Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Freedom House: la Tunisia è il paese più avanzato

2011-01-19
By

Lo scorso 12 marzo scrivevo un post su un rapporto di Freedom House (Women’s Rights in the Middle East and North Africa, qui), che dava la Tunisia come il paese arabo (+ l’Iran) più “avanzato” in rapporto ai 5 parametri “di libertà” che seguono:

  1. nondiscrimination and access to justice
  2. autonomy, security, and freedom of the person
  3. economic rights and equal opportunity
  4. political rights and civic voice
  5. social and cultural rights

Verrebbe senz’altro da ridere (amaramente), a questo punto, ma è bene fare qualche ragionamento dando per certa la buona fede di Freedom House: dobbiamo pensare che la rivoluzione tunisina ha avuto luogo in ragione della maggiore libertà in cui ha vissuto la Tunisia in questi anni?

La risposta è articolata e porta ad altre domande: la rivoluzione tunisina nasce da una crisi economica ma è principalmente il risultato delle aspirazioni di libertà del popolo tunisino. A cosa serve pensare alla libertà nel modo in cui ci ha pensato Freedom House? A cosa serve valutare parametri di libertà in assenza di libertà?

Provo una risposta: a niente, o quasi, a meno che non pensiamo che anche la non-libertà sia soggetta a riforme progressive: un vero nonsense.

Si potrebbe opinare che il rapporto riguardava i diritti delle donne. Ma come possiamo dare un quadro corretto della questione dei diritti delle donne se sbagliamo i parametri dell’analisi generale?

Esempio: i musulmani sciiti in Egitto non sono ammessi. Diremo che in  Egitto c’è libertà religiosa se i copti stessero meglio di come stanno? No. Potremmo solo dire che i copti stanno meglio e che in Egitto non c’è libertà religiosa.

Anche in ottica comparativa troviamo un vizio nel concetto di gradiente della libertà: possiamo dire “c’è più libertà religiosa in Egitto che in Arabia Saudita”? Potremmo, certamente, ma rimane il fatto che in entrambi i paesi non c’è libertà religiosa e basta.

Tornando al rapporto di Freedom House esploriamo la possibilità che i tunisini abbiano risposto alle domande degli intervistatori in preda alla paura: in questo caso il lavoro sarebbe ancora più insignificante, dovremmo lanciarlo nella spazzatura e licenziare Freedom House con una pernacchia.

In base ai dati di Freedom House (se veritieri) non avremmo mai potuto immaginare la rivoluzione tunisina. Il ché indica che l’idea di libertà di Freedom House è perlomeno da rivedere. O, alla meglio, che la metodologia di Freedom House è completamente fake.

Ero propenso a credere che certi survey aggiungessero ben poco alla capacità di analisi degli osservatori.

Ora ne sono sicuro: sono favole, favole in numeri.

Tags: , , , , , , , , ,

3 Responses to Freedom House: la Tunisia è il paese più avanzato

  1. ilcomizietto on 2011-01-19 at 10:17

    Io invece penso che quella classifica abbia un senso e lo fai notare tu stesso nel post: c’è chi sta peggio e chi sta meglio, e una certa maggiore libertà favorisce certi salti di qualità (forse). Però deve essere ben chiaro che stare meglio non significa che non ci sia nulla da fare e nemmeno che si sia liberi. Forse per chiarire meglio il senso di questa classifica bisognerebbe chiamarla con un altro nome, tipo “gradiente di disagio della popolazione” o indicare un punto zero sotto il quale i paesi sono da considerarsi non liberi.

    • Lorenzo Declich on 2011-01-19 at 10:34

      Non so…. io penso che più di una maggiore libertà abbia contato la congiuntura di una crisi economica in un paese che nominalmente ha il reddito pro capite più alto ma di fatto aveva una distribuzione fortemente ineguale della ricchezza. Gli unici atti di vandalismo perpetrati direttamente dai rivoltosi sono stati nelle case dei Trabelsi (la famiglia della moglie di Ben Ali). Prendiamo ad esempio il Marocco: c’è una discreta libertà di espressione, ma neanche un vago segnale di rivolta…

  2. darmius on 2011-01-20 at 09:35

    effettivamente anche io ho sentito un certo “massimalismo” nel tuo post, Lorenzo. De tipo la libertà o è tutta o non è. Ma il discorso, come dici tu, è articolato: oltre alla situazione economica in Tunisia mi sembra di capire che vi sia un gravissimo problema di corruzione e gestione “clanica” della cosa pubblica. Il che ostacola la mobilità sociale e la libertà non solo di espressione ma di iniziativa economica e politica.
    Detto questo, la classifica che citavi trova un senso forse nel fatto che le manifestazioni di piazza a Teheran l’anno scorso sono state represse e domate, quelle della Tunisia no (o per lo meno non ci sono riusciti). Con tutti i distinguo del caso, riusciresti a immaginare una rivolta analoga in Arabia?
    D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

gennaio: 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'