Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Shopping qatarita

2011-12-07
By

Federico Rampini ci racconta oggi che le più grandi università americane entreranno in Qatar, un paese che, a detta sua, è –fra virgolette– progressista.

Ci dice che queste università vanno “dove il mercato tira” e che:

Il vento della contestazione che un anno fa cominciò a generare i sintomi precursori della “primavera araba”, al Cairo forse ha già lasciato il posto a un “tardo autunno” di restaurazione, militare o islamica. Ma altrove qualcosa di positivo sta nascendo, all’ombra delle petromonarchie più illuminate.

Qualcuno dovrebbe spiegare all’autore di “Alla mia sinistra” che le parole “Qatar” e “progressista” sono così lontane l’una dall’altra da rendere quelle sue virgolette quasi un insulto.

Detto ciò la notizia è importante.

Io la leggerei, ad esempio, in rapporto a tre titoli che oggi mi sono passati davanti:

  1. Qatar, Malaysia establish USD2b investment fund
  2. Qatar investe 2miliardi di dollari in Marocco
  3. Turchia: in arrivo [dal Qatar] 500milioni di dollari per il turismo tradizionale islamico

Fatevi poi un giro sul tag Qatar per rendervi conto ancor meglio di cosa “l’accumulazione di fondi sovrani” di quello e di altri paesi del mondo produca nel pianeta. Il loro bond, d’altronde, vanno alla grande.

Altro che illuminazione: questi fanno niente di più che shopping ad alto livello.

Lastly: l’altro ieri apriva il secondo “US-Saudi Business Opportunities Forum” ad Atlanta. il primo era andato così.

 

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dicembre: 2011
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivi

 
'