Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Iniezione letale vs lapidazione: sospesa

2010-09-25
By

Si effettua sul condannato un’iniezione endovenosa continuata di una dose letale di un barbiturico ad azione rapida (pentothal) in combinazione con un agente chimico paralizzante. La procedura assomiglia a quella utilizzata per effettuare un’anestesia totale. In Texas e nella maggior parte degli altri Stati che utilizza l’iniezione letale per le esecuzioni viene usata una combinazione di tre sostanze: un barbiturico che rende il prigioniero incosciente, una sostanza che rilassa i muscoli e paralizza il diaframma in modo da bloccare il movimento dei polmoni e un’altra che provoca l’arresto cardiaco (fonte).

In pratica muori legato a un letto, in una camera bianca, e (sembra) che la cosa non ti provochi nessun dolore (salvo complicazioni, che possono esserci), se non quello dovuto all’inserimento dall’ago nella vena.

Vieni assassinato apparentemente bene. Perché lo Stato, che ti ammazza, non vuole apparire efferato nel farlo.

Anzi: quasi nasconde la tua morte.

Mentre l’opinione pubblica la tratterà in base alle proprie abitudini culturali: veniamo a sapere da diverse fonti, ad esempio, che Teresa Lewis detiene un record, è la prima donna ad essere stata uccisa con un’iniezione letale. Ma non può fregiarsi  del titolo di essere la prima persona sub-normale ad essere ammazzata negli Stati Uniti.

Come se essere donna, o essere un po’ scemo, faccia la differenza, sottoterra.

Eppure sono dati di cui siamo puntualmente informati, in questi casi. Perché? “Conosci l’ossessione per le statistiche degli americani”, mi dice una vocina. Sì, un’ossessione che non si ferma nemmeno di fronte al boia, aggiungerò.

Cosa c’è di meno importante e allo stesso tempo di più raccapricciante di quella “curiosità” nel contesto di una esecuzione a morte?

Quella curiosità non è forse, in fondo, la stessa che porta un ragazzetto afghano a riprendere col telefonino una lapidazione?

Di fronte alla morte di Stato non c’è narcotico che tenga.

E usare l’una o l’altra condanna a morte, reale o virtuale, per scatenare l’indignazione di una parte è un delitto grave, perché nega a tutti gli altri condannati a morte il diritto di ricevere eguale attenzione.

Avremo tutto il tempo di parlare del “dato culturale” quando la pena di morte, in questo mondo, sarà diventata un ricordo.

Ora possiamo discuterne solo all’interno di un ragionamento su come rendere inaccettabile all’opinione pubblica di un qualsivoglia paese, un qualsiasi rituale di Stato che termini con la morte di qualcuno.

Tags: , ,

2 Responses to Iniezione letale vs lapidazione: sospesa

  1. Stefano on 2010-09-30 at 01:15

    So che stai facendo un discorso per il quale le aggravanti che sto per dire sono ininfluenti, ma mi preme far rilevare come l’iniezione letale sia ritenuta da molti medici una morte spaventosa. Sei lì, cosciente, privo di sensazioni e della capacità di muoverti, ad aspettare che il tuo corpo muoia per asfissia. Ho appena fatto il ripasso biennale della certificazione per il pronto soccorso: si considera che in questo stato si può durare fino a 10 minuti, per parte dei quali si può essere coscienti. Molto civile e pietoso tutto ciò, no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

settembre: 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivi

 
'