Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

In Qatar – 05.6 – Cittadini fantasma – Il beduino culturale

2018-08-26
By

Questa cosa del retaggio beduino la vediamo allo specchio, quando parliamo con chi con i qatarini ci lavora e ci fa soldi, ad esempio con gli italiani a Doha.

Lì, in quel contesto dialogico, scompare tutto il conflitto di civiltà e si applica un “loro” generico, figlio di quell’esotismo d’accatto di cui sopra.

Queste persone dicono: “loro amano la famiglia, le loro figlie vogliono indossare il niqab, si riuniscono tutti insieme in questi posti che si chiamano majlis [che alla fine vuol dire “salotto” ma dirlo in arabo fa molto “beduino”, n.d.r.], uno per le donne, uno per gli uomini, e stanno lì tutti insieme come in una tenda beduina”.

Dicono: “I qatarini viaggiano anche per anni o decenni ma alla fine tornano perché amano questo paese”.

***

Capite?

Parlando dei qatarini, questi individui statisticamente prezzolati – il Qatar è il paese con il reddito medio più alto al mondo – applicano, in più, una cosa che definirei poraccismo gratuito.

In questa modalità retorica i qatarini sarebbero persone che lottano per mantenere la propria cultura.

Un diplomatico dell’ambasciata – cioè uno che alla fine sta in Qatar per facilitare il business italiano – potrebbe poi metterci anche un pizzico di geopolitica, giusto per oliare il meccanismo discorsivo.

Potrebbe dirti che il Qatar si trova schiacciato da due grandi giganti, l’Arabia Saudita e l’Iran, e che questo paese si destreggia nella lotta fra i due per non morire.

Potrebbe leggere questo paese come in una lotta per la sopravvivenza di sé, della propria specificità, della propria cultura.

E noi, alla fine di questo giro di pareri, potremmo anche forse provare pena per quei poveri qatarini che lottano ogni giorno per esistere, per mantenere i loro usi e costumi.

E magari sopravvoleremmo sugli schiavi che muoiono nei cantieri, su una demografia che da sola dice tutto.

Quasi quasi diremmo che gli italiani fanno bene a vender corvette al Qatar.

Senonché poi usciamo in strada, scopriamo che questa specificità non esiste.

Poi andiamo al Katara e ci prende proprio il coccolone.

 


Questo pezzo fa parte di una serie. Tutti i pezzi di questa serie li trovate qui, nella categoria “Nel paese dei decostruzionisti“.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi

 
'