Presentazione

Lo studioso di islam, l’islamista, viene assalito da quello che può definirsi un “orientalismo sociologico”, ovvero la ricaduta nella società dell’orientalismo colto, la percezione che le persone hanno dell'”oriente”, cui la denominazione “islamista” immediatamente rimanda. Questi deve assolvere prima di tutto alla funzione di enciclopedia, meglio se organizzata in ordine alfabetico. Il suo sapere – sembra – deve ordinarsi in una sequela di nozioni il più possibile erudite il cui scopo è rispondere alla seguente urgenza occidentale: “Scusa, mi togli una curiosità?”. Ricordo ancora un mio coetaneo medievista incontrato sull’eurostar dirmi: “C’è bisogno di voi: noi spesso non sappiamo che pesci prendere con questo islam e non c’è nessuno che ci dica qual’è la cosa giusta”. Un’enciclopedia, insomma, al servizio di medievisti, giornalisti, contemporaneisti etc.

Si dà per scontato che l’islamista debba sempre rispondere quando gli si chiede che cos’è il blu maomettano o il grano saraceno o l’alchimia, perchè la bandiera turca porta una mezzaluna, quali siano le caratteristiche del tessuto damascato, chi siano i finanziatori occulti di al-Jazeera o altre televisioni satellitari, cosa dice la Legge islamica a riguardo dell’aborto, quanti siano gli abitanti del Kurdistan siriano, cosa vuol dire “khdiourye”, ovvero “una frase che usava sempre il mio fidanzato algerino”. E così via, in una sorta di intervista infinita, in una sorta di raccolta di mirabilia orientali. Al punto che l’islamistica spesso finisce per credere che quello sia in definitiva il suo ruolo culturale, cadendo in una trappola che lo inchioda definitivamente nelle pastoie dell’Orientalismo.

La cosa assume anche sfumature offensive, quando non si è in grado di rispondere prontamente. L’islamista è screditato, non viene più interrogato perchè tanto “non serve a niente”. Ma il problema non sta in lui quanto in ciò che si ritiene che egli debba sapere. Spesso poi la domanda è mal posta, nel senso che in sé contiene già in sé un vizio di forma, un pregiudizio, un luogo comune “orientalista”. Il “curioso” pensa che se l’islamista ha scelto di studiare “cose così strane” ha il compito non solo di spiegare ma anche di “giustificarsi”. Il primo non si rende conto di aver chiesto implicitamente al secondo di avallare una impostazione errata. E sembra quasi una colpa il fatto di usare “due minuti” per correggere l’errore.

Come se non bastasse l’islamista è poi il ricettacolo di tutte le diffidenze arcane e ataviche di questa base sociologica occidentale. In molti casi sembra che l’islamista si “metta dalla parte del nemico”, sia “contro la democrazia e i diritti umani” o comunque si sia cacciato in una posizione che “giustifica” le efferatezze di un dittatore o sottoscrive le deficienze di un popolo o ritiene che una regione “debba rimanere sottosviluppata”. Ciò avviene in particolar modo nel caso in cui il “curioso” si sia formato da sè, per comodità, delle categorie comparative “islam-occidente”. Il topos più conosciuto è quello riguardante la “guerra santa”, un’espressione che, nata “contro” l’islam al tempo delle crociate, è divenuto di uso comune per definire un un concetto islamico come il jihad.

E poi: come reagire ad affermazioni come: “tutto sommato il velo islamico è molto simile a quello che si mettevano le donne del sud fino a pochi anni fa”? Implicitamente questa è una frase razzista sia nei confronti delle donne musulmane che delle donne del sud, ma non c’è modo di spiegarlo in maniera breve.

Una difficoltà ulteriore nasce poi quando il “soggetto” dell’indagine è a sua volta “orientalizzato” alla maniera occidentale, ovvero è così subalterno al discorso occidentale da aver assunto in via definitiva le caratteristiche che gli sono attribuite dall’esterno. La cosa accade molto più spesso di quanto non si pensi perchè, vista la sua subalternità, il soggetto del discorso si identifica in maniera oppositiva e quindi speculare rispetto all’occidente. L’islamista, a quel punto, appare lui stesso come uno che “assolve il cattivo”: preso com’è dal “fascino per l’oriente” e troppo chiuso nella sua libresca torre d’avorio, è incosapevolmente “balzato dall’altra parte della barricata” e viene considerato come un burattino.

Altro retro-problema, derivato dal precedente, è che l’islamista deve sempre prendere una posizione politica. Non è possibile non dichiarare a priori il proprio essere pro o contro Khomeini, Saddam Hussein, Bin Laden e compagnia. Se, messosi sulla difensiva, l’islamista decide di avere un profilo basso – quasi quietisticamente accettando questo stato di cose e scoprendosi un conservatore – cade in trappole ancora più rischiose.

Negli anni ho cercato di rispondere all’urgenza di uscire dallo steccato. Mai ne sono uscito davvero, anche se della marginalità mi sono fatto una ragione. E l’unica cosa che tengo sempre a mente quando parlo di islamistica è: “chiudi in trenta secondi”. Per trenta secondi, infatti, un ascoltatore ti segue, oltre quella soglia ti derubrica, ti classifica in una delle categorie di cui sopra.

104 Responses to Presentazione

  1. Giovanni on 2009-11-12 at 18:03

    Blog interessante, ma il limite dei trenta secondi proprio non lo riesco a digerire. Insomma quando si arriva sul più bello tutto viene troncato. Scusami ma sembra un coito interrotto. Invece di trenta secondi potresti fare trenta minuti. Va bene, facciamo tre.
    Ciao.

  2. […] concetto di “seguace” nel contesto islamico è davvero complicato da spiegare e, per mandato, non sto qui a dilungarmi. Ciò che è importante sapere è che nell’islam, a differenza del […]

  3. […] un paese “a maggioranza non musulmana” (ci sarebbe da spiegare meglio la situazione, ma lasciamo perdere). Ma è anche un paese dove i musulmani rappresentano il 13.4% di una popolazione che supera il […]

  4. […] Ovviamente mi sottrarrò a questo gioco: i miei obiettivi sono altri. […]

  5. ilcomizietto on 2010-01-07 at 10:54

    Lo so, i paragoni lasciano il tempo che trovano, ma mi sembra di vedermi quando qualcuno mi chiede del perché non gli funziona il computer e quando inizi col chiedere che computer è, ti dicono: “è nero”. O mia moglie che da un (1) sintomo, via telefono, dovrebbe fare una diagnosi e possibilmente anche la guarigione.

    Lo specialista di qualsiasi cosa appare sempre come uno strano essere su cui gettare le nostre difficoltà e incomprensioni, al quale fare domande più o meno assurde e aspettare risposte risolutive da 3 secondi (altro che 30!). Quando miracolosamente lo specialista riesce a rispondere in 3 secondi, questi ansiosi impazienti non ascoltano la risposta, o hanno già la loro teoria basata sul nulla.

    Tutte queste parole per dire che ho trovato (ringrazio Sartori e Mantellini, per questo) il blog interessante. Passerò di qui di tanto in tanto.

  6. letturearabe on 2010-01-15 at 19:27

    mi piace molto questa presentazione

  7. Lorenzo Declich on 2010-01-16 at 08:23

    E a me piace il tuo blog :-) Anzi, diciamo: finalmente c’è un blog come il tuo. Ti traccio sulla colonna di destra!

    p.s. ti consiglio di rendere visibile l’rss.

  8. […] pensavo, tuttavia, che sarei riuscito a citare TUTTO il suo messaggio in un post di Tutto in 30 secondi, compresa la basmala. “Nel nome di Dio, il clemente e il […]

  9. […] la fatwa è una bufala L’idea di fare un blog mi era balenata già qualche tempo fa, al tempo della famosa fatwa dell’allattamento degli […]

  10. […] Il primo risale al X secolo: mi riferisco agli Ikhwan al-safa’, i Fratelli della purità (Bassora, Iraq ), la cui organizzazione ci rimane tuttora difficile da descrivere per scarsità di fonti storiche al riguardo ma che sappiamo avere contenuti filosofico-religiosi (le Rasa’il Ikhwan al-Safa’) ed essere legata allo sciismo ismailita (prendetela per buona, spiegare tutto è troppo lungo). […]

  11. […] Cosa pensano in America? Visto che Lorenzo mi ha invitato, scrivo qui delle osservazioni che mi sembrano da 30 secondi. […]

  12. […] dato la missione di andare il più possibile a fondo nelle questioni che affronto, pur mantenendo una certa misura. Quindi trovo doveroso segnalare il commento di Khadi secondo cui Tantawi in una trasmissione […]

  13. Imam watching « Tutto in 30 secondi on 2010-02-20 at 08:43

    […] ciò, per il sottoscritto, è una […]

  14. […] Come volevasi dimostrare, diremmo noi da queste parti. […]

  15. […] breve, però, voglio discutere del ruolo dell’Italia in questa […]

  16. […] Per capirla ci vogliono 10, al massino 20 secondi, di certo non 30. […]

  17. […] avverto: questo è un post molto lungo, per cui se avete solo 30 secondi, fermatevi […]

  18. […] E la cosa non interessa solo le due parti in causa (discuterei volentieri del concetto di genocidio, ma non all’interno del post). […]

  19. […] il rapporto è da leggere: qui non si può e non si vuole farne un […]

  20. […] spinto dal mandato che mi sono autoimposto, devo segnalare un’attività assolutamente irritante: riciclare notizie vecchie, togliendo il […]

  21. […] uniche cose che occorre sottolineare in questo contesto […]

  22. […] Ovviamente non lo faccio. […]

  23. […] tempo, per motivi che non sto qui a spiegare,  è passato a indicare un indumento femminile musulmano che copre i […]

  24. […] la ricaduta sociologica di “studi” di questo genere sulle molli menti di eurabisti, fallacisti e […]

  25. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  26. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  27. Bulli e pupe « Tutto in 30 secondi on 2010-05-18 at 06:53

    […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  28. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  29. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  30. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  31. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  32. Melisent on 2010-06-03 at 20:35

    […] Il primo risale al X secolo: mi riferisco agli Ikhwan al-safa’, i Fratelli della purità (Bassora, Iraq ), la cui organizzazione ci rimane tuttora difficile da descrivere per scarsità di fonti storiche al riguardo ma che sappiamo avere contenuti filosofico-religiosi (le Rasa’il Ikhwan al-Safa’) ed essere legata allo sciismo ismailita (prendetela per buona, spiegare tutto è troppo lungo). […]
    +1

  33. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  34. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  35. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  36. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  37. Hyblon on 2010-07-16 at 12:18

    Non avendo trovato un recapito e-mail scriverò tra i commenti.
    Volevo farvi i comlimenti: questo blog mi sembra un valido osservatorio ed un ottimo punto di partenza per approfondire diverse tematiche che mi stanno a cuore.
    In un certo senso posso dire che tra il vostro blog ed il mio [http://canaledisicilia.blogspot.com] c’è un forte legame di parentela e per questo motivo vi aggiungo alle letture che consiglio.
    Buon lavoro.

    • Lorenzo Declich on 2010-07-16 at 12:20

      Grazie Hyblon, da un po’ di tempo ho scoperto il tuo blog e lo trovo molto valido… a risentirci!

  38. La Finanza Islamica on 2010-07-16 at 14:24

    Molto interessante il suo blog. Buon proseguimento

  39. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  40. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  41. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  42. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  43. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  44. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  45. Rogo Corano « Tutto in 30 secondi on 2010-09-10 at 07:36

    […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  46. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  47. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  48. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  49. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  50. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  51. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  52. […] PresentazioneAlcuni capisaldiLa spirale del silenzio RSS  Subscribe:  RSS feed Tutto in 30 secondi appunti e note sul mondo islamico contemporaneo […]

  53. champlooman on 2010-10-09 at 11:47

    apprezzo molto l’attenzione alla parola, ed ai trenta secondi come limite di comprensione, le domande che “ci” vengono rivolte dovrebbero essere esaurite ma senza complicanze, e questo non è possibile, per questo che poi, siamo sempre un po’ “bizzarri”, “anti-occidentali”…l’importante è che in 30 secondi, non si confermino i luoghi comuni dell’Islam…

    • Lorenzo Declich on 2010-10-09 at 13:00

      eh sì, questo è un vero problema, ma l’esperienza mi dice che chi davvero vuole capire le cose non si fa catturare dai luoghi comuni e pone ulteriori domande.

      • champlooman on 2010-10-09 at 16:14

        infatti come vedo il suo ottimo blog si concentra su molti 30 secondi, in una visione d’insieme fondamentale. però una domanda così magari anche fuori luogo: perchè non si parla molto d’Iran?

        • Lorenzo Declich on 2010-10-09 at 17:57

          come spesso ho ricordato parlare di iran non è facile perché il mondo dei media è focalizzato su 2 o 3 temi francamente ridondanti. quando trovo qualcosa su cui riflettere che proviene dall’iran ne discuto, partendo però dalla consapevolezza di non essere un iranista. stiamo lavorando per “coprire” anche quell’area.

  54. terzogiro on 2010-10-09 at 18:04

    Lorenzo, io conosco Champlooman e lui l’Iran contemporaneo è argomento suo, digli pure di scriverti qualcosa, per quel che vale la mia raccomandazione. ;-)

  55. terzogiro on 2010-10-09 at 22:09

    Ok, visto che sono un cazzone e non sono capace di scrivere di cose valide ho buttato giù qualche riga sulla trollata delle niqabitches, anche in risposta all’acidità di Fontana e con dentro un link a un articolo più valido. Dove te le mando?

  56. […] E, anche, se consideriamo che in Australia c’è la più folta popolazione di dromedari, un animale che nessuno laggiù pensa di mangiare e che è diventato un vero problema per gli agricoltori, ma che nei paesi da dove i dromedari provengono, quei paesi elencati sommariamente sopra, è anche un genere alimentare. (oltre che oggetto privilegiato in poesia, ma di questo è bene non parlare, adesso). […]

  57. […] breve: l’AQMI è sempre più al centro delle attenzioni internazionali perché agisce in un […]

  58. […] delle notizie che mi diede l’abbrivio per la sua capacità di spiegare fu questa: “Arabia Saudita, 660 cinesi si convertono all’islam per poter lavorare alla […]

  59. […] Definire meglio i contorni di questo sforzo e le sue implicazioni, raccontare l’elaborazione del concetto di jihad dalla sua comparsa fino ai nostri giorni, discutere sul contesto in cui jihad diventa sinonimo “guerra (difensiva)”, parlare del jihadismo, è davvero troppo lungo. […]

  60. […] [fuori misura] […]

  61. […] Lasciamo andare la definizione di “multiculturalismo” qui proposta, né ciò che il termine “assimilazionismo” sottende, altrimenti ci impelaghiamo. […]

  62. […] [questo post è fuori misura] […]

  63. […] [Questo post è fuori misura] […]

  64. […] Chiudo qui. Ma vi invito alla lettura di questi post: […]

  65. […] Riguardo agli “insegnamenti”, poi, avrei qualcosa da dire ma… ma lasciamo perdere. […]

  66. […] la vicenda dei saharawi in 30 secondi è letteralmente […]

  67. Tutto in 30 secondi on 2010-11-11 at 09:02

    […] dell’islam: il Corano (suddiviso in meccano e medinese e cioé in base a una periodizzazione che non sto qui a spiegarvi), la Sira (cioè la vita del profeta) e i hadith (le tradizioni che riferiscono i detti e i fatti […]

  68. […] qui i problemi interpretativi non mancano e bisognerebbe discuterne a fondo (ma non qui) essendovi dinamiche interne ai paesi definiti “musulmani moderati” di non secondaria […]

  69. […] [fuori misura] […]

  70. […] L’edulcorazione, la trasfigurazione, la banalizzazione di certe teorie e di certe analisi  accademiche nella società massmediologica contemporanea è uno dei temi principali di questo blog. […]

  71. […] per gli amanti delle derive orientalistiche consiglio il paragrafo 15 (A note about the […]

  72. […] [fuori misura] […]

  73. Josè Pascal on 2010-12-09 at 12:32

    Navigando fra le onde del web mi sono piacevolmente incagliato in questo bel blog.

    Complimenti per quel che scrivi e quel che pensi.

    Mi presento sono Josè Pascal (figlio del fù Mattia Pascal e Ederì Buendìa discendente del grande colonnello Aureliano Buendía).

    Volevo invitarti a visitare il mio blog ed eventualmente collaborare.

    Se ogni giorno vorrai una lettera mi invierai a [email protected]

    buona serata e a presto spero

  74. […] p.s. ovviamente ci sono dei Church Finder, vale quasi lo stesso discorso, ma non starò qui a spiegare il perché. […]

  75. […] Un tipo di trusting (solo residenti padani) di tipo etnico-religioso è già ampiamente in auge qui da noi, è inutile che mi metta qui a fare esempi. […]

  76. […] E, ricordiamolo, sono prodotti del mercato inventati recentemente nel più ampio contesto del cosiddetto islamic banking (a mio modo di vedere un ossimoro, ma lasciamo perdere). […]

  77. […] Il mio mandato mi impone di essere reciso e quindi dirò, un po’ grossolanamente, che l’islamic banking, cioè il sistema bancario che teoricamente dovrebbe garantire una condotta “islamica” nella gestione delle operazioni finanziarie, non è altro che un paravento costruito col fine di permettere ai grandi petrolieri del Golfo e ai loro amici di investire il denaro accumulato senza apparire usurai. […]

  78. […] Creandone altri, ovviamente, ma qui mi fermo. […]

  79. […] Sul fatto che questa eredità possa essere o meno utilizzabile, anche parzialmente, per sviluppi futuri della ricerca storica ho i miei dubbi, ma non starò qui a spiegarli. […]

  80. […] Per farla breve vi porto avanti nella lettura fin quasi alla fine del post: Non sono un’autorità religiosa ma mi sono preso il tempo per arrivare a una decisione informata, basata su una comprensione del Corano che deriva da versetti che sono chiari e non ambigui per chiunque capisca l’arabo. Finora io vedo questa industria halal come una moda, una mania idiota che non ha nessuna base nel Corano e nei hadith. […]

  81. […] trovato in perfetta sintonia con questo blog e quindi le ho chiesto di poterlo […]

  82. […] 30 secondi non ce la posso fare a spiegarvi tutto, vi do qualche parola chiave per cercare nel blog: yemen, […]

  83. […] Bene, l’ho scaricato è gli ho dato una guardata veloce: […]

  84. […] riassumo in  15 secondi: Mubarak quasi sicuramente non ce la farà ma tutti – nelle alte sfere – sperano che […]

  85. MeS on 2011-01-29 at 11:06

    Presentazione letta tutta di un fiato…Gradita scoperta

  86. PolSer di Paolo Ferrario on 2011-02-03 at 15:50

    non ho ben capito ancora l’obiettivo del tuo blog
    nulla di male, beninteso: Intendo la mia (spero ) momentanea incomprensione.
    ti seguirò sia tramite il perfetto subrscribe di wordpress che con gli rss
    credo, temo, presumo …. di avere visioni del tutto diverse dalle tue sulla attuale trasformazione – diciamo così – sociodemografica
    a maggior ragione: mi servirà a chiarrmi le idee.
    dunque: buone informazioni
    paolo ferrario

    • Lorenzo Declich on 2011-02-03 at 16:01

      Semplicemente: dire quello che so nella maniera più chiara e veloce possibile. Ed esprimere la mia opinione.

  87. […] ora andiamo oltre – solo con un cenno – perché questa borghesia agisce, ovviamente, per sé, per i propri interessi. E, come […]

  88. Tutto in 30 secondi on 2011-02-07 at 10:37

    […] inoltre, che nonostante quanto passa nel senso comune, una fatwa non è vincolante per […]

  89. […] un rapporto della fine del 2008 e arriva da Londra e, in estrema sintesi, ci dice che il numero dei musulmani cresce nel Regno Unito, ma il tasso di natalità […]

  90. […] breve: visto che c’erano nuovi rapporti economici in ballo, bisognava promuovere un’immagine […]

  91. Collettivo Znet on 2011-03-11 at 07:30

    Buongiorno,
    volevamo solo segnalarvi, non avendo trovato una mail di riferimento, l’esistenza del nostro sito di traduzioni dalle quali poter attingere liberamente.
    In questo periodo si concentra molto sul tema M.O.

    Saluti
    Collettivo Znetitaly

    P.S. resta inteso che non procederemo oltre in alcuna segnalazione, non siamo interessati a spammare ma solo ad informare

Rispondi a champlooman Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Archivi

 
'