nel raccordo con le potenze occidentali. Ciò, ovviamente, non ha mancato di rappresentare un elemento di contrapposizione con i musulmani, ma in modalità che poco hanno a che vedere con ciò che succede oggi. Diverse sono le situazioni nel Maghreb, dove i cristiani sono pochissimi e la realtà è stata sempre tutto sommato ancora missionaria. Là c’è un nuovo fenomeno, la presenza cristiana aumenta per l’arrivo di migranti cristiani dall’Africa subsahariana. Una sorta di “reverse” rispetto ai paesi della sponda nord del Mediterraneo. In ogni caso il proselitismo missionario ha un effetto decisamente microscopico nei paesi islamici (e anche in altre aree ma non in Africa subsahariana, dove il crisitanesimo, così come l’islam, è in crescita verticale a detrimento delle religioni “tradizionali”), da sempre. La storia è stracolma di insuccessi.

      La questione è complessa e variegata, non so se si è capito.

  2. letturearabe on 2010-09-16 at 20:39

    mii viene in mente uno scandalo che un paio di anni fa fece scalpore in algeria; preti di varie confessioni cristiane (anche cattolici) contro conversione barattavano visti per l’occidente, italia compresa. da lì la legge che vietava il proselitismo e che qui fece scandalo…

    • darmius on 2010-09-16 at 21:17

      è vero, come mai ancora non ci hanno pensato in Italia a fare una legge anti-proselitismo?
      D

  3. […] Senza bufale né omissis […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

settembre: 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivi

 
'