Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Tutta l’energia del mondo (noi e gli arabi 30 anni fa, 2)

2011-05-14
By

Desertec nasce nel gennaio 2009.

E’ un consorzio il cui obiettivo è fare del Sahara la più importante fonte di energia del pianeta.

La cosa si può fare perché la tecnologia c’è, perché è facile istallarla e perché:

  1. in 6 ore i deserti ricevono più energia dal sole di quella che l’umanità riesce a produrre in un anno (questo è uno dei claim del consorzio);
  2. “Le fonti rinnovabili possono tenere le luci accese 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Come? Utilizzando reti intelligenti di distribuzione dell’energia a livello locale e regionale.” (fonte)

Fatevi un giro qui, c’è molta documentazione.

Non che la cosa non sia piena di impicci, trame, lazzi e mazzi.

In primo luogo non è chiaro quanta energia si tengono i paesi produttori, la qual cosa ci fa capire quanto il progetto sia “coloniale”.

Gli interessi in ballo sono tantissimi, così come i controinteressi.

Tanto è vero che capire chi ci sta in mezzo è abbastanza difficile (avete i link, provateci voi).

Capite le implicazioni?

Il Nordafrica che dà l’energia all’Europa: basta migliorare, talvolta re-impiantare la rete di distribuzione.

E si può fare, altro che nucleare.

Tutta l’energia — non un po’ — e anche rinnovabile, pulita.

Un Mediterraneo pulito in una geopolitica stravolta.

Gente che va e viene, in libertà.

Ok, è  sabato, e quindi non mi metto a fare i pur necessari ragionamenti.

Segnalo solo che nel 1980 Aldo Napoletano scriveva “Ipotesi di cooperazione per l’utilizzazione dell’energia solare nel Sahara algerino” (in La presenza culturale nei paesi arabi: storia e prospettive. Napoli, 28-30 maggio 1980, Istituto per l’Oriente, Roma, 1982, pp. 258-262).

1980.

Ci fossimo mossi allora oggi Desertec, con i suoi impicci, non ci sarebbe proprio.

E noi saremmo in un botte di ferro, con energia, acqua.

Non avremmo neanche quasi bisogno dei turisti: che ci venite a fare qui? Via, circolare!

Mentre oggi ci troviamo sì a partecipare a Desertec (Bancaintesa, Angelantoni ad es.), ma certo non come capofila.

Ricerca, sviluppo:  ci hanno sfilato il futuro da sotto i piedi.

Ma forse ancora un po’ di tempo per recuperare ce l’abbiamo.

 

 

Tags: , , , , ,

3 Responses to Tutta l’energia del mondo (noi e gli arabi 30 anni fa, 2)

  1. Ugo on 2011-05-15 at 09:14

    @Lorenzo
    Il punto 1 è un claim per gonzi analfabeti scientifici che spalancano la mascella non capendo la differenza tra energia da irraggiamento termico e rendimento dello stato dell’arte del fotovoltaico su quell’energia. Siamo al livello di argomentazioni misere del tipo “sfruttiamo solo il 5% del cervello”.
    Il punto 2 è imbarazzante, incommentabile. Ma non occorre nemmeno spiegare il perché: basta leggere chi sia l’autorevole fonte di cotanta sciocchezza. Indovina un po’?

    • Lorenzo Declich on 2011-05-15 at 14:16

      be’, spiegaci

      • Lorenzo Declich on 2011-05-15 at 14:18

        voglio dire: sei d’accordo sul senso del post? che pensi del fatto che si debba ripensare all’Italia nel Mediterraneo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'