Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Bussa anche tu alla porta del Leader Supremo

2010-10-21
By

Il 20 Ottobre, un gruppo di famiglie dei prigionieri politici in Iran, ha scritto una lettera indirizzata agli ‘ulama’ [for dummies: i giuristi islamici] e ai maraaje’ (lett.: “fonti” –  di emulazione – ovvero i Grandi giuristi islamici).

Nella lettera si legge (traduco da qui, il sito è Kalame, autorevole voce riformista) :

Ricordate che noi, con questa lettera, abbiamo bussato alla porta delle vostre case e, con la modestia e l’autostima propria dei musulmani, abbiamo condiviso con Voi parte della nostra sofferenza e pena giornaliera. Chiedete per nostro conto al Leader del paese dei musulmani se mai un dominatore  o un esecutore ha con tanta facilità perso il proprio sostegno pubblico e parte della propria essenza nazionale e popolare, e con tranquillità ha immaginato il popolo come parte dell’esercito nemico.

Chiedete se è possibile che la gran parte degli artisti, dei pensatori, degli intellettuali, dei politici, dei professori, degli studenti e della gente comune e del bazar di tutto il paese, sia costituita da cospiratori e da agenti del nemico

Queste e molte altre domande vengono poste nella generale cornice di una importante visita dell’Ayatollah Ali Khamenei (cioè il Leader Supremo, la più alta carica politica e religiosa dell’Iran) a Qom (centro del clero sciita) nell’anniversario della morte dell’Ottavo Imam ‘Alì al-Ridha (Alì Reza secondo la versione persiana).

Si chiedono come mai in Francia gli scioperi di questi giorni sono scanditi da proteste anche radicali senza conseguenze, mentre in Iran ogni opposizione concreta viene tacciata di fitna (ovvero “guerra interna” civile, intestina. Con valore molto negativo nell’Islam).

Le domande sono molte ben poste e indicano una coscienza politica molto sviluppata e una capacità di individuare le questioni salienti.

Le famiglie lo fanno rivolgendosi ai “ nostri cari leader religiosi”, quelli di Qom insomma.

Non si contesta dittatura o islam, ma la macchina giudiziaria iraniana che imputa ai manifestanti un’azione eversiva, manipolata dall’estero.

Mi chiedo se queste accuse di eversione western-based non siano un’ossessione che deriva dalla consapevolezza delle strategie regionali dei pasdaran: ovvero che a forza di gestire cellule pro-iraniane dappertutto, non si abbia paura che anche gli altri facciano così.

Però mi ricordo che questa è la miglior accusa mediorientalmente pensata di delegittimare l’avversario. Anche a costo, come si legge nella lettera, di perdere il sostegno popolare. Perderlo su vasta scala, come sta succedendo in Iran.

I leader religiosi di Qom ultimamente hanno dimostrato di essere tropo passivi, e le loro denunce pur molto forti, non sono mai state accolte estensivamente dalla popolazione. Non rappresentano più un’avanguardia politica per le riforma e la lotta.

E le famiglie dei prigionieri politici, a mio avviso, hanno colto l’occasione di scrivere una lettera ai maraaje’ per esprimere lo sconforto e la disillusione. Per fare un atto di accusa proprio a loro e solo dopo al Leader Supremo.

In Iran alleggia un’aria da morte degli dei. Anche se gli dei sembrano ancora non accorgersene…

L’avanguardia, ora, è il popolo stesso.

p.s. fra l’altro hanno scritto anche a Rafsanjani, per ricordargli che non ha mantenuto le sue promesse di riconoscimento dei diritti dei prigionieri: qui.

Tags: , , , , , ,

11 Responses to Bussa anche tu alla porta del Leader Supremo

  1. darmius on 2010-10-21 at 08:55

    quello di vedere nemici dappertutto è un vizio di tutti i regimi (e non solo quelli dittatoriali). E visto l’accerchiamento costituitosi intorno all’Iran negli ultimi tempi, la cosa appare ancor più giustificata.
    Detto questo, l’iniziativa è sicuramente indice di un dibattito interno che da qui sfugge.
    D

  2. falecius on 2010-10-21 at 09:14

    Interessante.

  3. champlooman on 2010-10-21 at 09:20

    @ darmius: la paranoia “infiltrazione estere” è una tipica forma di psicosi dei regimi dittatoriali, e mi permetto di dire, non solo. L’accerchiamento intorno all’Iran, è un dato di fatto. e l’accerchiamento attorno all’accerchiamento intorno all’Iran, in definitiva, pure (vedi: ),
    la cosa che mi è sembrata più rilevante è il rivolgersi alle autorità religiose , in quel tono, ovvero al di là delle richieste e dei desideri, ma solo per incriminarli, velatamente, di tradimento. secondo me.

  4. Lorenzo Declich on 2010-10-21 at 09:28

    Carne al fuoco.

    Ho chiesto via mail a Mazyar: “non è che la protesta è diretta lì perché altrimenti non potrebbe essere pubblicata?”

    Ha risposto: “esattamente così, ovviamente non possiamo averne la certezza, ma le lettere ai religiosi, restano sempre la via più sicura di protesta.
    credo anche che nella struttura iraniana sia anche l’unica che possa portare teoricamente a qualcosa (tipo, cambia di dirigenza…).
    sarà tragico il giorno che faranno petizione al comandante dei pasdaran…”

  5. falecius on 2010-10-21 at 09:37

    “la paranoia “infiltrazione estere” è una tipica forma di psicosi dei regimi dittatoriali, e mi permetto di dire, non solo”

    Sto scoprendo con letture recenti che è una paranoia diffusissima. E credo, almeno in origine, molto occidentale.

  6. Melone on 2010-10-21 at 09:45

    My two cents: le lotte con maggiori chances di successo sono quelle che condotte all’interno del discorso dominante. Chi ci vive sa cosa fare.

    Ecco perché il femminismo islamico e fenomeni simili che avanzano richieste fonti islamiche alla mano devono essere seguiti con interesse. Piaccia o no, la democrazia può essere anche islamica.

    E non ci discosteremmo neanche tanto da come è andata la storia delle nazioni europee. O mi sbaglio, Fal?

    • falecius on 2010-10-21 at 09:53

      melone: perché pensi che io lo sappia? :) Comunque, direi che hai ragione.
      Sul femminismo islamico, ho ascoltato di recente una lezione con cui venivano messi diversi puntini sulle i, in senso critico. Si diceva che quella prospettiva, è, più o meno, “pseudo-interna”, cioè portata avanti sulle fonti, ma soprattutto dal segmento colto dell’emigrazione in USA/Canada, quindi molto lontano e molto fuori dalla situazione concreta del Pakistan/Yemen/Tunisia/Indonesia/quelchevuoi.

  7. Melone on 2010-10-21 at 10:01

    Ti chiamavo in causa sulla storia dell’Europa e i suoi movimenti religiosi, visto che ne sai decisamente a pacchi.

    E sì, c’è anche da considerare che tipo di segmento sociale coinvolge il femminismo islamico. Però non sarei così netto sulla diaspora: si pesca moltissimo anche dalle classi medie locali, secondo me. Due forze che possono benissimo “trainare” il resto.

    • falecius on 2010-10-21 at 10:18

      Relata referebam.

    • Lorenzo Declich on 2010-10-21 at 10:23

      Su questo si può chiedere a Jolanda, che forse adesso è a Madrid.

      Sul fatto “dentro-fuori” bisogna capire fino a che punto le organizzazioni influiscono sui singoli. Ovvero: chi parla per chi? Questo è un problema che nn riguarda soltanto le donne musulmane ma anche, ad esempio, tutti i musulmani europei, che si vedono “raccontati” da entità di cui spesso non fanno effettivamente parte (leghe internazionali, fratellanze varie, leader di moschee “ufficiali”).

  8. […]  ha colto nel segno,  perché proprio in questi giorni e nei passati, (come ho anche scritto qui) Khamenei si ritrova indebolito per la frattura progressiva nel clero sciita iraniano (qui) che non […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ottobre: 2010
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivi

 
'