Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Guido Rampoldi e la storia araba

2011-01-29
By

Oggi Guido Rampoldi su “Repubblica” firma un commento sulla rivolta egiziana.

Lo riassumo in  15 secondi: Mubarak quasi sicuramente non ce la farà ma tutti – nelle alte sfere – sperano che Mubarak ce la faccia, perché le alternative sono difficili. I giornalisti devono iniziare a studiare la situazione, altrimenti continuiamo a dire banalità o castronerie. L’Italia deve avere un ruolo perché sta proprio in mezzo al Mediterraneo, e con i paesi della sponda sud fa un sacco di affari.

Bene, tutto più o meno condivisibile, anche perché – dico la verità – la carne messa al fuoco  è poca.

Molto poca per uno che passa – fra l’altro – per “esperto di mondo islamico e Medio Oriente” (ma perché diventano tutti esperti di mondo islamico e Medio Oriente? Forse perché è il miglior modo di riciclarsi senza dare nell’occhio?).

Grosso dissenso invece sul titolo, che fa “La rivolta che cambia la storia araba”, e su qualche frasetta di “storia araba”. E’ vero che l’Egitto è un paese chiave, ma la rivolta è partita da Sidi Bouzid in Tunisia. Non è un dettaglio: se lo si elide l’analisi parte storta, non considerando ciò che ha significato dal punto di vista simbolico la rivolta di Sidi Bouzid e la rivoluzione tunisina: la possibilità di un popolo di ribellarsi contro un dittatore.

E poi bisogna smetterla, cari miei, di pensare alla Storia come a un gancio in mezzo al cielo (citando l’incontestabile Baglioni), una specie di ciambella di salvataggio nei casi in cui non si abbiano altri elementi di analisi. Se si dà per assodato che “dall’Ottocento l’Egitto è il laboratorio della storia araba”, si dà per scontato che qui stiamo parlando di “storia araba”, la qual cosa, visto ad esempio cosa succede in Albania, non è affatto scontata.

Possiamo per una volta smettere di ragionare su schematismi? Proprio adesso che iniziamo pian piano a capire quanto il conflitto di civiltà sia una bufala, vogliamo iniziare a “recintare” di nuovo usando la formula “storia araba”?

Possiamo invece pensare che il “motore della storia” – e non il postmoderno “conflitto di civiltà” – risieda ora proprio in Tunisia o in Egitto? E domani, magari, a Città del Messico?

La storia tout court, la Storia con la “esse”. Perché dire “storia araba” significa ancora una volta ingabbiare un evento in una categoria non necessariamente funzionante: l’esperto Rampoldi dovrebbe sapere – ad esempio – quanto abbia fallito il panarabismo politico, e quanto Mubarak sia espressione, insieme ad esempio alla Lega Araba, di questo fallimento. Certo, esiste un mondo arabo, ma che cos’è oggi il mondo arabo? Ce lo spiega Rampoldi?

Dire “storia araba” significa ragionare in termini che tengono sia loro che noi fuori dal quadro vero, che è il mondo intero.

Quanto a “noi”, per finire, sembra quasi che siamo intoccabili. E’ come se tutto quello che succede non dovesse coinvolgerci a un livello superiore a quello dei semplici osservatori, come se noi in qualche mondo potessimo sempre e comunque far andare le cose come vogliamo.

Cosa non vera.

 

Tags: , , , , , , , , , ,

0 Responses to Guido Rampoldi e la storia araba

  1. Ahmad Gianpiero Vincenzo on 2011-01-29 at 10:34

    Sono d’accordo: gli intellettuali italiani ormai non riflettono più, sono per la maggior parte opinionisti che danno voce al mainstream delle ovvietà, che speso però hanno un chiaro significato politico. Ridurre tutto quello che avviene in questi giorni a una storia tra “arabi” significa cercare di limitare la portata di una vera e propria rivoluzione di popoli che mette in crisi il sistema di controllo su cui si basano le società “democratiche”. Sarebbe interessante riflettere sulla realtà della democrazia oggi. Ma meglio non svegliare il can che dorme, in Italia come altrove…

    • Lorenzo Declich on 2011-01-29 at 10:46

      E’ veramente insopportabile. Ieri Nigro (vedi il post di ieri e il commento “scimmiesco” di terzogiro), che scriveva una cosa molto più a destra di ciò che diceva, in contemporanea, Hilary Clinton. Oggi Rampoldi.

  2. minos on 2011-01-29 at 11:49

    Il dummy ringrazia: avevo letto l’articolo, mi sembrava meno fesso della media e speravo tanto in un tuo commento.
    Tra i commentatori-dummy ci si domanda quando verrà la volta dell’Italia. E se non venisse mai? Ho l’impressione che tunisini, algerini, egiziani e albanesi usino internet in modo più diffuso e consapevole.
    Siamo dalla parte sbagliata del web divide (si dice così?)
    Se vuoi soffrire un po’ http://zambardino.blogautore.repubblica.it/2011/01/28/presto-per-dire-che-la-rete-ha-vinto/

  3. Ahmad Gianpiero Vincenzo on 2011-01-29 at 16:41

    Non credo che il problema italiano sia il minore uso di internet, addirittura penso che lo si usi di più nel nostro paese. La mancanza di idee è il vero problema. Siamo un paese che si sta progressivamente istupidendo, dove mancano coraggio e cultura. Faccio solo un esempio relativo al quadro politico. Le opposizioni, vero paradigma delle lacune della cultura nazionale, lamentano che il premier “non stia governando il paese”. In realtà, chiunque conosca un minimo i “palazzi” sa che il paese è governato “benissimo”. Nel senso che ci si può permettere qualsiasi cosa, sollevando una contestazione a dir poco minima. é la vera apoteosi del controllo politico. Nel paese c’è la corruzione? Allora si sopprime anche quella parvenza di Commissario anti corruzione che c’era. C’è discriminazione? Anche in questi casi si neutralizzano gli organismi di controllo. Prima il clientelismo era un male necessario del sistema politico, adesso è diventato “il” sistema politico. Potrei continuare, ma è meglio di no. Buona giornata a tutti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

gennaio: 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'