Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Maiale halal, la vendetta

2010-11-03
By

Doveva succedere ed è successo.

Perché nel mondo delle merci il bollino è tutto.

E se il bollino dice che quella è carne halal allora quella deve essere carne halal.

Anche se è di maiale:

[for dummies: i musulmani non mangiano carne di maiale e uccidono gli animali che mangiano in una maniera particolare, un modo che rende quella carne halal, lecita]

p.s. oh, quanto amo i cinesi. Riescono a vendere qualsiasi cosa.

Tags: , ,

14 Responses to Maiale halal, la vendetta

  1. equipaje on 2010-11-03 at 15:13

    Dopo le convergenze parallele e le guerre umanitarie, un brindisi a Orwell!

  2. P. on 2010-11-03 at 15:26

    Lacrimuccia ;)

  3. mizam on 2010-11-03 at 16:04

    Evviva! Importarla subito per i musulmani moderati!
    Il cotechino halal farà faville per Natale!

  4. […] This post was mentioned on Twitter by Elisa Pierandrei, Lorenzo. Lorenzo said: Maiale halal, la vendetta: http://wp.me/pFjlq-16q […]

  5. minnina10 on 2010-11-03 at 18:37

    Dai su che ci facciamo tutti una carbonara halal che secondo me fa un gran bene all’umore…

    • Lorenzo Declich on 2010-11-03 at 18:58

      Con quella scatoletta??? Ne dubito :-))

      • minnina10 on 2010-11-03 at 19:57

        Infatti mica ho detto alla salute! =D (Sono una appassionata del maiale e scherzando dico che se se ne mangiasse di più la gente sarebbe più felice e farebbe meno danni)

  6. falecius on 2010-11-04 at 02:25

    Minnina: la gente sarebbe più felice se IMITASSE il maiale, più che mangiarlo.

  7. mizam on 2010-11-04 at 02:46

    1) Imitarli li imitano già egregiamente vaste moltitudini, ma non mi paiono particolarmente felici;
    2) non so dalle vostre parti, ma qui nella gloriosa padania il consumo è ai massimi livelli, la devastazione ecologica causata dagli allevamenti è ottima e abbondante, la gente — ancora una volta — non pare in preda a particolare letizia, e i danni, ahinoi, li fa alla grande.
    :-)

  8. Stefano on 2010-11-04 at 04:16

    MAFFANTASTICO!!!
    Oh, una domanda filologica: “halal” è, magari per vie traverse, alla radice di “alleluia”? Leggo qui: http://www.etimo.it/?term=alleluia “dall’ebraico ‘halelu’, lodate (HALAL o HILLEL, lodare) e ‘JAH’, sincope di ‘IEHOVAH’, Dio, Signore.” Ce lo so che l’ebraico non è proprio la stessa lingua, ma voglio dire, shalom e salaam so’ la stessa parola, no? Quindi magari non è tanto tirata per i capelli…

    • Lorenzo Declich on 2010-11-04 at 07:25

      A naso ti dico di no. L’acca di halal è forte e solitamente un’acca forte diventa una ci, tipo Macomet invece di Maometto. In arabo la radice significa “sciogliere”, “risolvere”… “lodare” si dice in un altro modo che non ha legami con il termine in questione… però su questo invoco Darm, che è il filologo della situazione. La cosa più simile ad “alleluia” che mi viene in mente per l’arabo è “Allahumma” (اللهم), che è praticamente un nome di dio e che è abbastanza vicino all’ebraico Elohim… però su questo alzo le mani.

      • darmius on 2010-11-04 at 16:02

        oggi mi sento filologico: sia l’ebraico che l’arabo hanno una radice HLL (هلل) da cui traggono dei verbi che significano “esultare” o anche “salutare esultando”. Formalmente è la stessa radice da cui il greco creava il verbo alalazo (e da cui il “nostro” alalà). Alleluia è dall’ebraico (imperativo hallelu Yah = salutate Dio esultando). Effettivamente, se in arabo esistesse un dio Yah, si direbbe più o meno uguale: hallilu Yah.
        Halal è invece dalla radice .HLL (حلل).
        D

  9. […] Il mio post sul maiale halal di ieri è stato ripreso da “Una via per Oriana“, un sito berlusconiano e, ovviamente, islamofobo. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Archivi

 
'