Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

In Qatar – 06.1 – Fake faith – No sound

2018-08-27
By

L’impressione che si ha andando in Qatar, se non si hanno gli occhi foderati di prosciutto, è quella di un paese secolarizzato.

Una delle città più “aperte” del mondo islamico, nota per la sua vita notturna come Marrakesh, in Marocco, appare molto più “islamica” di Doha.

Per sentire un muezzin chiamare alla preghiera a Doha devi trovarti proprio vicino a una moschea.

Non sentirai quel caratteristico coro scomposto e diffuso, fatto di mille richiami.

Sentirai piuttosto il rumore del traffico o il frastuono di un condizionatore.

La vita si svolge nei mall, non nelle piazze.

Le donne in niqab nei mall segnalano piuttosto la presenza di una cittadina del Qatar che non l’esistenza di una qualche religiosità retrograda diffusa.

Di “islamico” troverai un bancomat, per esempio.

Cioè un marcatore di identità al livello del consumatore.

 


Questo pezzo fa parte di una serie. Tutti i pezzi di questa serie li trovate qui, nella categoria “Nel paese dei decostruzionisti“.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivi

 
'