Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

La mappa concettuale della Siria civile

2013-06-24
By

Concentràti sull’escalation del conflitto e sul processo, sempre più preoccupante, di radicalizzazione in atto, ci siamo dimenticati di come è nata la protesta in Siria e, soprattutto, di chi l’ha fatta nascere e portata avanti: una nascente società civile la cui cifra è la nonviolenza (e non stiamo a sofisticare, vabbene? Per “società civile” intendiamo qui quel complesso di associazioni e organizzazioni non governative del quale si innerva una società civile e democratica).

Gli attivisti del Movimento Nonviolento Siriano, hanno disegnato a questo proposito una mappa concettuale della “sollevazione non violenta in Siria” (cliccateci sopra per raggiungere la pagina).

“Questa mappa contiene la gran parte delle attività e iniziative civili all’interno della sollevazione siriana che siamo in grado di documentare”, scrivono.

Non parliamo, dunque, di Consigli Nazionali all’estero, di partiti politici più o meno islamisti, più o meno di sinistra più o meno storici.

Non parliamo di estremisti violenti, di agenti del caos.

Parliamo di associazioni e organizzazioni che stanno dentro la Siria e che sono nate e cresciute nonostante l’indifferenza e/o l’ostilità dei più.

Il complesso dell””attivismo sociale” viene suddiviso in “iniziative civili, comitati della società civile e attivismo nonviolento”.

Sarà una sorpresa, per alcuni, scoprire che in Siria, oggi, sotto le bombe, ci sono 127 comitati locali e 183 coordinamenti.

Che sono in piedi 57 fra giornali e riviste, 19 radio, 20 agenzie di informazione.

Una vera e propria esplosione di democrazia se consideriamo che tra agenzie, giornali, radio e televisioni, nella Siria di Asad non arrivavamo a usare le dita delle mani.

La Siria, sotto le bombe, è decine di volte più rappresentata della Siria sotto il tacco del dittatore.

La Siria, miracolosamente, ha una società. Una società che, nonostante tutto – è quando dico “tutto” parlo di quasi 100.000 morti, 6.5 milioni di sfollati, 2 milioni di rifugiati, 30.000 prigionieri politici – si organizza in qualcosa di democratico, vivo, pulsante.

Tenete a mente questa mappa, miei cari operatori dell’informazione, quando scrivete sulla Siria.

Consultatela, troverete lame di luce nel buio della guerra.

Almeno questo, ai siriani, lo dovete.

 

—————

Ecco un elenco dei titoli inseriti dagli attivisti nella mappa:

Iniziative civili

  • Media
    • Giornali e riviste
    • Radio
    • Media visuali
    • Agenzie di news
    • Traduzioni
    • Citizen journalism
    • Arte
    • Canzoni
    • Dipinti e disegni
    • Gallerie d’arte
    • Teatro
    • Arte visuale
  • Medicina
    • Informazione medica
    • Ospedali da campo
  • Tecnologia
    • Diffusione via satellite
    • Sicurezza internet
  • Infanzia
    • Educazione
    • Giornali e riviste di bambini
    • Supporto psicologico
  • Blogging
    • Blog personali
    • Blog collettivi

Comitati della società civile

  • Coordinamenti
  • Coordinamento degli studenti di Suwayda
  • Gruppi
  • Diritti umani
  • Consigli locali

Attivismo nonviolento

  • Dimostrazioni
  • Attività simboliche
  • Disobbedienza civile
  • Campagne di pressione
  • Opuscoli online e cartacei
  • Campagne di sensibilizzazione

 

 

 

 

 

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

RSS Islametro

giugno: 2013
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Archivi

 
'