Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Autodafé: non lo avevamo previsto, ma…

2011-02-10
By

Era ben noto che da anni il Nordafrica fosse l’area più prolifica del mondo, dove la crescita demografica si misura annualmente in percentuale (e non in “permiliare” come in Europa) e dove fino a agli anni ’90 si aveva una media fra i 6 e i 7 figli per donna.

Sebbene il trend sia in calo, negli ultimi decenni i paesi del Nordafrica hanno assistito alla formazione di almeno un paio di generazioni di giovani, cui l’economia locale non riusciva a offrire uno sbocco soddifacente in termini occupazionali e di benessere.

Per molto tempo per questa pressione demografica ha funzionato la valvola di sfogo dell’emigrazione, in particolare verso l’Europa.

Poi da un lato la crisi finanziaria (e riduzione degli investimenti stranieri), dall’altro, per usare un eufemismo, la cattiva gestione dei flussi migratori da parte di molti stati europei — condizionati anche da settori politici ispirati dal pensiero xenofobo che ben conosciamo (e vedi un po’ a chi dovrà dare la colpa Bibì per il fatto di trovarsi accerchiato da fanatici musulmani!) — hanno ridotto, se non chiuso del tutto, il funzionamento di questa valvola, aggiungendo negli ultimi anni combustibile a quella bomba.

A questo punto la miccia era pronta e bastava solo una scintilla (ad esempio l’aumento dei prezzi delle materie prime) perché la deflagrazione avesse luogo.

Questa interpretazione puramente socio-demografica delle recenti rivoluzioni e rivolte dell’altra sponda del Mediterraneo può sembrare semplicistica, ma focalizza uno dei fattori di fondo che sta dietro a tante altre con-cause.

E soprattutto rivela un punto importante.

Perché non l’avevamo previsto.

Nonostante l’osservazione costante, la segnalazione di sintomi e segnali, la registrazione di scontri e discussioni.

Nonostante questo, in realtà la cosa ci ha davvero (anche piacevolmente) colto di sorpresa. Se non altro per i modi in cui si è svolta, anzi si sta svolgendo.

Forse perché troppo distratti, anche noi, dal discorso religioso che spadroneggia nel dibattito occidentale-orientalista, e che invece sulle vicende recenti influisce davvero poco — se non per i riflessi economici che il fenomeno “islamercato” ha o potrebbe avere sui futuri assetti politici degli stati interessati.

Forse perché troppo impegnati a smontare l’odioso concetto di “scontro delle civiltà”.

O forse perché troppo concentrati a dibattere sui diritti più o meno negati dalla religione, perdendo di vista quelli, ben più “basilari”, negati dalle tirannidi più o meno morbide.

Fatto sta che il dato socio-demografico, prima ancora di quello economico, è passato sotto la nostra indifferenza, per lo meno la mia.

Starò più attento.

D

—————————-
Questo post è stato ispirato da alcune osservazioni lette in un articolo sulla questione Tunisia apparso su “Lotta Comunista” di gennaio.

Tags: , , , ,

2 Responses to Autodafé: non lo avevamo previsto, ma…

  1. falecius on 2011-02-10 at 10:09

    Qualcuno, se non aveva esattamente “previsto”, non stato però colto di sorpresa. Io onestamente credo che sia più strana la reazione “toh, l’Egitto di Mubarak è una tirannide, chi se lo sarebbe mai aspettato”.

  2. darmius on 2011-02-12 at 09:52

    Hai senz’altro ragione. D’altra parte il concetto di “dittatura” è soggetto a valutazioni diverse in base al grado di amicizia diplomatica che si stringe con i regimi in questione.
    Rimando però all’ultimo post di Lorenzo (italian knowledge base 5) sul fatto che evidentemente l’attenzione di molti (forse anche la mia, ammetto, nonostante gli sforzi) era troppo concentrata sulle “società musulmane post-coloniali” piuttosto che sulle “società” e basta, facendo passare in secondo piano alcuni dati di base…
    D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Archivi

 
'