Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Tutto il cablegate "arabo", paese per paese

2010-12-02
By

Si presenta così la pagina di al-Akhbar dedicata ai cablogrammi ricevuti da Wikileaks e oggi pubblicati:

Il quotidiano libanese “di sinistra” aveva annunciato ieri la pubblicazione di cablogrammi che nessuno, neanche il sito di Wikileaks, aveva pubblicato.

E aveva dato qualche interessante anticipazione.

Ora il sito del giornale oggi è quasi paralizzato.

I cablogrammi sono organizzati in base ai mittenti.

Qui di sotto trovate i link ai post che contengono le intestazioni e piccoli excerpts dei cablogrammi:

  1. Beirut
  2. Tunisi
  3. Tripoli
  4. Rabat
  5. Baghdad
  6. Nouakchott
  7. Il Cairo
  8. Algeri

Non è chiaro se al-Akhbar pubblicherà nuovi cablogrammi in futuro.

E’ chiaro però che qualcuno a Wikileaks si è premurato di indirizzare i cablogrammi giusti ai media giusti nel semi-silenzio dei network arabi più importanti.

Vedremo in futuro se a Wikileaks hanno previsto anche una scaletta che introduce o suggerisce una narrativa, o comunque una escalation delle rivelazioni e a che scopo.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 Responses to Tutto il cablegate "arabo", paese per paese

  1. […] files “arabi” di Wikileaks invece, e precisamente quelli provenienti dal Cairo, apprendiamo che l’Egitto, […]

  2. […] il sito al-Akhbar, il giornale libanese di sinistra che in questi giorni ha pubblicato in anteprima diversi dispacci in possesso di Wikileaks, è stato risucchiato […]

  3. […] Al-Akhbar è l’unico giornale arabo ad aver pubblicato integralmente i cablogrammi usciti da Wikileaks e per almeno una settimana ha avuto l’esclusiva su alcuni di essi. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dicembre: 2010
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi

 
'