Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Yemen meridionale, chi terrorizza chi

2011-07-06
By

La situazione in Yemen meridionale vira verso il dramma, nel silenzio generale.

Al centro ci sarebbero “islamisti legati ad al-Qaida”, un gruppo di nome “Ansar al-shari`a” (أنصار الشريعة) del quale non ero a conoscenza e che ritengo essere di nuova formazione, che sta prendendo piede.

Sembra che siano padroni di Zanjibar, città portuale capitale della provincia di Abyan, e che insidino Aden, il fulcro economico commerciale del pur povero paese, che si trova a pochi chilometri.

Mentre la cittadinanza di Zanjibar manifesta contro questi Ansar al-shari`a si assiste a una fuga di massa verso Aden.

Yemen Times spiega la questione un po’ più a fondo.

Gli Ansar al-shari`a, secondo una fonte alqaidista, sono un gruppo armato che non è affiliato ad al-Qaida ma “condivide gli stessi obbiettivi sul terreno”.

Secondo fonti locali le forze governative che si oppongono all’espansione di questi gruppi “non fanno ciò che dovrebbero” per evitarla:

in questo modo possono dimostrare al mondo che la parte meridionale dello Yemen è a rischio terrorismo, e che devono rimanere uniti alla parte nord del paese sotto il controllo del regime.

In questione, infatti, c’è  una parte consistente del movimento anti-governativo, quella dei separatisti del sud.

Poi ci sono i droni:

I locali pensano che i gruppi armati siano stati mandati dal regime, provano a tenerli fuori dai loro villaggi per evitare gli attacchi dei droni.

Un locale dice:

“L’autorità vuole creare il caos nel sud, stanno facendo il loro peggio contro di noi con le loro politiche “.

E gli attacchi dei droni, secondo Yemen Times “provocano al-Qaida e ne rafforzano l’operatività”.

Un ex-colonnello, sospeso dal servizio lo scorso gennaio dice:

“Ogni giorno colpiscono i civili. E’ un crimine contro l’umanità … i gruppi armati sono pochi e non avrebbero potuto prendere la città senza essere facilitati dagli ufficiali [governativi]. Questo è ciò che è successo: ora controllano tutto.

Un esempio della situazione paradossale che si viene creando viene da al-Huta, nella provincia di Lahj:

Dopo l’attacco di martedì su al-Huta, civili di Lahj hanno confermato allo Yemen Times che i gruppi armati erano chiaramente del villaggio di al-Hamra e non erano membri di al-Qaida.

“Ci sono state diverse strane esplosioni durante la notte. I gruppi armati entravano in città e nessuno li fermava. La battaglia è iniziata quando abbiano sentito che avevano l’intenzione di prendersi la banca. Le forze di sicurezza combattono quando in ballo c’è il denaro, a loro non interessa se e quando le nostre vite sono in pericolo.

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

luglio: 2011
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivi

 
'