Nel paese dei decostruzionisti

In Qatar – 00 – Intro

2018-05-12
By

Ho visto un bosco di condizionatori grandi come armadi surgelare il terrazzo dell'imitazione di un ristorante damasceno, mentre il cameriere di Aleppo con famiglia fuggita dalle bombe in Turchia prendeva gli ordini vestito da Saladino.
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 01.1 – Culture altre – Pescatori

2018-06-07
By

Fra le favole de Le Mille e una Notte c’è n’è una intitolata “Abdallah uomo di terra e Abdallah uomo di mare”. Narra di un povero pescatore che incontra un suo omologo che vive sott’acqua. Sott’acqua c’è un posto pieno di tesori: Abdallah di terra ne fa conoscenza grazie ad Abdallah di mare. Questi lo...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 01.2 – Culture altre – Beduini

2018-06-10
By

L’altra “anima storica” (una storia di “lunga durata”) del Qatar doveva essere il beduinismo, un qualcosa della quale Le Mille e una notte ci racconta solo in relazione a una civiltà metropolitana e cosmopolita, quella della Baghdad califfale, soprattutto. Cioè, in Qatar c’erano questi due tipi di gruppi umani, i costieri e i beduini,...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 01.3 – Culture altre – Commercianti

2018-06-13
By

L’ultimo appiglio alla realtà storica qatarina riguarda la relazione della penisola del Qatar con il grande Oceano indiano, di cui il Golfo Persico, in cui il Qatar si trova, è una delle ramificazioni occidentali (l’altra è il Mar Rosso). Fino all’avvento delle navi a vapore, metà dell’800, questa relazione si identificava con la presenza...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 01.4 – Culture altre – Antropologia aeroportuale

2018-06-16
By

All’aeroporto di Doha cancelli definitivamente i pescatori del Golfo, la carovana di dromedari che solca distese pietrose in lontananza, Sinbad e le sue navi. Sovrascrivi tutto ciò nel momento in cui noti che alla dogana ci sono tre file: qatarini (2 sportelli vuota), non qatarini (20 sportelli, piena, ti fanno la scansione della retina...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 02 – No future

2018-06-19
By

Se c’è un leitmotiv della mia esperienza in Qatar è questo ritornello, ripetuto avanti e indietro da diverse persone con cui ho parlato, riguardo al fatto che nessuno sa cosa succederà al Qatar dopo il 2022. In effetti ci sarebbe una “vision 2030” (qualcosa che hanno anche i sauditi) che è poco più di...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 03.1 – Civiltà – Hammam

2018-06-22
By

Fra le cose che mi hanno più affascinato dell’islam storico c’è il tipo di città che esso produce. La città islamica “classica” costruisce il proprio tessuto urbano attorno tre “istituzioni”: il bagno pubblico (hammam), la moschea (masjid) e il mercato (suq). Qualsiasi città storica nel mondo musulmano è fatta così ed è molto divertente,...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 03.2 – Civiltà – Moschee

2018-06-25
By

Al riguardo delle moschee del Qatar vale la pena sottolineare che ce ne sono poche. Le moschee a Doha sono sparse a caso nella città, non segnalano alcun genere di punto centrale o nevralgico dell’agglomerato urbano che hanno attorno. Spesso non le vedi proprio perché stanno incastrate dentro ai grattacieli. Le moschee di Doha...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 03.3 – Civiltà – Suq

2018-06-28
By

Quindi degli hammam e delle moschee abbiamo detto. Rimangono i mercati e quelli ci sono, ce ne sono a decine nella forma dei mall, cioè di centri commerciali. Come tutti i mall quelli del Qatar sono dei non-luoghi, cioè posti nei quali si perde la connessione con tutto ciò che realmente si trova attorno a...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.1 – La cultura culturale – Suq Waqif 1

2018-07-01
By

Il suq Waqif (cioè praticamente il “mercato di sosta”) di Doha è la ricostruzione di un suq che stava lì molto tempo fa e portava lo stesso nome. È un posto che vorrebbe sembrare vero, e per certi verso lo è – possiamo toccarlo in effetti – ma diversi elementi ce lo fanno risultare...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.2 – La cultura culturale – Suq Waqif 2

2018-07-04
By

Circondata da grandi piazze vuote, l’intera area del suq Waqif è refrigerata da un mastodontico sistema di condizionamento. Il clangore infernale del suo motore satura subito lo spettro sonoro di ognuno. Siamo proprio là dove mandrie di SUV parcheggiano per depositare il loro carico umano. E dove si suppone debbano iniziare a percepirsi i...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.3 – La cultura culturale – Suq Waqif 3

2018-07-08
By

Quasi tutta la merce esposta nel suq Waqif di Doha non è locale. Ci sono tanti singoli negozi copiati da altri suq, istallati per le stradine, fatte a forma di vera stradina di un suq. Sono riproduzioni di negozi veri, non sono negozi veri, questa è la verità che trasmettono. Il negozio di tappeti...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.4 – La cultura culturale – Suq Waqif 4

2018-07-11
By

Le poche cose che si suppone siano davvero qatarine, nel suq Waqif ricevono una pubblicità sfacciata. Qualsiasi guida, di carta o di carne, ti indicherà ad esempio l’unico posto dove si gioca una dama locale. E’ una specie di sala da té frequentata molto poco, dove campeggiano i ritratti degli emiri e sulle pareti...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.5 – La cultura culturale – Suq Waqif 5

2018-07-14
By

Nel suq Waqif c’è un annoiato poliziotto a ogni angolo. Se contiamo quelle in borghese ci sono quasi certamente più guardie che spazzini. Talvolta passano anche guardie a cavallo, vestite da guardie a cavallo del Qatar, e hai l’impressione che facciano questo giro per far vedere che esistono guardie a cavallo del Qatar. Non...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.6 – La cultura culturale – Suq Waqif 6

2018-07-17
By

Il suq Waqif è un nonluogo virato verso stili e abitudini arabislamicheggianti. Si immagina che alla gente trovarsi lì per un rendez-vouz possa far piacere. O anche che questo arabislamicheggiare sia di conforto a chi, di fatto, di islamico a Doha non vede nulla essendo che, come si diceva, il panorama è fatto di grattacieli...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.7 – La cultura culturale – Katara 1

2018-07-20
By

Usciti dall’incubo del suq Waqif non ci si immagina che vi sia un luogo anche più angosciante: il Katara. “Katara”, recita il sito, è l’antico nome dato alla penisola del Qatar da Tolomeo nel 150. Di qatarino qui sembra non esserci assolutamente nulla se non alcuni “impiegati”, cioè qatarini che prendono uno stipendio faraonico...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.8 – La cultura culturale – Katara 2

2018-07-23
By

Al Katara coesistono: l’anfiteatro (greco o romano?) antichizzato di marmo con pseudotravi di legno ivi imbullonate stile suq Waqif; un’anonima spiaggia che vorrebbe ricordare a volte la Costa azzurra a volte Cuba ma chiaramente assomiglia a Coccia di Morto, nota spiaggia nei dintorni di Fiumicino aeroporto; alcuni esercizi commerciali culturalizzati come una cioccolateria francese e...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.9 – La cultura culturale – Katara 3

2018-07-26
By

L’esperienza del Katara funzionerebbe così: si viene accolti; si passeggia in autovettura elettrica fra queste raccapriccianti costruzioni tirate a lucido, alcune delle quali ospitano un centro per la rivalutazione di qualcosa, ad esempio i francobolli, o anche un’area dove si fanno mostre o si tengono eventi. si va a mangiare. La cosa è complessivamente...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.10 – La cultura culturale – Katara 4

2018-07-29
By

Poi al Katara succede che stai sulla macchinetta elettrica perché sei stato costretto a prenderla: i guidatori di macchinette del Katara devono lavorare almeno una volta al giorno per rappresentare il fatto di lavorare. La macchinetta ti porta via, ti hanno preso in ostaggio. Pensi solo a un modo per fuggire ma non trovi il modo di farlo...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.11 – La cultura culturale – Consumare Venezia 1

2018-07-30
By

Per filmare qualsiasi cosa in Qatar ci vuole un permesso. Informalmente lo puoi fare, certo. Ma se vai proprio con una troupe televisiva, entri in Qatar in quanto troupe, non puoi filmare niente senza prima avere la pezza di carta. Ecco si dà il caso che io sia entrato in Qatar al seguito di una troupe...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.12 – La cultura culturale – Consumare Venezia 2

2018-08-01
By

Qatar Airways ha inaugurato la tratta Venezia-Qatar nel 2016. Immagino questi qatarini che abitano a Venice in Qatar (li immagino e basta, perché davvero ho avuto la sensazione che in quel quartiere non abiti anima viva), che vanno al mall per prendere la gondola di merda, e poi vanno a Venezia con la Qatar Airways. Questa deculturazione...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.13 – La cultura culturale – Pray inn 1

2018-08-02
By

La gigantesca moschea-monumento di Doha inaugurata in pompa magna nel 2011 è intitolata a Muhammad Ibn Abd al-Wahhab, fondatore nel XVIII secolo di uno dei movimenti più retrogradi e conservatori della storia dell’Islam, benché moderno. Vedremo meglio più avanti che ciò non significa affatto ciò che sembra, e cioè che il Qatar sia un...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.14 – La cultura culturale – Suvismo

2018-08-03
By

Secondo Doha News, che riporta dei dati dell’OMS, la qualità dell’aria del mondo è pessima. Causa moltissimi morti. Anche in Qatar la qualità dell’aria è pessima, dice. Anzi di più. Chiaro, uno pensa. Usate i vostri SUV come fossero un’estensione del vostro corpo. Le vostre strade, sebbene gigantesche, sono costantemente intasate. E, nonostante i...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.15 – La cultura culturale – Pray inn 2

2018-08-05
By

La moschea nazionale del Qatar è spesso vuota. Non pregano in molti qui se non in momenti particolari, quando l’emiro chiama, in occasione delle feste. In compenso ci sono almeno 50 lavoratori occupati nella pulizia e una ventina nella sicurezza. Tu vai lì e hai gli occhi puntati addosso e cammini su una superficie...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.16 – La cultura culturale – Pray inn 3

2018-08-08
By

La moschea è anche chiamata Grande Moschea o Moschea nazionale. È la moschea ufficiale, la moschea dello Stato del Qatar (Dawla Qatar). Ecco io adesso in due righe descriverò di quale nazione/Stato stiamo parlando, dal punto di vista religioso. Lo Stato del Qatar ha una costituzione in cui al primo articolo si dice che...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 04.17 – La cultura culturale – Si prende tutto, anche il caffè

2018-08-10
By

Questo capitolo 4 si chiama “la cultura culturale” per un motivo che spero abbiate capito: siamo in un’area del pensiero in cui la relazione fra ciò che viene definito “cultura” e ciò che potremmo chiamare “realtà culturale” non esiste. E ciò avviene un po’ perché in paesi come il Qatar questa “realtà culturale”, se...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 05.1 – Cittadini fantasma – Wahhabiti e no

2018-08-11
By

Nel 2016 lo Stato del Qatar contava 300.000 cittadini e 1.900.000 residenti, detti anche “expat”. Cioè c’è un cittadino ogni sei abitanti. Dei cittadini il 46% sarebbe wahhabita, il resto no. Parliamo di poco meno di 150.000 persone. Il Qatar è uno Stato wahhabita ma i wahhabiti in Qatar rappresentano poco meno del 10%...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 05.2 – Cittadini fantasma – Expat 1

2018-08-14
By

Cristiani, hindu ecc. non sono sempre gli stessi, va detto. Ogni anno a Doha fanno il conto di chi va e di chi viene. I numeri non sono sempre gli stessi ma sono più o meno stabili. Un expat vale l’altro, più avanti capiremo perché. Ma comunque, preventivamente, sappiate che i cristiani in Qatar vengono...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 05.3 – Cittadini fantasma – La Kasta 1

2018-08-17
By

I cittadini del Qatar si vestono tutti uguali, di norma. Sunniti, sciiti, pastafariani sono intubati in quella specie di divisa post-beduina. I maschi in bianco e le femmine in nero. Conta essere cittadino del Qatar, in tema di vestiti, essendo che il vestito ti distingue da tutti gli altri, cioè i residenti. Perché se...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 05.4 – Cittadini fantasma – Expat 2

2018-08-20
By

In Qatar non ci sono gli immigrati, ci sono gli “expat”, cioè gli espatriati. La differenza fra le due categorie di persone non è secondaria. I primi vanno da qualche parte per stabilirsi, magari prendere la cittadinanza, poi eventualmente tornare indietro. Soprattutto: possono in qualche modo aspirare a diventare cittadini nel luogo in cui...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 05.5 – Cittadini fantasma – La Kasta 2

2018-08-23
By

La cittadinanza in Qatar non si acquisisce – unica eccezione: gli atleti scelti per comporre le nazionali – ma si può perdere. Capirete bene cosa è un cittadino del Qatar leggendo qua sotto: una donna del Qatar che sposa un cittadino di un altro paese perde la cittadinanza; un uomo del Qatar che sposa una cittadina...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 05.6 – Cittadini fantasma – Il beduino culturale

2018-08-26
By

Questa cosa del retaggio beduino la vediamo allo specchio, quando parliamo con chi con i qatarini ci lavora e ci fa soldi, ad esempio con gli italiani a Doha. Lì, in quel contesto dialogico, scompare tutto il conflitto di civiltà e si applica un “loro” generico, figlio di quell’esotismo d’accatto di cui sopra. Queste...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 06.1 – Fake faith – No sound

2018-08-27
By

L’impressione che si ha andando in Qatar, se non si hanno gli occhi foderati di prosciutto, è quella di un paese secolarizzato. Una delle città più “aperte” del mondo islamico, nota per la sua vita notturna come Marrakesh, in Marocco, appare molto più “islamica” di Doha. Per sentire un muezzin chiamare alla preghiera a...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 06.2 – Fake faith – Identità vs spiritualità 1

2018-08-29
By

Di islamico in Qatar c’è questa identità, della quale tutti parlano, in modi diversi. In relazione ad altri emirati, ad esempio. Dicono che qui “l’identità islamica” è molto forte in rapporto, che so, a Dubai. Io vedo barbe, vedo abaye e niqab, ma di religiosità e/o spiritualità non rinvengo tracce. Si vede che questa...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 06.3 – Fake faith – Identità vs spiritualità 2

2018-08-31
By

L’italiano expat che guadagna 10.000 al mese per pulire il culo di qualche maggiorente qatarino in un ospedale di lusso ti dice che in Qatar “la situazione peggiora” dal punto di vista della libertà religiosa. Peggiorerebbe, secondo lui, perché vietano di fare San Valentino. Oppure perché fanno la festa nazionale a ridosso del Natale,...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.1 – Schiavi – Il padrone 1

2018-09-03
By

Senza un lavoro tu in Qatar non ci puoi risiedere. Quindi tutti gli expat hanno un padrone. Uno che ha il diritto di toglier loro i diritti. Uno che dice in una forma più o meno sprezzante: non mi servi più, quindi vattene via dal Qatar.  In Qatar non esiste lavoro dipendente perché tutto il lavoro è dipendente....
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.2 – Schiavi – Argentina 1

2018-09-05
By

Ci sono due tipi di expat maschio. L’expat-operaio-schiavo e l’expat-nonoperario-nonschiavo. Il primo lo trovi al lavoro o nella sua abitazione. Il luogo dove si suppone che si trovi il secondo, oltre al lavoro e alla propria abitazione, è un locale a tema all’interno di un hotel, dove si consuma alcol e dove stanziano nuguli...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.3 – Schiavi – Argentina 2

2018-09-06
By

Ci sono due tipi di expat femmina. L’expat-prostituta-schiava e l’expat-nonprostituta-nonschiava. La prima la trovi, a nuguli, in un locale a tema all’interno di un hotel, dove si consuma alcol. La seconda la trovi in giro per la città, in solitudine o accompagnando il suo expat-nonoperaio-nonschiavo. Ne è generalmente la moglie. E’ molto raro trovare un’expat-nonprostituta-nonschiava...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.4 – Schiavi – In prigione, in prigione

2018-09-07
By

Sociologicamente parlando l’expat è maschio e single. Un maschio single in Qatar ha molte difficoltà nei rapporti sociali, non trova persone con cui avere uno straccio di rapporto umano che non siano a loro volta maschio e single. Il Qatar non è fatto per lui, bensì per gruppi di individui raccolti attorno a un...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.5 – Schiavi – Il padrone 2

2018-09-09
By

In Qatar qualsiasi business deve avere una partecipazione qatarina del 51%. In ogni azienda, poi, ci deve essere una quota riservata ai qatarini. Anche ad al-Jazeera english c’è una quota di qatarini. Lì hanno un ufficio a parte, lontano dalla newsroom. *** Ecco dunque il motivo per cui i qatarini non devono lavorare per...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.6 – Schiavi – Sudditucoli

2018-09-11
By

Spesso, se parli con un qatarino, ti dice che lo Stato ama i suoi cittadini. Ti dice: “non è come da voi, dove i cittadini lavorano per lo Stato. Qui è lo Stato a lavorare per i cittadini”. Non stento a credere a queste parole, tenuto conto che il re permette ai suoi sudditi,...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.7 – Schiavi – La democrazia

2018-09-13
By

Non stupisce, a questo punto, che quel sesto della popolazione del Qatar che ha il titolo di cittadino abbia anche un parlamento. È un parlamento per modo di dire, però, perché non ha potere legislativo, è un organo consultivo. Formato da 45 persone, 15 delle quali non elette. *** Il palazzo del parlamento è...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 07.8 – Schiavi – Mi’raj

2018-09-14
By

Certo, stanti così le cose, trovo difficoltà a parlare di uno Stato del Qatar (eppure il Qatar si intitola proprio così: Stato del Qatar). In assenza di una società qualsivoglia, perché parlare di “società” in Qatar è depistante, uno Stato che cos’è? E la “società del Qatar” è una grande farsa. I cittadini del...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 08.1 – Analytica – Classe

2018-09-15
By

“Senza l’analisi di classe il Qatar non lo capisci”. Questo dice Massi a cena. E io, che sono una specie di turista del marxismo, ritengo di comprendere solo parzialmente il senso della frase, anche se intuitivamente do ragione al mio amico. L’analisi di classe, a ben vedere, ha in questo caso un limite, perché...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 08.2 – Analytica – Mascherata

2018-09-16
By

Facendo una rapida analisi, le carte che i qatarini si possono giocare per avere un ruolo nella spartizione del potere nei diversi teatri, la loro chip nella mano di poker consiste nel: finanziare gruppi armati che combattano indirettamente per loro; finanziare organizzazioni di qualche genere che garantiscano la loro presenza su un territorio; utilizzare...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 08.3 – Analytica – Etologia

2018-09-17
By

Insomma, dal Katara agli Ansareddine la politica del Qatar ha come fine i soldi e la sopravvivenza dei cittadini qatarini, che sono pochissimi e pieni di soldi. Il mio contributo all’analisi sta nel citare Storia naturale dei ricchi di Richard Connif, un libro molto divertente che racconta i miliardari “nel loro ambiente”, cioè dal...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 09.1 – Tu ami il Qatar, quindi lo odi – Una questione di identità

2018-09-21
By

Qualcuno adesso potrebbe pensare che mi sono messo dalla parte di chi ascrive al Qatar e/o ad altri paesi del Golfo tutti i mali che affliggono il Medio Oriente o il mondo intero. Ecco sì, cioè no, non è esattamente questo, vi spiego. Non fatevi depistare dal fatto che i qatarini si vestono in...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 09.2 – Tu ami il Qatar, quindi lo odi – La gerarchia del privilegio

2018-09-22
By

Vorrei che mi seguiste un attimo in questo ragionamento. Se domani il Qatar venisse bombardato nuclearmente – non ci vorrebbe poi molto in fondo – cioè scomparisse dalla faccia della terra, il vostro modo di vivere, il vostro stile di vita andrebbe in pappa. È abbastanza semplice, l’ha spiegato Hanie in un libro che...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 09.3 – Tu ami il Qatar, quindi lo odi – Ricchezza relativa e tristezza infinita

2018-09-23
By

Mi spiego meglio. Il capitalismo funziona che se hai una barca di soldi fai il Katara e tutti ci vengono e dicono: oh cielo, il Katara, ma che bella esperienza. A voi può piacere meno di Las Vegas, ma diciamo che in termini assoluti dei vostri gusti non glie ne frega un cazzo a...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 09.4 – Tu ami il Qatar, quindi lo odi – Te lo buco quel pallone

2018-09-24
By

Ok, allora. Avete davanti a voi questa cosa, questa evidenza: i qatarini ci hanno un sacco di soldi voi no E da grandi geopolitici, versati in realpolitik come siete quando parlate – che so? – della Siria, vi si pone davanti un dilemma grosso. Il dilemma è il seguente: ci volete rinunciare a questo...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 09.5 – Tu ami il Qatar, quindi lo odi – Stessa razza stessa faccia

2018-09-25
By

Vabbene, mi calmo. Forse il problema sta in quella vostra percezione di esser poveri, di non avere abbastanza, e non tanto nel Qatar “in sé e per sé”. E allora ve lo concedo: radiamolo pure al suolo ‘st’emirato. Il problema, però, è che ciò non potrà che rendere ancora più acuto quel senso di...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 09.6 – Tu ami il Qatar, quindi lo odi – The frustrated historian

2018-09-26
By

Quello che non dovreste fare è invece etichettare questo Qatar come “islamico”. O almeno: fatelo, se volete, ma poi – per onestà intellettuale – dovrete mettere l’etichetta di “cristiano” su un posto come Las Vegas. A quel punto se non vi sentite ridicoli potete tranquillamente morire così. Badate bene, però. In tanti con un...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

In Qatar – 10 – Epilogo

2018-09-27
By

Vi devo raccontare una cena. Mi spiego: a un certo punto, in questo diario, vi dicevo che io e il mio amico Massi avevamo una cosa da dire, che l’avrei detta nel finale. Eravamo a cena, vi devo raccontare cosa ci siamo detti a cena. Prima, però, devo specificare due o tre cose, la...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

Qatar 2016 – Nel paese dei decostruzionisti

2018-09-27
By
Qatar 2016 – Nel paese dei decostruzionisti

Introduzione Ho visto un bosco di condizionatori grandi come armadi surgelare il terrazzo dell’imitazione di un ristorante damasceno, mentre il cameriere di Aleppo con famiglia fuggita dalle bombe in Turchia prendeva gli ordini vestito da Saladino. Ho visto in prima pagina, sul quotidiano nazionale patinato a colori “The Peninsula”, campeggiare la fotografia di una...
Read more »

Posted in Nel paese dei decostruzionisti | No Comments »

dicembre: 2018
L M M G V S D
« Set    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'