Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Attivisti sauditi e scrittori arabi

2011-03-03
By

Sotto gli auspici di Re Abdullah bin Abdulaziz al-Saud ha aperto ieri i cancelli la fiera internazionale del libro di Riyadh 2011.

Ma non è andata granché bene.

In serata ha fatto irruzione un gruppo di “attivisti” che protestavano per il fatto che, secondo loro, alla fiera:

  1. partecipava un editore libanese che è “contro l’islam”;
  2. si pubblicizzavano libri non islamicamente sostenibili;
  3. si promuoveva la promiscuità.

Gli “attivisti” hanno raggiunto il Ministro della cultura, Abdul Aziz Khoja, e hanno spiegato le loro ragioni, poi sono stati allontanati dalla polizia.

Fra le altre cose se la sono presa con la televisione saudita per il fatto che in essa lavora qualche donna.

Secondo qualche fonte questi personaggi, che tanto ricordano i precursori di Bin Laden (vedi Juhayman, Bin Laden, glocalismo e teocrazia in Arabia Saudita e Il 1400h: riflessioni a un trentennio dagli eventi che segnarono l’inizio del nuovo secolo islamico), sarebbero membri del “Comitato per l’imposizione della virtù e l’interdizione del vizio” (هيئة الأمر بالمعروف والنهي عن المنكر), ovvero l’Ente governativo che sovrintende alla gestione della polizia religiosa in Arabia Saudita (lasciamo stare le radici storiche).

I capi del “Comitato” negano, ovviamente.

Ma è ovvio che se hai una polizia religiosa ti devi aspettare l’esistenza di qualche estremista che dice che la polizia religiosa non fa il suo lavoro come dovrebbe.

Di questo fenomeno, però, i vertici sauditi non sembrano aver paura.

Temono invece gli sciiti (vedi anche qui)),  i cinema, gli scioperi e chi chiede loro di avere una costituzione.

Intanto maktoob.com pubblica una sua demoscopea su chi siano i 10 autori più amati dagli arabi. Sarebbero:

  1. Naguib Mahfouz
  2. Mohamed Hassanein Heikal
  3. Ahlam Mosteghanemi
  4. Al Tayeb Al Saleh
  5. Edward Said
  6. Alaa El Aswany
  7. Nawal Sa’adawi
  8. Abdul Rahman Munif
  9. Youssef Zidan
  10. Amin Maalouf

Non credo ce ne sia uno, dico uno fra questi che possa andar bene agli “attivisti” sauditi di cui sopra.

————–

Riguardo alla questione della “promiscuità” in Arabia Saudita leggi anche:

  1. Allatta il saudita che abbatte la moschea
  2. Sessomix? Non se ne parla proprio
  3. Velati paradossi
  4. Gli ulama immortali
  5. Se la fatwa è una bufala

Tags: , , , ,

One Response to Attivisti sauditi e scrittori arabi

  1. Denver on 2011-03-03 at 20:21

    gli attivisti sono sempre sinonimo di democrazia. dove ci sono attivisti c’è democrazia…ad una fiera internazionale non vuoi mostrare il lato democratico del regno?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivi

 
'