Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Giovanni Sartori e il caro vecchio Hosni Mubarak

2011-02-01
By

Giovanni Sartori l’ha rifatto. Ha voluto metter bocca su cose che non conosce. Cose che – diceva la mia prozia – ha sentito mentovare o poco più.

Roberta commenta: occhio, questo è un vecchiazzo osannato se spara merda su B., pressoché ignorato se spara cazzate sul Medio Oriente.

Ha ragione, ma io non ce la faccio a dargliela vinta.

Perché l’articolo apparso sul Corriere di ieri mi fa venire il veleno, e io il veleno lo devo espellere perché tengo famiglia e ho delle responsabilità.

Con Illusioni e delusioni Giovanni colleziona l’ennesima figuraccia e c’è da chiedersi fino a quando lo lasceranno ancora spargere fuffa dalla colonna più importante del più importante giornale italiano.

Si parte con un cappello sul fatto che:

gli Stati Uniti si sentono investiti della missione di diffondere la libertà e la democrazia nel mondo. L’intento è nobilissimo. Ma le buone intenzioni possono generare cattivi risultati.

E già qui siamo fuori rotta perché gli Stati Uniti seguono semplicemente i loro interessi: alla Bush quando c’è Bush e alla Obama quando c’è Obama.

Se non siete convinti andate a vedere la gerarchia dei finanziamenti americani all’Egitto negli ultimi anni. O, anche, ragionate sulla politica statunitense in Arabia Saudita (qui qualche esempiuccio a corto raggio). Ma davvero Giovanni Sartori non sa distinguere fra la retorica della democrazia e la promozione della democrazia?

Si dà il caso che in alcune situazioni (non tutte, anzi decisamente poche) promuovere “democrazia e diritti umani” sia per gli americani la strategia migliore, e questo è il caso dell’Egitto di questi giorni.

In altre situazioni, invece, una retorica della democrazia e dei diritti umani è fondamentale per non presentarsi al mondo come “quelli che vanno a prendere il petrolio” o anche “quelli che fanno i loro interessi più o meno bene” (vedi in Iraq).

Risultato: “democrazia e diritti umani” sono sempre sulla bocca dei politici americani, ma per motivi di volta in volta diversi.

E il missionarismo sartorile davvero non c’entra niente.

Andiamo avanti:

[…] Il grosso sbaglio del missionarismo americano è stato l’Iran. Lo scià Reza Pahlavi era sì un despota, ma un despota illuminato inteso a modernizzare il suo Paese. Quando scoppiò la rivolta istigata dal clero islamico, gli americani consigliarono ai generali dello scià di non resistere, di arrendersi. Khomeini rientrò trionfante da Parigi e li fece tutti fucilare. E da allora l’Iran degli ayatollah minaccia tutti i suoi vicini.

Gli americani non sbagliarono in Iran per motivi di “missionarismo”.

Sbagliarono perché fecero una cosa sbagliata: aiutarono lo Shah, che era il loro businnesman, contro Mossadeq, che era un democratico.

Aiutarono lo Shah per motivi di interesse, non perché pensavano che questi fosse più democratico o garantisse più diritti umani.

Sbagliarono, poi, quando scoppiò la rivoluzione? Può essere, ma non a causa del loro “spirito missionario”, non prendiamoci in giro, please.

Passando all’Iraq, probabilmente Bush credeva davvero che Saddam Hussein fabbricasse armi nucleari;

Sì, vabbene.

ma in ogni caso credeva che la sua guerra avrebbe instaurato una democrazia a Bagdad.

Ahò, ma davvero? Ma allora sei in cattiva fede, Giovanni.

Poverino, l’intelligenza non è mai stata il suo forte.

Mentre invece noi “lettori del Corriere” ci facciamo prendere in giro da Giovanni Sartori che ci viene a dire che la politica estera di Bush era sbagliata perché Bush era un po’ scemo.

E lo stesso discorso si dovrà fare al più presto per l’Afghanistan, dove il problema non è di trasformare un millenario sistema tribale in uno Stato democratico, ma di impedire che diventi, o ridiventi, uno «Stato canaglia » nel quale il terrorismo islamico possa liberamente produrre micidiali armi chimiche e batteriologiche.

Sì, col “metodo Sartori“, che consiste in una fortificazione militare che sorveglia il territorio dall’alto con i droni.

Ma veniamo all’oggi, al fatto che parte dell’Africa araba che si affaccia sul Mediterraneo (Algeria, Tunisia, Egitto) è subitamente esplosa. C’era da aspettarselo? No, nel senso che tutti sono stati colti di sorpresa.

Direi meglio: tutti coloro che si occupano di Nordafrica e Medio Oriente a tempo perso, come ad esempio Giovanni Sartori, sono stati presi di sorpresa.

Ma sì nel senso che sappiamo, o dovremmo sapere, che Internet, telefonini cellulari e simili sono formidabili strumenti di mobilitazione istantanea, e quindi anche di esplosioni insurrezionali (a fin di bene o a fin di male che siano).

Questa è proprio da vecchio trombone. A parte che non capisco bene cosa significhi  “a fin di bene o a fin di male” ritrovo un Sartori tecnologo/tecnocrate (vedi appunto come voleva sconfiggere i Talebani) convinto che il fatto di avere un telefonino o internet sia foriero di per sé di insurrezioni “subitanee” : non ci sono altri motivi validi che spingono i tunisini e  gli egiziani a rivoltarsi, secondo lui, e quindi non c’era modo di prevedere ciò che sta succedendo.

Mubarak era buono. Ben Ali pure. Ma ‘sti aggeggi, mannaggia, creano rivoluzioni!

Cosa che qui da noi però, nonostante siamo comandati da un puttaniere buono e siamo strapieni di telefonini, non succede.

Chissà perché.

Va bene. Lasciamo perdere e passiamo all’analisi sull’Egitto:

Al momento il caso più preoccupante è quello dell’Egitto […]  il rischio è (come ha scritto sul Corriere Benny Morris) di ripetere «un secondo Iran».

Questa affermazione non è basata su alcun argomento. Perché ci sarebbe questo rischio? L’Egitto è sciita? No. La rivolta è portata avanti dagli islamisti? No.Voglio dire: altri, in questi giorni, hanno provato a fare il parallelo, ma almeno portando temi, nozioni. Sartori invece no, dà per scontato l’assioma, rivelando un forte pregiudizio, del quale si delineano i contorni leggendo ciò che segue:

Mubarak è stato un leale alleato dell’Occidente, ha firmato la pace con Israele, non è stato un dittatore sanguinario e ha bloccato i Fratelli musulmani (che si presentano come un islam moderato che però appoggia Hamas in Palestina).

Ma anche: è stato un alleato americano per moltissimi anni nonostante non sia un democratico. La qual cosa nega – se ce ne fosse bisogno – il discorso di apertura sul “missionarismo” americano.

Sul fatto poi che Mubarak non sia stato sanguinario dobbiamo stabilire dei parametri. Se i parametri sono i nostri, quello di Mubarak è sempre stato un regime sanguinario.

Cosa diresti dell’Italia, mio caro Giovanni, se domani qualcuno ti sbattesse in prigione e ti picchiasse a sangue per il fatto di aver scritto sul giornale? E magari i poliziotti ti ammazzassero proprio in mezzo alla strada a bastonate come è successo a Khaled Said, il simbolo della rivolta egiziana, lo scorso giugno?

Perché questo “sguardo dall’alto”? Chi ti dà il permesso? Chi [email protected]))= sei, Sartori, per trattare in maniera così milioni e milioni di persone?

Sartori è davvero irricevibile, specialmente perché il suo discorso è sostanziato di luoghi comuni sbagliati, stupidi e sordi.

Dove stai Giovanni? In quale paradiso ti trovi? Perché parli degli egiziani o dei tunisini come se fossero gente che viene da un altro mondo?

Spero che Obama sappia come è andata in Iran e che non ripeta gli errori di allora. Viviamo in un mondo pericolosissimo, che dobbiamo fronteggiare non da missionari ma scegliendo il male minore.

Noi chi? Noi che abbiamo nemici? Noi che abbiamo privilegi e ci costruiamo nemici? Quale “male minore”?

Caro il mio Giovanni, temo che tu davvero non abbia capito quale sia il “male minore” nel mondo di oggi.

Tags: , , , , , , , ,

0 Responses to Giovanni Sartori e il caro vecchio Hosni Mubarak

  1. Melone on 2011-02-01 at 11:41

    Non sono d’accordo con Roberta. Sartori è una penna autorevole in generale, quindi moltissimi si fidano di lui anche quando parla di Medio Oriente.

    “[…] probabilmente Bush credeva davvero che Saddam Hussein fabbricasse armi nucleari”. Questa è davvero una chicca: il tipo davvero non sa di cosa parla.

  2. minnina10 on 2011-02-01 at 12:56

    Condiviso.

  3. Melone on 2011-02-01 at 14:20

    OT: Jordan is moving …

  4. Hurriya on 2011-02-01 at 16:46

    Bell’articolo: una chiarezza disarmante vs un semplicismo idiota (quello di Sartori). A proposito della presunta imprevedibilità delle rivolte nordafricane, l’altro giorno mi sono fatta un mucchio di risate leggendo che “alcuni Stati mediorientali […] sembrano aver raggiunto una certa stabilità interna”; fra questi ci sarebbe la Tunisia, in cui “l’asfissiante controllo poliziesco è stato ripagato dalla stabilità interna e da una crescita economica invidiabile, che ha fatto della Tunisia uno dei paesi arabi più occidentalizzati e, in certo modo, più benestanti” (M. Campanini, “Storia del Medio Oriente”, nuova edizione 2010!). In tale culla di bambagia circondata di candide colombelle svolazzanti, restano appunto inspiegabili le rivolte di cui sopra. :-|

    • falecius on 2011-02-01 at 19:14

      Beh, il modo in cui le rivolte sono arrivate era difficilmente prevedibile, ma la misura era colma da tempo. A scusa di Campanini si può dire che in effetti i regimi egiziano e tunisino SEMBRAVANO stabili.
      Non vado oltre, finirei troppo sul personale.

    • Lorenzo Declich on 2011-02-01 at 19:19

      Ah Massimo…

      • falecius on 2011-02-01 at 19:27

        Non sul personale riguardo a Campanini, non lo conosco di persona, sia chiaro.

        • Lorenzo Declich on 2011-02-01 at 21:05

          Campanini, al di là di tutto, è uno che le cose le ha studiate. E’ un po’ aggrovigliato in intellettualismi, semmai.

        • Lorenzo Declich on 2011-02-01 at 21:05

          Campanini, al di là di tutto, è uno che le cose le ha studiate. E’ un po’ aggrovigliato in intellettualismi, semmai.

  5. Melone on 2011-02-01 at 16:54

    http://www.euronews.net/2011/02/01/government-sacked-in-jordanian-reshuffle/

    Mi ero assentato un momento. C’è poca roba in giro, mi sembra. Il tipo ha giocato d’anticipo …

  6. anna on 2011-02-02 at 06:43

    dico la mia:
    1)nessuno di questi signori “alla Sartori” sono degli ingenui, tutt’altro, piuttosto è il loro potere mediatico-politico che è costruito sulla ignoranza becera altrui. hanno successo xché rappresentano -ahinoi- la maggioranza dell’Italicopensiero e dicono ciò che la gente vuol sentirsi dire, non solo a dx, ma anche a sx: lo spauracchio dell’islamismo che avanza in questi giorni viene agitato molto anche a sx (avete sentito l’Annunziata che intervista D’Alema?o i commenti di Repubblica?)
    2) certo anche stimati studiosi/osservatori di MO. si possono sbagliare, ma è imperdonabile la loro arroganza. le affermazioni assolute non sono appannaggio di nessuno.un bel “credo”, o “al momento la situazione appare” mi sembrano più onesti e plausibili. resta il fatto, che quanto sta accadendo in nord Africa era nell’aria, soprattutto in Egitto, era solo questione di tempo. ma gli osservatori, anche quando si recano nei paesi oggetto d’indagine o stanno nelle hall degli alberghi a 5* a farsi raccontare le storie comodamente tradotte in italiano (max francese alla Toto’), o frequentano i convegni paludati dove poter tessere trame per le loro scalate accademiche.
    così l’informazione è carente, omologata o addirittura in malafede, e le analisi pure
    morale: DOBBIAMO FARCI SENTIRE

  7. darmius on 2011-02-02 at 09:41

    dico anch’io la mia su questo articolo:
    1. a mio avviso la missione democratica (o la sua retorica) fa effettivamente parte del DNA degli Stati Uniti dai tempi dei padri fondatori del primo stato illuminista occidentale del XVIII sec.; del fatto che in seguito si sia svuotata di ogni contenuto serio molti americani non ne sono consapevoli, ma questo è un altro discorso.
    2. “da allora l’Iran degli ayatollah minaccia tutti i suoi vicini”: o non piuttosto che da allora tutti i vicini hanno percepito la rivoluzione islamica come una minaccia da combattere? è questa la balla sulla quale si basa il presunto parallelo Iran-Egitto.
    3. Sul fatto che questa rivoluzione araba abbia colto di sorpresa un po’ tutti sono d’accordo. Credo anche gli stessi arabi. Ma anche qui bisogna distinguere. La rivoluzione tunisina è cresciuta nel corso di un mese partendo da un episodio quasi marginale, ed è ancora in corso.
    La successione a Mubarak invece è un discorso che va avanti da un paio di anni, cioè da quando, fissate le elezioni presidenziali per il settembre 2012, si sapeva che una sua ricandidatura era improponibile e che una successione all’erede suonava davvero una farsa. La “piazza” ha colto l’occasione per cercare di accelerare la transizione, ma el-Baradei si era candidato già da tempo e intorno alla sua candidatura c’era stata una certa convergenza. Suppongo che anche le potenze straniere abbiano valutato l’ipotesi.
    4. In generale Sartori non dimostra di avere delle reali competenze su questi argomenti, ma allora mi chiedo perché continuano a chiedergli di scrivere pezzi da pubblicare in prima o nei commenti. Li relegassero tutt’al più fra le lettere…
    D

  8. Giacomo Longhi on 2011-02-02 at 12:36

    ben detto Anna, fatevi sentire, organizzatevi! … di leggere ciarpame non se ne può più

  9. letturearabe on 2011-02-02 at 13:23

    “Reza Pahlavi era sì un despota, ma un despota illuminato”
    consiglio al giornalista la lettura del suo collega kapucinski….

  10. riccardo on 2011-02-10 at 22:52

    Aimè, senza nulla togliere a Sartori come politologo (il migliore), quando parla di politica internazionale e sopratutto di medio oriente, denota, come molti soggetti del mondo accademico, un influenza filo israeliana massiccia. Anche Travaglio è lo stesso! Mischiare l’ebraismo con lo stato di israele è un errore profondo, e sia Sartori e sia Travaglio incappano in questo errore, sicuramente hanno attorno molti amici ebrei, e di conseguenza hanno profonde remore a prendere decise posizioni oggettive. Io non ho assolutamente niente contro le religioni, islamismo tanto quanto l’ebraismo, ma il passaggio allo stato di israele gli stati del nord africa e l’islamismo è facile confondersi, quando tutti quest elementi possono si intersecarsi, ma sono differenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Archivi

 
'