Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Santanchè da Santoro, islamofobia e tea party: un nuovo paradigma per la destra

2011-05-13
By

Ieri ho visto in televisione il nuovo paradigma islamofobo in atto.

Daniela Santanchè da Santoro ha tirato fuori una pagina di Repubblica su cui c’era la foto di una manifestazione pro-Pisapia.

Teatrando ha detto una cosa come: “e qual’è l’unica bandiera che sventola in questa manifestazione?”

Si è risposta da sé: “la bandiera di Hamas”.

Pisapia, dunque, non era solo un amico dei terroristi rossi ma anche amico dei terroristi di Hamas.

Gad Lerner per un attimo è rimasto lì, fermo, senza saper cosa dire.

Non ha pensato quanto improbabile fosse la presenza di uno sbandieratore di Hamas in una piazza di Milano.

Eppure poteva dirne diverse.

Ad esempio che se c’è una manifestazione senza bandiere, uno sventolatore di bandiere è qualcuno che comunque vuole dire qualcosa di diverso dagli altri.

E così era, ma la bandiera era quella di Freedom Flotilla e non di Hamas.

L’aveva disegnata Vauro, fra l’altro, e quindi lo smascheramento è arrivato quasi subito.

Ma ecco che qui c’è un secondo turning point: Freedom Flotilla è uguale a Hamas, secondo Santanché, quindi Pisapia è amico dei terroristi.

Ovviamente questa cosa è un falso, Freedom Flotilla e Hamas sono ben lontani da essere la stessa cosa.

Ma è proprio qui, in questo punto del discorso, che interviene l’apparato info-propagandistico dell’internazionale islamofoba.

Ai tempi della Freedom Flotilla il punto di snodo della propaganda israeliana era che a bordo delle navi della FF c’erano dei terroristi.

Dicevano che avevano armi da fuoco, e la cosa fu smentita (io rimasi giorni e giorni sul bastione per dimostrarlo in base ai documenti che venivano diffusi, vedi qui).

Li chiamavano terroristi e fu dimostrato che su quelle navi non c’erano terroristi.

Facevano passare video in cui alcuni passeggeri si dimostravano in forme più o meno marcate degli attivisti politici di provenienza islamista.

Ma nessuno era un terrorista, lì.

Eppure l’internazionale islamofoba ha continuato indefessamente a dire quella cosa lì.

Ha prodotto letteratura –monnezza– in merito.

Ha preparato “pacchetti-polemica” belli pronti all’uso.

La qual cosa è tornata comoda a Santanchè ieri –è stata smascherata, sì, ma aveva argomenti, seppure capziosi, e avere argomenti in un dibattito televisivo è fondamentale– e tornerà comoda a tutti gli altri islamofobi del regno per molto tempo, vista anche la tiepida opposizione che si fa a questo genere di truffe.

Tutta questa vicenda non è secondaria perché i Tea Party stanno sbarcando definitivamente in Europa e Santanchè è una di quelle che a bere il tè ci andrà.

 

Tags: , , , , ,

7 Responses to Santanchè da Santoro, islamofobia e tea party: un nuovo paradigma per la destra

  1. Stefano on 2011-05-13 at 15:05

    Alla Santanché gli argomenti non mancano mai, è una maestra nell’uso di tecniche di dibattito tipo “straw argument” e cose del genere. E lei è IL tea party. Glielo faranno attorno, non è che ci andrà.

    • Lorenzo Declich on 2011-05-14 at 07:22

      Sì, per ora si sta allenando :-)

  2. adriana on 2011-05-13 at 16:31

    Le signore (????) BRICHETTO e SANTANCHE’, splendide testimoni l’una di parrucchiere di periferia con bomboletta di lacca spray in borsetta e di botulino un tanto al chilo l’altra: che accoppiata per una trasmissione televisiva! Self control per la prima,ma senza “control” di ciò che le passano da leggere subdolamente a fine trasmissione, e passione strabordante, debordante, arrogante, per l’altra. E io che pensavo che la politica con le donne (possibilmente non escort o ex ) sarebbe stata migliore!!!

  3. darmius on 2011-05-14 at 09:32

    almeno fin quando da queste party non si paventerà l’ipotesi di un shay party…
    :)
    D

  4. Tea Party?? on 2011-05-24 at 11:43

    La Santanchè non è mai stata invitata a un tea party!! informati…basta Google.

    • Lorenzo Declich on 2011-05-24 at 13:15

      Grazie. Speravo si capisse l’ironia ma evidentemente…

    • Lorenzo Declich on 2011-05-24 at 13:52

      Ah… e segui i link, please

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'