Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

In Qatar – 04.3 – La cultura culturale – Suq Waqif 3

2018-07-08
By

Quasi tutta la merce esposta nel suq Waqif di Doha non è locale.

Ci sono tanti singoli negozi copiati da altri suq, istallati per le stradine, fatte a forma di vera stradina di un suq.

Sono riproduzioni di negozi veri, non sono negozi veri, questa è la verità che trasmettono.

Il negozio di tappeti turco, il robivecchi marocchino, l’artigiano del legno siriano e così via.

Sono messi un po’ alla rinfusa, senza quella coerenza tipica di un suq, dove – cazzo – i piastrellari stanno nella via dei piastrellari e gli speziali stanno nella via degli speziali.

***

Gli pseudonegozi del suq chiudono dalle 13 alle 16.

La cosa non avviene a causa del caldo – il suq è refrigerato – ma perché proprio la Regola del Suq Waqif stabilisce questo.

Tu bussi alla porta di una di queste metafore di negozio alle 13.01 e dall’interno ti dicono: “è chiuso”.

Non ci si crede, dicono proprio così.

***

Anche i ristoranti, in numero macroscopicamente sproporzionato rispetto a un normale suq, sono delle messe in scena di altri luoghi.

I loro nomi richiamano quegli altri luoghi e gli interni sono delle rappresentazioni di essi.

I loro camerieri vestono abiti che si ritiene debbano essere tradizionali di quegli altri luoghi.

Dei frigoriferi avete già letto.

 


Questo pezzo fa parte di una serie. Tutti i pezzi di questa serie li trovate qui, nella categoria “Nel paese dei decostruzionisti“.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivi

 
'