Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

In Qatar – 02 – No future

2018-06-19
By

Se c’è un leitmotiv della mia esperienza in Qatar è questo ritornello, ripetuto avanti e indietro da diverse persone con cui ho parlato, riguardo al fatto che nessuno sa cosa succederà al Qatar dopo il 2022.

In effetti ci sarebbe una “vision 2030” (qualcosa che hanno anche i sauditi) che è poco più di un fantasma aggirantesi in un castello ancora da costruire, e prima c’è questo 2022, l’anno del mondiale di calcio.

Quelli che si chiedono cosa succederà dopo sono più o meno gli stessi che ora stanno facendo soldi in Qatar.

Se lo chiedono essenzialmente perché oggi in Qatar non si fa che costruire questo evento, e miliardi vengono spesi ogni giorno al fine di renderlo reale.

Montagne di soldi.

Stadi refrigerati che, poiché non serviranno più una volta utilizzati, devono essere concepiti per essere smontati o per essere riconvertiti in qualcos’altro.

Un qualcos’altro di cui il Qatar non ha alcun bisogno.

Si stanno costruendo strade nel nulla, il cui unico scopo è collegare questi stadi con il resto del pianeta.

Si parla di ricettività.

Si lavora sull’aeroporto per renderlo ancora più gigantesco.

Si ragiona in grande sul settore alberghiero, partendo dalla fascia altissima e arrivando all’hooligan, che di valore economico ne ha pochissimo.

Sono cose che ora stanno facendo ricchi tanti imprenditori ma che domani non ci saranno più.

Un business  a scadenza: dal 2022 in avanti il rubinetto – se nel frattempo non si trova qualche altro motivo anche più stupido di un mondiale di calcio per continuare a far cose inutili in mezzo al deserto – si chiuderà inesorabilmente.

Insomma ci sarà un dopo i mondiali.

Per quanto mi riguarda, però, è più interessante chiedersi che cosa succederà quando si terranno i mondiali di calcio.

Anche perché un dopo potrebbe non esserci se le cose andranno come pensiamo io e Massi.

 


Questo pezzo fa parte di una serie. Tutti i pezzi di questa serie li trovate qui, nella categoria “Nel paese dei decostruzionisti“.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Archivi

 
'