Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Morte del multiculturalismo? La fine dell'ipocrisia tedesca e la fine che farà l'Italia

2010-10-18
By

Angela Merkel dichiara la morte del multiculturalismo alla tedesca (qui).

Dice sostanzialmente: il sistema è fallito perché “pensavamo di vivere felicemente fianco a fianco” e invece…

All’inizio degli anni Sessanta abbiamo invitato i lavoratori stranieri a venire in Germania, e adesso vivono nel nostro paese. Ci siamo in parte presi in giro quando abbiamo detto ‘Non rimarranno, prima o poi se ne andranno’, ma non è questa la realtà. L’approccio multiculturale e l’idea di vivere fianco a fianco in serenità ha fallito, fallito completamente (fonte)

Ricordando a tutti che Angela Merkel è una donna conservatrice, ancorché spesso di buon senso, vorrei fosse chiaro un concetto, così la chiudiamo qui con questa storia del multiculti, descrivendone la vera natura: la Germania, avendo bisogno di lavoratori, ha per decenni gestito flussi migratori principalmente dalla Turchia, siglando patti bilaterali con quel paese che prevedevano anche la gestione del dato culturale o, per meglio dire, davano alla Turchia il modo di mettere il cappello sulla comunità turca in Germania.

Quello tedesco, dunque, fu prima di tutto un approccio economico (non molto dissimile da quello francese-algerino e mai realizzatosi in Italia, sebbene molti ne predicassero i benefici), nato dalle necessità realpolitiche di pompare l’economia tedesca, e realizzatosi di concerto con la Turchia che da parte sua beneficiava:

  1. dell’afflusso di moneta forte spedita dagli emigrati tedeschi alle proprie famiglie;
  2. del controllo effettivamente esercitato su un’intera comunità linguistica all’estero.

Un approccio economico che oggi non ha più ragion d’essere perché la Germania non ha più bisogno di lavoratori.

Anzi ce ne ha troppi.

La Merkel, nel suo discorso, è stata molto franca. Ha detto, praticamente: “facevamo finta che tutto questo non avrebbe avuto conseguenze e invece le ha avute”.

E ora che la Germania non può più assorbire lavoratori da fuori si scopre “invasa” e razzista.

Aiuto l’islam aiuto.

Eh no, ragazzi, non va mica bene. Io se faccio un prestito lo pago.

Qui non si parla di teorie dell’integrazione, di multicultura o intercultura. Qui si parla di una scelta politica che ha prodotto separazione.

Di una cosa che già in partenza era foriera di contraddizioni mai affrontate.

By the way: la cosa dovrebbe far riflettere anche chi, in Italia, decide di affidare al Marocco la moschea di Torino (qui) o, a suo tempo, decise di far costruire la moschea di Roma ai sauditi, invece di studiare chi c’è davvero a Torino o c’era a Roma.

Chi erano e cosa volevano i musulmani di Roma? Cosa vuole la comunità musulmana torinese, sempre che ce ne sia una sola? Non sarà il caso di dare 3 o 4 spazi più piccoli, più proporzionati ai bisogni delle diverse comunità?

Sono sicuro che la stragrande maggioranza dei marocchini che vivono in Italia non ama la politica del proprio paese: perché riproporgliela in moschea?

E perché permettere a un establishment economico di costruire una moschea a Roma senza nemmeno ragionare un attimo sui musulmani di Roma? Sulla loro provenienza e sulle loro aspettative?

In Italia non siamo multiculti né altro perché da decine di anni viviamo una non-situazione.

Perché in Italia non c’è mai stata né una politica dei flussi né una politica dell’integrazione (leggi Zmagria qui)*.

Né altro, se non la volontà di milioni di cittadini italiani di stare bene e mescolarsi, com’è normale, con i nuovi arrivati.

E se oggi la Germania paga dieci, noi fra vent’anni anni pagheremo cento.

——————————–

* e poi non si è nemmeno discusso di che cosa significhi davvero “integrazione”.

Tags: , , , , , , , , , ,

13 Responses to Morte del multiculturalismo? La fine dell'ipocrisia tedesca e la fine che farà l'Italia

  1. darmius on 2010-10-18 at 10:43

    Aggiungerei un terzo punto fra i benefici della Turchia: l’emigrazione come valvola di sfogo per una massa di “poveri” che tenersi in casa porterebbero instavilità.
    Ciò è valso anche per il Meridione italiano, e vale oggi per tutti i paesi ad alta emigrazione (l’Egitto, Africa subsahariana, ecc.)
    D

  2. Melone on 2010-10-18 at 10:56

    E io direi che la Cancelliera, oltre che furba, è anche un po’ classista. E che bisognerebbe sottolineare, come fai tu, di che tipo di cittadinanza e integrazione sta parlando: gastarbeiter (ieri), finché ce n’era bisogno (oggi).

    La signora mi si appiattisce sulle posizioni “di moda” attualmente …

  3. falecius on 2010-10-18 at 13:33

    Qui abbiamo una intera, enorme classe politica in Europa che non capisce una cosa fondamentale: sono venuti per restare. Come prima e insieme a loro, in alcuni paesi, erano arrivati gli italiani, gli spagnoli, i greci. Come tutti loro prima ancora si erano trovati con parenti andati e rimasti in Canada, Brasile, Argentina, Stati Uniti e Australia.
    Come…
    Come tutto quel grande movimento di persone (non è vero che l’uomo è sedentario) che l’immensa sovrastuttura favolistica e FALSA dei sedicenti “stati nazione” ha cercato di nascondere.
    Il problema non è mai stato, se non per falsa coscienza, quello dei turchi in Germania o dei marocchini in Italia. Il problema è sempre stato quello di una falsa coscienza che produce cose come l’Italia o la Germania o la Turchia.

  4. falecius on 2010-10-18 at 13:33

    Dopo lo sfogo, è ovvio che il discorso di Frau Angela è anche contraddittorio.

    • Lorenzo Declich on 2010-10-18 at 15:40

      bello sfogo, a me ‘sti sfoghi mi piacciono… mi ricordano alcuni dei “fondamentali” che bisogna sempre tenere a mente ;-)

    • Lorenzo Declich on 2010-10-18 at 15:40

      bello sfogo, a me ‘sti sfoghi mi piacciono… mi ricordano alcuni dei “fondamentali” che bisogna sempre tenere a mente ;-)

  5. Stefano on 2010-10-18 at 19:03

    La Merkel perde voti a destra all’interno del suo partito e allora prova col solito bla-bla-bla-islam-bla-bla-bla, che é peggio del razzismo e della miopia storica e sociale.

    • Lorenzo Declich on 2010-10-19 at 07:02

      Una prova del fatto che la tanto decantata “moderazione”, la tanto decantata “tecnocrazia” non risolvono i problemi: li procrastinano. E i problemi poi si ripresentano, peggiorati, anni e anni dopo.

  6. […] reazioni alle dichiarazioni di Angela Merkel sulla “fine del multiculturalismo” si potrebbe scrivere uno stupidario lunghissimo e una breve antologia di testi scritti o firmati da […]

  7. […] cristiano (CDU). La stessa cancelliera, Angela Merkel, si è affrettata a puntualizzare che “la società multiculturale è fallita”. Anche se a pappagallo la frase è riportata e fatta propria da tutti i media e politici […]

  8. […] C’era da aspettarselo, no? Era ovvio che, con le dovute strumentalizzazioni, il leader di un partito xenofobo e anti-islam si sarebbe appropriato delle parole della cancelliera tedesca. […]

  9. […] bene questa notizia chi ha cantato vittoria quando Angela Merkel ha parlato di “fallimento del multiculturalismo“. Merkel: Public service needs more […]

  10. […] Così pronta a intercedere per la costruzione di una moschea a Torino finanziata dal Marocco. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ottobre: 2010
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivi

 
'