Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Divina Commedia e cittadinanza italiana

2011-05-14
By

Abboud Abi Rasced era stato il primo traduttore arabo, dal testo originale, della Commedia. Egli aveva collaborato, sin dalla Prima guerra mondiale, con l’amministrazione coloniale italiana in Cirenaica, dove risiedette per 10 anni, fino al 1928 [era libanese, n.d.r.] — come dice lo stesso traduttore nella sua introduzione, in italiano e in arabo, alla terza cantica della Commedia, Il Paradiso. Dopo di che era stato trasferito a Tripoli, dove aveva avuto occasione di completare e di pubblicare la sua traduzione araba della Divina Commedia, iniziata a Derna nel 1925. Nel 1923, Abi  Rasced ottenne la cittadinanza italiana in virtù del Regio Decreto del 9 giugno 1923 — come conferma lo stesso traduttore.

Issa I. Naouri (Amman), <<Le traduzioni arabe de “La divina commedia”>> in “La presenza culturale nei paesi arabi: storia e prospettive. Napoli, 28-30 maggio 1980”, Istituto per l’Oriente, Roma, 1982, p. 180.

La cittadinanza italiana.

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'