Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Tutta l’energia del mondo (noi e gli arabi 30 anni fa, 2)

2011-05-14
By

Desertec nasce nel gennaio 2009.

E’ un consorzio il cui obiettivo è fare del Sahara la più importante fonte di energia del pianeta.

La cosa si può fare perché la tecnologia c’è, perché è facile istallarla e perché:

  1. in 6 ore i deserti ricevono più energia dal sole di quella che l’umanità riesce a produrre in un anno (questo è uno dei claim del consorzio);
  2. “Le fonti rinnovabili possono tenere le luci accese 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Come? Utilizzando reti intelligenti di distribuzione dell’energia a livello locale e regionale.” (fonte)

Fatevi un giro qui, c’è molta documentazione.

Non che la cosa non sia piena di impicci, trame, lazzi e mazzi.

In primo luogo non è chiaro quanta energia si tengono i paesi produttori, la qual cosa ci fa capire quanto il progetto sia “coloniale”.

Gli interessi in ballo sono tantissimi, così come i controinteressi.

Tanto è vero che capire chi ci sta in mezzo è abbastanza difficile (avete i link, provateci voi).

Capite le implicazioni?

Il Nordafrica che dà l’energia all’Europa: basta migliorare, talvolta re-impiantare la rete di distribuzione.

E si può fare, altro che nucleare.

Tutta l’energia — non un po’ — e anche rinnovabile, pulita.

Un Mediterraneo pulito in una geopolitica stravolta.

Gente che va e viene, in libertà.

Ok, è  sabato, e quindi non mi metto a fare i pur necessari ragionamenti.

Segnalo solo che nel 1980 Aldo Napoletano scriveva “Ipotesi di cooperazione per l’utilizzazione dell’energia solare nel Sahara algerino” (in La presenza culturale nei paesi arabi: storia e prospettive. Napoli, 28-30 maggio 1980, Istituto per l’Oriente, Roma, 1982, pp. 258-262).

1980.

Ci fossimo mossi allora oggi Desertec, con i suoi impicci, non ci sarebbe proprio.

E noi saremmo in un botte di ferro, con energia, acqua.

Non avremmo neanche quasi bisogno dei turisti: che ci venite a fare qui? Via, circolare!

Mentre oggi ci troviamo sì a partecipare a Desertec (Bancaintesa, Angelantoni ad es.), ma certo non come capofila.

Ricerca, sviluppo:  ci hanno sfilato il futuro da sotto i piedi.

Ma forse ancora un po’ di tempo per recuperare ce l’abbiamo.

 

 

Tags: , , , , ,

3 Responses to Tutta l’energia del mondo (noi e gli arabi 30 anni fa, 2)

  1. Ugo on 2011-05-15 at 09:14

    @Lorenzo
    Il punto 1 è un claim per gonzi analfabeti scientifici che spalancano la mascella non capendo la differenza tra energia da irraggiamento termico e rendimento dello stato dell’arte del fotovoltaico su quell’energia. Siamo al livello di argomentazioni misere del tipo “sfruttiamo solo il 5% del cervello”.
    Il punto 2 è imbarazzante, incommentabile. Ma non occorre nemmeno spiegare il perché: basta leggere chi sia l’autorevole fonte di cotanta sciocchezza. Indovina un po’?

    • Lorenzo Declich on 2011-05-15 at 14:16

      be’, spiegaci

      • Lorenzo Declich on 2011-05-15 at 14:18

        voglio dire: sei d’accordo sul senso del post? che pensi del fatto che si debba ripensare all’Italia nel Mediterraneo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'