Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Siria: il rapporto dell’ONU sulle violazioni dei diritti dei bambini

2012-06-12
By

Per chiarezza pubblico qui il recente rapporto dell’ONU sulle violazioni dei diritti dei bambini nei conflitti armati, nella parte riguardante la Siria (sempre, purtroppo in inglese).

Vi anticipo che, a fronte di terribili accuse nei confronti di tutte le forze governative impegnate (esercito, milizie irregolari, servizi), vi è anche un’accusa all’Esercito Siriano Libero.

Scrivo questo per precisare, visto che di questi tempi le cose bianche diventano nere e viceversa, così come le accuse gratuite fioccano.

Mi raccomando, dunque: non leggete fischi per fiaschi.

E fate bene attenzione, perché da quello che si legge si capisce quanto è “scientifica” la repressione di al-Asad.

Syrian Arab Republic

119. The United Nations has received reports of grave violations against children in the Syrian Arab Republic since March 2011 and throughout the reporting period, continuing into 2012. In response to the need for United Nations verified information, my Special Representative for Children and Armed Conflict sent a technical mission to the region to conduct interviews with victims and witnesses in refugee camps, villages and hospitals in the region in March 2012. In almost all recorded cases, children were among the victims of military operations by Government forces, including the Syrian Armed Forces, the intelligence forces and the Shabbiha militia, in their ongoing conflict with the opposition, including the Free Syrian Army (FSA). Children as young as 9 years of age were victims of killing and maiming, arbitrary arrest, detention, torture and ill-treatment, including sexual violence, and use as human shields. Schools have been regularly raided and used as military bases and detention centres. Information obtained by the technical mission is in line with the findings of the independent international commission of inquiry on the Syrian Arab Republic.

120. Interviews with former members of the Syrian Armed Forces and the intelligence forces indicated that civilians, including children, were targeted by Government forces if they were residing in villages where members of FSA or other armed opposition groups were believed to be present or where deserters were hiding, or if they were seen fleeing the country seeking refuge. In one instance, a former member of the Syrian Armed Forces stated that, during protests in Tall Kalakh in December 2011, he was given an order by his commander to shoot without distinction, although the soldiers were aware that there were women and children among the protesters. During the armed break-up of the demonstrations, the witness saw three girls between approximately 10 and 13 years of age who had been killed by the Syrian Armed Forces. In another similar incident in Aleppo in the fourth quarter of 2011, a former member of the intelligence forces witnessed the killing of five children in a secondary school during demonstrations.

121. The grave violations continued into 2012 and although this is beyond the reporting period, the gravity of the incidents requires their inclusion in the report. Witness accounts described a particularly grave incident in the village of Ayn l’Arouz in the Jabal Azzawiyah in Idlib province. On 9 March 2012, Syrian Armed Forces, together with the intelligence forces and the Shabbiha militia, surrounded the village for an attack that lasted over a period of four days. Government forces entered the village on the first day and killed 11 civilians, including three boys aged between 15 and 17 years. Thirty-four persons, including two boys aged 14 and 16 years, and one 9-year-old girl, were arrested for interrogation about the suspected presence of deserters. Eventually, the village was reportedly left burned and 4 out of the 34 detainees were shot and burned, including the two boys aged 14 and 16 years.

122. There is no evidence of Government forces formally conscripting or enlisting children under the age of 18 years. However, the Syrian Armed Forces and its associated Shabbiha militia used children as young as 8 years on at least three separate occasions within the reporting period. In the incident mentioned above in the village of Ayn l’Arouz in March 2012, a witness stated that several dozen children, boys and girls ranging between the ages of 8 and 13 years, were forcibly taken from their homes. These children were subsequently reportedly used by soldiers and militia members as human shields, placing them in front of the windows of buses carrying military personnel into the raid on the village.

123. The United Nations collected dozens of accounts of eyewitnesses of both  children as young as 14 years of age who were tortured while in detention, as well as former members of the Syrian Armed Forces who themselves were forced to torture or witness torture. The Shabbiha militia was also involved in the detention and torture of children, especially during military operations and often in makeshift detention cells in schools. Most child victims of torture described being beaten, blindfolded, subjected to stress positions, whipped with heavy electrical cables, scarred by cigarette burns and, in one recorded case, subjected to electrical shock to the genitals. At least one witness said that he had seen a young boy of approximately 15 years of age succumb to his repeated beatings. Children were detained and tortured because their siblings or parents were assumed to be members of the opposition or FSA, or they themselves were suspected of being associated with FSA. On one occasion, in May 2011, a 15-year-old boy was taken into custody by intelligence forces in the municipal building in Jisr Ash-Shughur and repeatedly beaten with heavy electrical cables during interrogation. The boy stated that there were at least 20 other children his age or younger held in detention.

124. The United Nations has received some credible allegations of the recruitment and use of children by armed opposition, including FSA and other armed groups, although FSA has a stated policy of not recruiting any child under 17 years of age. Various sources reported on young children association with FSA carrying guns and wearing camouflage uniforms. My Special Representative for Children and Armed Conflict reminded all parties of their obligations under human rights and international humanitarian law.

125. The United Nations recorded multiple accounts of the use of schools by Government forces, including the Syrian Armed Forces, the intelligence forces and the Shabbiha militia as military staging grounds, temporary bases, detention centres, sniper posts and centres for torture and the interrogation of adults and children. Several witnesses stated that the intelligence forces and the Shabbiha militia had gun emplacements installed on the roofs of schools while students were attending. Accounts also indicated that, on a number of occasions, children were killed or injured by Government forces during military operations on school grounds, and schools were looted and burned as retribution by Government forces in response to student protests.

126. Reports also pointed out that, during the reporting period,  hospitals were struck by heavy artillery by Government forces. Aside from the conduct of military operations that prevent civilians from accessing hospitals, reports also indicated that injured persons, including children and their families, were afraid to seek medical treatment out of fear of reprisals by the Government for suspected association with the opposition. Similarly, reports were also received of medical workers being intimidated and threatened by Government forces for having provided or being suspected of providing medical assistance to members of the opposition.

Tags: ,

27 Responses to Siria: il rapporto dell’ONU sulle violazioni dei diritti dei bambini

  1. Zerco on 2012-06-12 at 22:33

    Ho letto tutto questo rapporto: va letto tutto per capire che è uno scartafaccio ridicolo scritto, senza nessuna fonte imparziale o accreditata sul campo, per dare importanza a un ufficio e a un suo responsabile, sgranando numeri che nessuno potrà mai verificare. Non mi sto riferendo alla Siria, che è un solo capitolo, che preme a te e quindi estrai quello che interessa a comprovare le tue idee, ma a tutto il rapporto nel suo complesso E’ una tipica espressione del nuovo corso dell’ONU, infestato di funzionari di tortuosa nomina politica che trovano nell’ONU il sistema per mettersi in evidenza, dare lustro al proprio ufficio, per ricevere attenzione e quindi fondi, per mettere in mostra il suo responsabile tanto da accumulare crediti per la propria carriera politica in patria o nelle organizzazioni globalizzate.
    Questo documento è tutto una porcheria, un po’ come i rapporti del Cnel, o dello Svimez, o di Prometeia, o della Cei citati cum laude dalla stampa italiana, ma pieni di scioccanti banalità organizzate in grafici o predicozzi. Mi meraviglio che una persona attenta come te possa accettare una buffonata come questa.

  2. […] Visita il sito in30secondi oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

  3. Lorenzo Declich on 2012-06-13 at 07:10

    Libero di pensarla come vuoi, io ovviamente non la penso come te. Ho pubblicato lo stralcio, spiegando che si trattava del solo pezzo riguardante la Siria. L’ho fatto perché ieri la rete era piena di articoli la cui fonte era questa. Ho lasciato intonsa la numerazione dei paragrafi proprio per “significare” che ho estratto il pezzo. Però ho preso integralmente la parte riguardante la Siria.
    Ho fatto questa cosa anche per comprovare che l’ONU accusa il Governo siriano di crimini: al tempo della strage di Hula la propaganda pro-Asad si attaccava con le unghie alle dichiarazioni ONU che “non confermavano” che le uccisioni non dovute a bombardamenti erano opera del regime.
    That’s it

    • Zerco on 2012-06-13 at 08:01

      Caro Lorenzo, se hai fatto questa cosa per comprovare che l’ONU accusa il governo siriano di crimini, hai sbagliato materiale: questo è un rapporto settoriale compendiario ed abborracciato di una certa agenzia dell’ONU che vuole dimostrare una sua tesi, e tu ne prendi una parte per dimostrare una tua tesi. Non è un’operazione corretta, né la testimonianza giusta per poter attestare o propalare un giudizio di condanna del governo siriano di crimini (che ne fa, ma non è questo il modo di denunciarli). Stai commettendo una forzatura; lo dico per te, perché vorrei continuare a leggerti senza vedere che cadi in certe trappole e ti fai diffusore volonteroso di imposture. Posso capire i Comitati di Coordinamento Locale che “colorano” le informazioni che raccolgono da uno scantinato di Damasco perché vogliono una Siria senza Assad che si regoli come un grande social network; capisco pure Ghalioun (o succedanei) che falsifica le informazioni dal un lussuoso ufficio sul Tamigi perché vuole sostituire Assad al potere. Ma non capisco, anzi non ammetto!, che l’ONU, che dovrebbe rappresentare la terzietà, pasticci le informazioni prendendole dalla Associated Press o dalla CNN. perché è così: l’ONU non raccoglie e vaglia più informazioni sul campo, lo fa solo in rarissimi e drammaticissimi casi come ora con gli osservatori, perché non ha più la struttura e l’organizzazione per farlo, ha solo dei gruppi di lavoro minimi, simili ad agenzie di relazioni pubbliche, retti da politicanti che vigliiono far carriera riscuotendo consenso dai più potenti. Questo sembra uno di quegli “studi” fatti da quelle società di consulenza che prosperano lavorando per enti regionali, su progetti come quello della “promozione della cultura del vino rosso tra le donne”, che snocciolano rosari di dati e statistiche presi da Cosmopolitan e dal servizio del TG3 sul Vinitaly che mostra la Mercegaglia mentre beve uno Schioppettino. Perché questo è. Se non hai la volontà o la capacità di vederlo o di dirlo, rischi di squalificare la tua informazione.

      PS quando lardellerai un tuo testo con “good job”? Simpaticamente: la prossima volta che concludi con “That’s it” sarà l’ultima che ti leggo

  4. Lorenzo Declich on 2012-06-13 at 08:11

    Zerco, mi sembra evidentissmo che ti stai arrampicando sugli specchi. Stavo parlando della “retorica” usata da chi, pro-Asad, usa “l’ONU” per dimostrare l’indimostrabile. Mostravo che “l’ONU” è ANCHE questo rapporto. Quanto ai miei anglismi non ti dar pena, di idiosincrasie si può morire.

    Do cvidanja

    • Zerco on 2012-06-13 at 08:16

      e chevvordì?

      • Lorenzo Declich on 2012-06-13 at 08:24

        Vorrebbe dì “ci rivedremo” in russo.

        • Zerco on 2012-06-13 at 09:22

          aah, questo: до свидания

  5. alberto on 2012-06-13 at 10:03

    Quale sarebbe il materiale giusto per provare i crimini di Assad?
    L’ONU è faziosa, Amnesty non è ammessa dal Regime in Siria, L’Osservatorio per i diritti umani non è attendibile, i Comitati di Coordinamento locale sono parte in causa…
    Forse non ci rimane che affidarci all’agenzia Sana o alla Pravda, in questo caso nessun morto in Siria, lunga vita al Santo di Damasco, Allah Surya Bashar w bes!

  6. Marian Stibei on 2012-06-14 at 07:57

    Scrivo che a me sembra indegno, da parte del signor Lorenzo, e specialmente nello spazio che si gestisce in prima persona, dire agli altri (prima è toccato spesso a me adesso tocca a Zerco, ma ciò non conta perché accadrebbe penso a chiunque nelle stesse circostanze), “ti stai arrampicando sugli specchi”, appena appena fra i commenti si comincia ad intravedere il semino di una possibile discussione non all’origine preformata.
    Lasciando per il momento perdere (ma ci ritornerò senz’altro) la questione sul come si formano qui i vostri “fatti” (in particolare sulla base di quali preiminari assunzioni vostre o di altri), sull’argomento di cui si parla in questo articolo mi sono imbattuto in un articolo di Piero Invernizzi che fa riferimento ad un’intervista del giornalista Ammar Waqqaf (di BBC e Al Jazira…).
    Sulla base di quanto leggo su questo sito, in ogni caso consiglierei a Zerco di non pendersela troppo e di continuare comunque a sbirciare anche questo sito insieme a tanti altri: l’importante è costruirsi con calma la propria mappa e tenersi le proprie domande fuori dalle narrazioni preformate (tutte: e, come avrai capito, qua ve ne sono anche di molto sottili, infiltranti e capaci di ben camuffarsi… più o meno consapevolmente: signori Lorenzo e Valerio, anche se non siete “giornalisti” vi comportate come tali: ricordate questo: una volta, durante un’intervista ad un “giornalista” del vostro tipo, un personaggio “complesso” come Gore Vidal, forse ispirato da tante esperienze avute nel suo lungo viaggio terreno, ebbe a dire una cosa di questo tipo: “si ricordi, uno scrittore ha sempre il dovere di scrivere e dire la verità; altrimenti è un giornalista”).
    Lo scrittore (e chi si sta formando un proprio pensiero non subalterno) non è mai uno che può permettersi con alzatina di spalle di concludere:
    that’s it…
    Riporto qua sotto l’articolo accennato. Buona lettura.
    Saluti diversamente concreti
    Marian

    Waqqaf (Al Jazeera): bambini come scudi umani, vi spiego perché è falso

    Una cosa sola è certa: la popolazione civile siriana sta soffrendo oltre ogni possibile immaginazione, e a subire le peggiori atrocità sono i più indifesi, cioè i bambini. Per il resto, nelle ultime settimane le notizie si rincorrono in una corsa folle nella quale è difficile distinguere la propaganda dalla verità. L’ultima è che i bambini siriani sarebbero stati usati dall’Esercito come scudi umani. Diversi piccoli con meno di dieci anni sarebbero stati piazzati all’esterno di carri armati e pullman militari, per scoraggiare i ribelli dall’attaccarli. Ad affermarlo è il rappresentante speciale dell’Onu, anche se riesce difficile immaginare su quali basi abbia verificato la notizia. Per Ammar Waqqaf, un opinionista siriano di BBC e Al Jazeera che anche in questi mesi difficili vive facendo la spola tra Londra e Damasco, “il rapporto dell’Onu è inattendibile, in quanto l’Esercito siriano è composto da professionisti che appartengono a tutte le religioni. Se Assad ordinasse una strage di civili in un villaggio sunnita, provocherebbe la diserzione in massa di tutti i soldati sunniti”.

    Che cosa ne pensa del rapporto sui bambini usati come scudi umani dall’Esercito?

    Ritengo che la notizia non sia affatto vera. Innanzitutto dovremmo appurarne la fonte, nonostante sia stata citata dall’Onu, in quanto di recente le Nazioni Unite hanno accusato il regime di violazioni che in realtà erano state commesse dai ribelli. In secondo luogo c’è un enorme tentativo di demonizzare l’Esercito siriano. Per esempio dopo il recente massacro di Hula si è affermato che i bambini sarebbero stati uccisi dall’Esercito, per poi scoprire che non era stato così.

    Vuole dire che l’Esercito non ha nessuna responsabilità?

    L’Esercito sta conducendo delle operazioni militari contro i gruppi armati dei ribelli. Le vittime civili e la distruzione di abitazioni sono un effetto collaterale inevitabile di questa situazione. Non ritengo però affatto plausibile che l’Esercito commetta direttamente abusi sui bambini o li uccida. E’ piuttosto il fronte opposto a rendersi responsabile di queste azioni.

    Per quale motivo?

    Perché una parte consistente dei ribelli è mossa dall’ideologia fondamentalista che li autorizza a commettere queste uccisioni nei confronti di chiunque appartenga a una religione diversa dalla loro. L’Esercito è invece un’istituzione dello Stato ed è formato da professionisti che appartengono a tutte le religioni, dai quali non ci si può aspettare l’obbedienza a un’ideologia ma soltanto a una disciplina militare. Di fronte all’ordine di utilizzare bambini come scudi umani, è quindi molto probabile che ufficiali e soldati diserterebbero.

    Ma per quale motivo l’Onu dovrebbe diffondere delle notizie false?

    Anche all’Onu capita di sbagliarsi, e il motivo è che non ha abbastanza risorse sul terreno. Gli osservatori non possono verificare tutto ciò che è riferito loro. Ovviamente cercano di controllare nei limiti del possibile, ma non possono arrivare dappertutto. Fin dall’inizio gli attivisti sono quindi riusciti a manipolare l’Onu.

    Può fare un esempio?

    Nel suo ultimo rapporto sulla Siria, la Commissione per i Diritti Umani dell’Onu ha riconosciuto per la prima volta che i gruppi armati hanno commesso atrocità e torture. Il rapporto afferma però che le forze di Assad nel maggio scorso avrebbero gettato uno studente dell’Università di Aleppo dal quarto piano di un dormitorio. Il nome di questo studente è Yazan Aboud ed era un sostenitore del governo. A defenestrarlo è stato in realtà un gruppo di persone che manifestava contro Assad.

    Come fa a esserne certo?

    Prima dell’incidente, il suo nome era stato messo su Facebook indicando che era un collaboratore del regime. Lo studente aveva subito diverse minacce, e quando le proteste hanno coinvolto l’Università di Aleppo, si è passati dalle parole ai fatti gettandolo dal quarto piano. Gli attivisti hanno quindi scaricato la responsabilità dell’uccisione sul governo, e l’Onu si è limitato a riportare la loro versione nel rapporto senza vagliarne l’attendibilità.

    Lei si reca spesso in Siria. Quanto sono estese le atrocità nei confronti dei civili?

    Purtroppo i civili in Siria stanno subendo numerose violenze, e il governo di Assad si trova di fronte a un dilemma. Da un lato, se non mette in atto operazioni militari contro i gruppi armati, i civili in certe aree cadono vittime dei ribelli. Questi ultimi quando controllano una zona terrorizzano le popolazioni che vi abitano, costringendole a pagare somme di denaro e a partecipare alle manifestazioni. Se invece il governo interviene per liberare città e villaggi dai gruppi armati, si verificano sempre delle uccisioni di civili durante gli scontri.

    Non è comunque meglio che si rispetti il cessate il fuoco?

    I civili non sono mai veramente al sicuro nelle aree controllate dai ribelli, basta vedere che cosa è successo a Hula. Le due famiglie massacrate erano a favore del governo, e il motivo per cui sono state uccise è che si sono rifiutate di partecipare a delle manifestazioni anti-governative e di pagare denaro ai ribelli per l’acquisto di armi. Il messaggio è chiaro: chiunque disobbedisce ai gruppi armati sarà ucciso a sua volta.

    Piero Invernizzi
    Fonte: http://www.ilsussidiario.net
    Link: http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2012/6/13/SIRIA-Waqqaf-Al-Jazeera-bambini-come-scudi-umani-vi-spiego-perche-e-falso/3/290890/
    13.06.2012

    • Lorenzo Declich on 2012-06-14 at 08:20

      Marian, lo ripeto per l’ennesima volta. I commenti sono fatti per la discussione. In una discussione succede che si dica “ti stai arrampicando sugli specchi”. ti ringrazio per l’articolo linkato.

  7. Lorenzo Declich on 2012-06-14 at 08:30

    Voglio anche precisare che Ammar Waqqaf è membro del Syrian Social Club, pro-Asad e viene intervistato da al-Jazeera http://www.youtube.com/watch?v=dgD6KjCDom0

  8. valerio on 2012-06-14 at 10:19

    P.S.
    “Se Assad ordinasse una strage di civili in un villaggio sunnita, provocherebbe la diserzione in massa di tutti i soldati sunniti”.

    Tutti i dati provenienti da 15 mesi dalla Siria seganalano:
    a) Un aumento generalizzato delle diserzioni di soldati di tutte le confessioni e di ufficiali, sopratutto (ma non solo) sunniti. Sia a favore dell’ESL, sia a favore della retinenza.
    b) La sostituzione nei reparti più direttamente impegnati nella repressione, ovvero i soldati di fateria, con elementi presi da altri reparti (areonautica, marina), mescolati ad elementi delle forze di polizia, ad elementi politicizzati forniti dal regime stesso (sia dal partito che dalla burocrazia), dalla criminalità comune collusa con il regime (in particolare, sembrerebbe, i contrabbandieri e i mafiosi del nord-ovest) ecc. ecc. e noti come Shabiha (o Shabeeha o Shabbiha) ovvero “fantasmi”. Sembrerebbe che la repressione stia disgustando chi la fa, che quindi deve essere sostituito oppure ha già disertato.
    c) La polizia segreta e le altre forze di polizia siriana hanno un record storico di massacri di civili, torture, maltrattamenti, esecuzioni sommarie, pestaggi, minaccie, ecc. ecc. da far impallidire un regime sudamericano. In Siria esiste un personale militare adeguato per fare qualsivoglia lavoro sporco.
    d) Il regime siriano negli anni ’80 ha già compiuto stragi di massa e massacri (usando reparti appositi e fideizzati dell’esercito, che, come in buona parte delle dittature arabe, è proprio per questo duale) ottenendo con il terrore la repressione del dissenso, all’epoca prevalentemente sunnita. Ovvero nulla di nuovo sotto il sole, stragi di massa di sunniti (e non solo) sono già avvenute in quel paese vent’anni fa e solo da pochi anni si era lasciato alle spalle quel modello, ora tornato di moda.

    Ripeto e ribadisco l’ESL non è privo di colpe e di responsabilità, la sua nascita non è servita a far finire le violenze in Siria, ma semmai le ha aumentate ed ha aggiunto la violenza rivoluzionaria a quella della repressione.
    Però NB il modello strategico della repressione governativa, da tutti i dati diffusi (incluse le cifre dei morti riportati dal regime), ovvero il modo in cui Assad, già 15 mesi fa, reagì alle prime rivolte pacifiche, è eccezionalemne violento e persecutorio.

    Tutte le analisi devono partire dal fatto che c’è attualmente un governo in Siria che uccide senza pietà gli oppositori e chi si trova al posto sbagliato al momento sbagliato. Se usi i bambini come scudi umani (cosa verosimile) o meno, è, a mio avviso, un dettaglio.
    Resta evidente come il governo abbia scelto di reprimere la rivolta uccidendo o torturando tutti i “rivoltosi” (pacifici o meno) su cui mette le mani.

    Inoltre faccio notare che militarmente se si vuole scacciare un gruppo di ribelli/terroristi/ guerriglieri da un villaggio pieno di civili esistono varie alternative al bombardamento a tappeto con l’artiglieria e all’uso dei carri armati per dare un sostegno con il fuoco diretto. Alternative che riducono il numero delle vittime civili. Il governo Siriano ha deliberatamente scelto di non impiegare queste tattiche ma ricorre spessissimo alle pratiche militari più invasive, a mio avviso proprio per diffondere terrore e paura tra la popolazione, secondo il modello strategico adottato con successo nelle città ribelli durante gli anni ’80, ed ora reiterato contro tutto il paese.

    Il modello propagandistico di tutti i contendenti attribuisce all’avversario le proprie uccisioni, ma:
    1) è risibile pensare che il governo siriano abbia le mani limpide, proprio risibile
    2) hanno cominciato loro, quindi hanno la colpa del “primo sangue”, responsabilità non indifferente visto che nelle masse è ben radicata la mentalità “io non attacco, ma se mi attaccano mi difendo”
    3)per quanto i ribelli non abbiano le mani limpide essi sono meno armati, organizzati e numerosi delle truppe del regime, sono privi di artiglieria, elicotteri, MBT, navi ecc. ecc., quindi quando si parla di vittime determinate da sistemi d’arma complessi come l’artiglieria, l’artiglieria navale e gli elicotteri la responsabilità è sempre del governo
    4)in molte zone il controllo militare del governo è quasi totale, 15 mesi fa era assolutamente totale, eppure le esecuzioni sommarie e le stragi di civili sono diffuse in tutto il paese, tutti i dati a nostra disposizione denunciano che sono cominciate precedentemente alla comparsa di gruppi armati ribelli.

    Ora sono prontissimo ad ammettere che l’ESL ha al suo interno alcune brigate (non molte ma alcune sì) con una forte componente o una completa egemonizzazione di forze politiche che fanno riferimento alla fratellanza mussulmana e (molto, molto, molto più marginalmente) al salafitismo (due cose ben distinte in verità), ma il governo non sta difendendo la popolazione civile, la sta bombardando con l’artiglieria.

    Faccio un po’ di fantascienza
    Cosa diremmo se il nostro governo, di fronte ad una rivolta popolare, magari anche armata, bombardasse con l’artiglieria Genova e Livorno? Oppure se avesse risolto negli anni ’80 il problema delle BR torturandoli tutti a morte? E poi torturando anche i loro familiari per ottenere informazioni?
    Sarebbe un governo legittimo? Da sostenere?
    Non sarebbe indispensabile un cambiamento, un nuovo governo, un processo di pacificazione che parta dalla cacciata del governo stesso, e, quantomeno, una serie di epurazioni nelle forze armate e di polizia che si sono rese responsabili di tali atti?
    Se ciò non avvenisse non sarebbe legittimo ribellarsi? Anche se non si condividevano gli obbiettivi dei rivoltosi di Genova e Livorno o delle BR?

    Insomma Assad, ammesso che un signore nominato presidente per diritto di nascita avesse una qualche legittimità, è moralmente ed eticamente degno di essere presidente della Siria dopo aver dato questi ordini?
    Ordini che, occorre ribadirlo, sono ISTITUZIONALI, ovvero non è responsabile personale di ogni singola uccisione, ma della scelta del modello di repressione.

    Mentre invece tutti i crimini commessi dagli oppositori di Assad ricadono integralmente sugli individui o i gruppi che li hanno commessi e non sono ascrivibili alla totalità delle opposizioni di regime.
    E questa è una differenza nodale, visto che la psy-war di Assad parte proprio dalla costatazione che esistono tagliagole salafiti tra i suoi oppositori per dipingerli tutti indistintamente come tagliagole salafiti.

    Mentre l’ESL è comandato in buona parte da ufficiali dell’esercito e delle forze armate siriane, identici per formazione intellettuale e culturale a quegli uomini che combattono. Non da estremisti islamici, si badi bene, ma da ufficiali, in genere subalterni e raramente sopra il grado di maggiore, in molti casi con carriere militari tarpate per anni poichè considerati politicamente (o religiosamente ed etnicamente, vi sono parecchi ufficiali al-kurdi all’est nell’ESL) meno affidabili di altri.

    Continuando:
    “Perché una parte consistente dei ribelli è mossa dall’ideologia fondamentalista” (in realtà i fondamentalisti sono pochi) “che li autorizza a commettere queste uccisioni nei confronti di chiunque appartenga a una religione diversa dalla loro.” (a quanto pare le vittime di motlissime stragi erano sunnite) “L’Esercito è invece un’istituzione dello Stato ed è formato da professionisti che appartengono a tutte le religioni, dai quali non ci si può aspettare l’obbedienza a un’ideologia ma soltanto a una disciplina militare.” (vale anche per la Wermacht? E il fatto che il sistema militare siriano sia duale?- anzi trilaterale, con la guardia repubblicana e le forze speciali indipendenti- Oppure che esista un indottirinamento politico-ideologico nell’esercito? Oppure l’autore vuole farci credere che gli eserciti non abbiano mai, in tutta la storia dell’umanità, fucilato ed ucciso i civili, inclusi quelli della loro madrepatria? Insomma mi faccia il piacere!) “Di fronte all’ordine di utilizzare bambini come scudi umani, è quindi molto probabile che ufficiali e soldati diserterebbero.” (ed infatti disertano! ma non credo per questo, anzi l’uso degli scudi umani in guerra di solito provoca autogiustificazioni di ogni tipo per chi lo fa).

    Mi sembra, con tutti i miei limiti che questo giornalista- lui si un giornalista!per giunta un oppinionista! e per giunta un dipendente della stampa di regime e del Syrian Social Club, e quindi un possibile autore di propaganda e di psy-war- non sappia nulla della guerra e di cosa sia combattere, ora io non ho mai visto una guerra da vicino, ma le studio da una vita e ho, modestamente, questa impressione.

    Infine una nota a parte, signor Marian forse un’altra volta ne discuteremo, però non è che forse lei utilizza troppo chiavi interpretative maturate dalla sua esperienza del’89 rumeno, con i suoi morti non ammazzati a cui veniva sparato per far credere vi fossero stati dei massacri?
    Quell’esperienza è decisamente eccezionale, ed anche se serve moltissimo per ricordarci che non tutto ciò che si vede in televiosione accade davvero. Ma non è certo questa la sede per discutere dell’ 1989 in Romania, avvenimento che suppongo lei abbia vissuto in prima persona. Ma la Siria oggi è evidentemente ben diversa dalla Romania di ieri.

  9. valerio on 2012-06-14 at 10:46

    Precisazione (e correzione) necessaria:

    “Ora sono prontissimo ad ammettere che l’ESL ha al suo interno alcune brigate (non molte ma alcune sì) con una forte componente o una completa egemonizzazione di forze politiche che fanno riferimento alla fratellanza mussulmana e (molto, molto, molto più marginalmente) al salafitismo (due cose ben distinte in verità)”

    In verità le formazioni politiche salafite o afferenti all’islam sunnita politico radicale in genere (ovvero sempre esclusi gli individui) non entrano nell’ESL ma formano formazioni armate proprie e svincolate da quel contenitore.

    In realtà la frase ha senso se si sostituisce “nelle formazioni militari dell’opposizione siriana” alla parola ESL.

  10. alberto on 2012-06-14 at 11:07

    Partendo da questa dichiarazione nel post di Stibei, vorrei fare un commento: “Lasciando per il momento perdere la questione sul come si formano qui i vostri “fatti” (in particolare sulla base di quali preliminari assunzioni vostre o di altri), sull’argomento di cui si parla in questo articolo mi sono imbattuto in un articolo di Piero Invernizzi che fa riferimento ad un’intervista del giornalista Ammar Waqqaf”.
    Partiamo da un fatto, tutto quello che proponete (come dite) è alternativo non conforme ad organismi ed organizzazioni convenzionali, per questo assunto, secondo voi è vero! Mentre, informazioni provenienti dall’ONU (o organizzazioni analoghe, “le fonti di Declich” insomma….sono per contro sempre false.
    Bene con questi presupposti è difficile confrontarsi, il probabile o addirittura il falso sono posti sullo stesso piano del vero.
    Ma torniamo al fatto dell’articolo, che “peraltro” rientra in un più generale abuso e violenza sui minori commesse dai soldati del regime, cosa già denunciata da Amnesty International.
    Vediamo cosa dice Waqqaf:
    1 – I bambini non sarebbero usati come scudi umani (quindi la notizia è falsa), “il rapporto dell’Onu è inattendibile, in quanto l’Esercito siriano è composto da professionisti che appartengono a tutte le religioni. Se Assad ordinasse una strage di civili in un villaggio sunnita, provocherebbe la diserzione in massa di tutti i soldati sunniti”.

    Bravo Stibei a prendere Waqqaf come attendibile…lo sapete che da circa un anno, i soldati considerati non fedeli, per idee politiche, livello di istruzione, confessione religiosa, ecc…vengono confinati in lavori di ufficio nelle caserme, e terminati i 2 anni di servizio obbligatorio (il termine è sceso a due anni nel 2010)vengono tenuti nelle caserme a non fare nulla, per sei, otto, dieci mesi…finchè sono certi che non abbiano idee “rivoluzionarie”.
    Quello che dice Waqqaf è riferibile eventualmente, solo agli alti quadri dell’esercito, quelli che hanno tutto da perdere data la loro alta posizione, se il regime dovesse cadere.

    2 – “Che cosa ne pensa del rapporto sui bambini usati come scudi umani dall’Esercito?
    Ritengo che la notizia non sia affatto vera.
    Innanzitutto dovremmo appurarne la fonte, nonostante sia stata citata dall’Onu…Per esempio dopo il recente massacro di Hula si è affermato che i bambini sarebbero stati uccisi dall’Esercito, per poi scoprire che non era stato così.”

    Bene bisogna appurare la fonte dell’ONU, potrebbe non essere attendibile, invece la dichiarazione di Waqqaf che dice “ritengo che la notizia non sia affatto vera”, è prova della non verità della notizia!
    E continua: “Per esempio dopo il recente massacro di Hula si è affermato che i bambini sarebbero stati uccisi dall’Esercito, per poi scoprire che non era stato così.”
    Ma chi ha scoperto che non era così, questo è un falso ribaltamento dei fatti!

    Leggete di seguito:
    Domenica 27, l’agenzia d’informazione statale Sana ha diffuso una dichiarazione secondo cui le vittime di Houla erano state uccise da “gruppi terroristi legati ad al-Qaeda”. Lo stesso giorno, un portavoce del ministero degli Affari esteri ha affermato che “una commissione d’inchiesta militare” era stata nominata per indagare su quanto accaduto a Houla.
    “L’esperienza delle precedenti indagini interne ci dice che non dobbiamo aspettarci conclusioni significative nemmeno da questa”- ha commentato Luther. “Non siamo a conoscenza di un solo presunto autore di violazioni dei diritti umani, appartenente alle forze del regime siriano, che sia stato portato di fronte alla giustizia in questi 14 mesi di protesta e rivolta”.

    Ah…scusate la commissione militare creata dal regime al fine di valutare i fatti di Houlè (al Hula, ha detto che non è stato il regime!
    Ah beh…attendibile Waqqaf.

    Lo sapete, a proposito di Houlè, che sessantadue tra le persone uccise facevano parte della famiglia Abd al-Razaq di Teldo, famiglia sunnita!
    A Waqqaf suona strano che membri sunniti dell’esercito ordinino la strage o partecipino, quando i confratelli uccisi erano sunniti, ma per lui è normale che l’esercito libero, accusato di essere confessionale in maggioranza, addirittura qualcuno dice “salafita”, possa essere l’esecutore.

    Naturalmente è l’esercito a dover appurare i fatti, quei fatti che è accusato di aver compiuto. Per voi Zerco e Stibei, che a differenza nostra usate il cervello e vi interrogate sui fatti, tutto ciò è normale.
    è normale che il regime non permetta agli osservatori di entrare ad Houlè (se non a cose fatte), è normale (se avesse la coscienza pulita) che non permetta l’entrata nel paese ai rappresentanti di Amnesty International che dice: “lo ha detto oggi (14-06-2012) Amnesty International, lanciando un nuovo rapporto di 70 pagine, dal titolo “Rappresaglie mortali”, che fornisce nuove prove delle ampie e sistematiche violazioni dei diritti umani, tra cui crimini contro l’umanità e crimini di guerra, perpetrate nell’ambito di una politica di stato destinata a compiere rappresaglie contro le comunità sospettate di sostenere l’opposizione e a intimidire e assoggettare la popolazione.
    La repressione governativa ha preso di mira città e villaggi ritenuti roccaforti dell’opposizione: luoghi dove vi erano stati scontri con l’Esercito libero della Siria, così come centri di proteste pacifiche.
    Il genere di violazioni commesse in queste zone non è isolato, poiché giungono diffuse denunce analoghe da altre parti del paese, come nel caso dell’attacco delle forze siriane del 25 maggio a Houla dove, secondo le Nazioni Unite, sono state uccise 108 persone, tra cui 49 bambini e 34 donne.
    Il rapporto di Amnesty International corrobora le conclusioni di altre indagini sulle violazioni dei diritti umani in Siria, tra cui il rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite sui bambini e i conflitti armati che mette in evidenza come, nell’ultimo anno, le forze governative siriane si siano rese responsabili di “uccisioni e ferimenti, arresti arbitrari, detenzioni, maltrattamenti e torture” di bambini anche di nove anni.
    “I tentativi del governo siriano di impedire l’accesso ad Amnesty International, ad altre organizzazioni per i diritti umani e alla stampa internazionale, non sono riusciti a impedire le ricerche. Questo rapporto fornisce ulteriori dettagliate prove che le autorità siriane sono impegnate in un attacco sistematico, massiccio e brutale contro la popolazione civile” – ha concluso Rovera.
    Tra la metà di aprile e la fine di maggio del 2012, Amnesty International ha condotto ricerche sul campo nelle province di Aleppo e Idlib, nonché nelle aree di Jabal al-Zawiyah e Jabal al-Wastani, a nordovest di Hama. Queste ricerche hanno compreso oltre 200 interviste con familiari di persone uccise e arrestate, persone le cui case e proprietà sono state distrutte, danneggiate o saccheggiate, persone sopravvissute agli attacchi, testimoni oculari ed ex detenuti.
    Questo rapporto si concentra sulle sistematiche violazioni dei diritti umani commesse dalle forze governative, tra cui le milizie shabiha che operano insieme all’esercito e alle forze di sicurezza: esecuzioni extragiudiziali e altre uccisioni illegali, attacchi diretti e indiscriminati con carri armati, mortai ed elicotteri che hanno provocato la morte o il ferimento di civili, la sistematica distruzione e il saccheggio di abitazioni e proprietà, le detenzioni arbitrarie e la tortura.”

    Chiedo scusa se sono prolisso, ma non si può continuare a confutare i fatti con l’aria.
    Solo una cosa, sono pronto a tutto, ma non provate a dire che i rapporti di Amnesty International o Human Right Wach sono inattendibili, quando queste fonti vi piacciono se accusano l’America ad Abu Ghraib o in Afghanistan.

    Certo voi alle parole non credete…già a marzo HRW aveva accusato l’esercito di usare i civili come scudi umani (http://www.hrw.org/news/2012/03/25/syria-local-residents-used-human-shields), forse il video vi convince.
    Ah no…forse sono quelli dell’esercito libero che hanno rubato le divise ufficiali ed hanno messo in piedi una messinscena…

    Ma torniamo al nostro Waqqaf:
    3 – Ma per quale motivo l’Onu dovrebbe diffondere delle notizie false?

    Risponde: “Anche all’Onu capita di sbagliarsi, e il motivo è che non ha abbastanza risorse sul terreno. Gli osservatori non possono verificare tutto ciò che è riferito loro. Ovviamente cercano di controllare nei limiti del possibile, ma non possono arrivare dappertutto. Fin dall’inizio gli attivisti sono quindi riusciti a manipolare l’Onu.”

    Eh certo…colpa dell’ONU, non del regime che non permette ad Amnesty International o HRW di entrare.
    E quando questi illegalmente entrano e scrivono rapporti circostanziati e verificabili (con nomi e cognomi delle persone: http://www.hrw.org/news/2012/05/02/syria-war-crimes-idlib-during-peace-negotiations) non sono attendibili…

    Ancora Waqqaf:
    4 – Lei si reca spesso in Siria. Quanto sono estese le atrocità nei confronti dei civili?
    “Questi ultimi (i Ribelli) quando controllano una zona terrorizzano le popolazioni che vi abitano, costringendole a pagare somme di denaro e a partecipare alle manifestazioni.”

    Per nulla fazioso questo serio giornalista, Stibei e Zerco, parlo a voi che prendete per oro colato queste veline del regime, lo sapete che ad ogni manifestazione a favore di Assad, devono prendere parte obbligatoriamente tutti i funzionari e dipendenti pubblici, gli alunni delle scuole, gli studenti Universitari…
    Al mattino si presentano in ufficio o a scuola, non militari, ma militari e membri dei servizi segreti e ti dicono: “ora tutti fuori a manifestare”, ti danno la bandiera, la maglietta, il cappellino.
    Chi non si è presentato viene segnalato e riceve la visita a domicilio.
    Chi si rifiuta perde il lavoro nel migliore dei casi.
    Questo succede adesso ed è sempre stato così nella Siria di Assad, anche quando tutta Damasco manifestò contro l’embargo dato al paese nel 2005 e io stavo tra quel milione sceso in strada.

    Waqqaf evidentemente conosce i sistemi del Regime, li ribalta e li fa propri dei ribelli.

    5 – sono veramente alla fine poi vi lascio stare: Non è comunque meglio che si rispetti il cessate il fuoco?

    “I civili non sono mai veramente al sicuro nelle aree controllate dai ribelli, basta vedere che cosa è successo a Hula. Le due famiglie massacrate erano a favore del governo, e il motivo per cui sono state uccise è che si sono rifiutate di partecipare a delle manifestazioni anti-governative e di pagare denaro ai ribelli per l’acquisto di armi.”

    Non è questa la solita tiritera del Regime?
    Le famiglie sunnite che stavano con Assad l’alawita contro i ribelli sunniti che le hanno fatte fuori!
    Si, perchè quelli che parlano di membri dell’esercito libero, dicono che venivano da Rastan, a Rastan ci sono solo sunniti e null’altro.

    Signori miei, la vostra fonte attendibile parla di guerra, di un esercito contro dei terroristi.
    In parte non nego che oramai si possa parlare di guerra civile, che uccisioni sommarie e torture siano commesse da ambo le parti.

    Ma la vostra fonte non parla di come ci si è arrivati, non dice dei 9 mesi di manifestazioni pacifiche, non cita gli intellettuali e gli studenti arrestati e i tagliagole liberati con l’amnistia di gennaio.
    Alla vostra fonte dovreste far leggere Piccinin, che scriveva le stesse cose e la pensava come voi, ma poi è finito per sbaglio in quelle prigioni (che secondo voi non esistono), ha visto le torture fatte dagli scagnozzi di Assad (che non esistono), gli hanno pure strappato le unghie (i soldati di Assad non fanno queste cose)…leggete cosa scrive adesso Pierre Piccinin!
    Vi piaceva tanto prima che glorificava Assad, le cose son due, o leggetelo ancora adesso, oppure consigliate all’attendibile Waqqaf di fare lo stesso giretto turistico.

    Credetemi creduloni…
    Conosco molte persone che erano con Assad, altre (in Siria naturalmente)che nonostante le prime manifestazione pacifiche non si volevano esporre, tanto per molti l’importante è “che la vita continui tranquillamente (noli me tangere)”, vi assicuro che ora sono nettamente schierati contro e pur non simpatizzando per l’ESL, attendono la caduta di Assad.
    A casa si guarda ad-Dounia e Manar, non al-Jazeerah, dunque il complotto sionista massonico non li ha raggiunti, ma il sangue che scorre a fiumi si, sangue sparso dal regime, loro sono li (tra Hama ed Homs)e me lo dicono!
    Waqqaf il suo giretto lo fa a Damasco.

    • Marian Stibei on 2012-06-14 at 18:05

      Guardi, signor Alberto, che io considero l’attendibilità di Waqqaf come posso considerare la sua…
      Semplicemente come una “fonte” da mettere in discussione e comunque da decostruire e rifare, come tutte le “fonti” oggi e in questo contesto…
      O lei non vuol proprio vedere se non quello che le accomoda?
      Ho proposto l’articolo di Invernizzi su Waqqaf solo per questo. Da qui ad assorbirne le posizioni ce ne corre, e molto.
      Ma lei, intende?
      I soliti concreti saluti.
      Stibei

      • alberto on 2012-06-15 at 14:34

        Vede signor Stibei, non voglio vedere solo quello che mi va, naturalmente…confrontiamoci,
        però vedo, leggendo anche il commento stizzito di Zerco, che improvvisamente siamo tutte verginelle.
        La mia risposta (sul tema dell’articolo), veniva dopo “un’accusa” di Zerco che considerava uno scartafaccio ridicolo il rapporto ONU, e lei proponeva di rimando l’intervista di Waqqaf.
        Mi fa piacere sapere che lei propone solo delle cose alternative a mò di confronto civile, perchè era lei che scriveva: “Lasciando per il momento perdere (ma ci ritornerò senz’altro) la questione sul come si formano qui i vostri “fatti” (in particolare sulla base di quali preiminari assunzioni vostre o di altri), lasciando intendere mi pare una vena polemica sulle letture-fonti proposte dall’articolista.
        Ad ogni modo possiamo discutere su tutto quello che troviamo in rete, però (per quanto mi riguarda, ma mi sbaglierò…) vedo un certo contrasto, da una parte si critica aspramente la fonte ONU, dall’altra (ok lei e non Zerco)viene proposto un articolo “alternativo”, di un personaggio pro-Assad.
        Forse una critica a priori la si può fare anche su Waqqaf, no?
        E comunque noto sempre, che si parla di sistemi planetari, di geopolitica e che si gioca a Risiko, ma nelle risposte di lei Stibei (ma anche in quella di Zerco)non vedo nessun confronto o dialogo su quanto ho discusso nella mia lunga risposta, ci fatti chiari e circostanziati a volte, anche su questo sempre il silenzio.
        Non vorrei che il confronto di cui parla, in primis sia attaccare l’articolo o la risposta che non le va e poi proporre la sua fonte “alternativa” (degna più di quella che ha attaccato).
        Guardi anch’io contrasto fortemente (come ho fatto sopra), ma rispondo punto su punto sul tema, non scrivo post scocciati lamentando l’aggressività polemica o il fatto che voglia vedere quello che mi fa comodo.
        Lei parla di vedere quello che mi fa comodo, ma dimentica che a volte parlo per conoscenza diretta e perchè alcuni siriani mi raccontano, e se questo non le piace è lei quello che non vuole vedere.
        I soliti saluti,
        Alberto

      • alberto on 2012-06-15 at 14:46

        Lei proponeva a mò di discussione Waqqaf, presumo considerando l’attendibilità o di Waqqaf o di Invernizzi.
        Le interesserà allora questo link: http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/06/15/vi-spiego-perche-e-un-falso-mediatico-dire-che-assad-usa-i-bambini-come-scudi-umani/
        potrà vedere da chi viene ripreso e considerato attendibile.

        • Marian Stibei on 2012-06-16 at 06:28

          Le ho già pacatamente risposto, signor Alberto… Ma forse vale la pena precisare di più e meglio.
          Lei presume troppo e io, forse, troppo poco (tuttavia un sano scetticismo, specie davanti alle cosiddette “fonti”, oggi è più che opportuno, in partenza almeno).
          Lei presume che io presuma l’attendibilità di questo Waqqaf o di Invernizzi, o che magari presuma l’inattendibilità di HRW o degli osservatori di ONU o dei comunicati, che so, dell’ESL, dei suoi interlocutori e conoscnti siriani o di qualsiasi altro “attore” “in campo” nella “crisi” in atto…
          No, non è per niente così.
          Le propongo una sintesi di come, per me, andrebbero trattate tutte le “fonti”.
          Prima si dovrebbe lasciar “dire” la “fonte” (quasiasi), “prendersi il proprio tempo” e “lasciarle tutto il tempo” come si dice (ed è cosa che i media, come saprà, mai fanno: non a caso); poi bisognerebbe cominciare a farle tutte le domande possibili e immaginabili, anche le più apparentemente strane, giusto per vedere un po’ come ragiona la “fonte” anche su sentieri non direttamente segnati sulla sua “agenda” (perché, lo si è visto e non lo si può più negare, ogni “fonte” di questo tipo, ovvero attore organizzato, anche in rete, è parte in causa nel conflitto ed ha una sua, più o meno costruita, consapevole e “forte” “agenda”: non bisogna lasciarle l’iniziativa sul suo terreno, occorre sempre “sparigliare le sue carte”, come si dice: mossa prudenziale e di “inchiesta” allo stesso tempo).
          Certamente, come fonte autentica anche il popolo siriano, probabilmente nella sua grande maggioranza, pacifica ma non più tanto silenziosa (come quello egiziano o tunisino o libico, o greco, islandese, italiano o spagnolo…), ha una sua agenda (magari un po’ confusa ma profondamente semplice e comprensibile) di aspirazioni e di voglia di cambiare, da sotto, questo modo di vita sempre più imposto dall’alto (da quale élite non fa differenza: da questo punto di vista, Assad, il CNS, l’ESL, la Syrian Muslim Brotherhood, Al Ciada, ONU, NATO, Russia o Cina pari sono).
          La questione è, semmai, che la maggiornaza del popolo siriano tutto è, ahinoi, meno che una “fonte” o attore da se stesso organizzato; anzi, quasi tutte le “fonti” (dalle più governative a quelle dell’opposizione più armata), per quel che si vede “sul campo”, congiurano attivamente perché non lo divenga mai, infiltrando fra le sue persone “civili” le loro “armi”, “mezzi”, “idee”, “notizie” e “agenti”.
          Vede già da questo quadretto che ci sono “fonti parlanti” (che si esprimono per definizione ed esistono solo così, esprimendosi come “fonti”) e fonti che, pur avendo ogni ragione di esprimersi, non hanno di che o viene impedito loro di esprimersi: già questo è rilevantissimo e può stabilire un primo divario di attendibilità, tra le “fonti” e le fonti. Mi segue, signor Alberto?
          Una volta in chiaro questo aspetto, una volta interrogata la nostra supposta primitiva “fonte”, essa va allora decostruita indagando perché dice quel che dice e fa quel che fa, perché fa vedere quel che fa vedere e perché non dice quel che non dice, perché talvolta magari si contraddice e, banalmente, come si sostenta, come vive, ecc. ecc.
          Decostruita così (e in tanti altri modi, per poi meglio comprenderla), la si può allora ricostruire e collocarla, come noi comprendiamo (non come essa pretenderebbe), nel quadro delle “forze in campo”, distinguendo a questo punto dentro le sue narrazioni (sempre cosa mai facile) i grani eventuali dai logli quasi sempre certi… Al che, con ulteriore sforzo cognitivo, si può tentare di inserire il quadro così rifatto di tale “fonte” (a questo punto si vede che la “fonte” non è già più quel che era, vero?) all’interno delle proprie “mappe” per vedere quale ruolo e quale figura rivesta la fonte così trasformata. A questo punto, e solo a questo punto, essa acquista un significato essenziale per chi fa questa operazione di “comprensione”.
          Conoscere e comprendere non è sempre, anzitutto, fondare i presupposti assunti come tali (le “fonti” in questo caso), spiegarli e mai prenderli come presupposti infondati che niente mai spiegano e che sarebbero, anche secondo la scienza ufficiale, in se stessi tautologici (ovvero non scientifici se non addirittura a-scientifici)?
          Certamente, chi ha assorbito il culto dell’oggettività o dei fatti indotti, dentro o fuori dai media, in rete o no, leggerà questo mio “trattamento” della “fonte” come mero stravolgimento dei “fatti” (ideologico senz’altro, nevvero?). Non così chi vede nei “fatti” suddetti nella loro veste di “fonti” il prodotto di una dinamica differente da scoprire e portare alla luce (con diversa logica, senz’altro).
          Allora ci sono qui, questo è il punto cruciale, forse, due strade logiche incomparabili che non si incrociano e non possono proprio mai incrociarsi: due “criteri di scientificità” affatto differenti, di specie diversa.
          Io scelgo la seconda strada logica e lo faccio consapevolmente avendo compreso anche la prima (e avendo sperimentato dove essa porta: al completo asservimento concreto, per dirla in breve)…
          Lei signor Alberto, qua cosa sceglie? E perché? O si sottrae alla scelta e non si pronuncia, come certuni pure fanno?
          Veda lei, ma sappia che quel che fa o non fa, sceglie o non sceglie, a questo livello non rimane mai senza conseguenze. Vita natural durante e nel più profondo e puro concreto, se a lei piace. Del resto, cosa intende lei per “responsabilità” quando si vive e, magari, si scrive?
          Guardi, non deve mica spiegarlo a me su questo sito, questa risposta forse serve a lei.
          Ora: questo punto cruciale, secondo me, andrebbe tenuto sempre presente quando si scrive di cose come la “crisi siriana” o le “primavere arabe” (tragicamente riproposte dopo quasi un secolo dalle primitive originali).
          Le sembra che così avvenga, su questo sito e altrove? Mi indichi se e quando, magari non riesco ad avvedermene (mica sto sempre sulla tastiera, del resto). Sarebbe molto ma molto importante, penso per tutti.
          Spero di essere riuscito a dissolvere almeno in parte qualche velo di nebbia.
          O questo mio ragionare è per lei sempre fuori da ogni “ragionevole concretezza”?
          Marian Stibei

          • alberto on 2012-06-16 at 10:38

            Ammetto che per me, come lei dice, rimane sempre fuori da ogni “ragionevole concretezza”, tuttavia la seguirò su questo terreno.
            Il punto non è la concretezza o il filosofeggiare, il punto è che se si parla di fatti concreti (veri o presunti) su questo terreno bisogna rimanere, se si comincia a fare filosofia, si prende una direzione in cui si può dire tutto o niente…
            Sul metodo nell’analisi delle fonte devo dire che sono pienamente d’accordo con lei (vede per una volta…), però penso che il modo di trattare la fonte, come lei suggerisce, non possiamo farlo noi e nemmeno Declich, ma deve essere fatto a priori da chi raccoglie le informazioni. Noi ci dobbiamo accontentare di leggere la notizia e analizzarla con quanto la conoscenza ci permette di fare.
            A questo punto però vorrei chiederle alcune cose, se la sua critica è verso il giornalista che scrive, perchè non si rivolge a chi scrive le notizie ma a chi le riporta (magari in buona fede).
            Secondo, se è così critico nei confronti di questo sito, perchè non lo è altrettanto verso quei siti dove scrive la Correggia, che lei prontamente ha difeso per la sua professionalità e ricerca della verità (ricorda i suoi post sull’argomento?).
            Guardi signor Stibei, le assicuro che non voglio fare il polemico, tuttavia se un metodo critico (o polemico) vuole adottare, lo deve applicare sempre allo stesso modo a tutte le sue “fonti”, non può fare il pignolo con Declich e il lassista con la Correggia.
            A meno che, non dica chiaramente, che considera Declich inattendibile e di parte, mentre la Correggia competente ed indipendente.
            Mettiamoci pure d’accordo su delle regole di gioco, ma che poi rimangano quelle, non che vengano modificate mentre si gioca e a seconda di chi gioca.
            Tornando all’attendibilità delle fonti, cosa che non possiamo fare ne lei ne io, perchè non potremmo mai andare a verificare se una data persona ha detto una tal cosa a quel tal giornalista, dovremmo sempre basarci sulla deontologia professionale di questo, riguardo a questo potremmo prendere con il beneficio del dubbio tutte le notizie.
            Tuttavia una cosa va fatta, perchè non si possono mettere sullo stesso piano fonti differenti, ve ne sono alcune che forse hanno maggior credibilità di altre non pensa?
            O forse come dice lei mi sto spingendo in un campo minato, con questa mia affermazione?
            Mi segua nel mio ragionamento, se io abito vicino ad una fabbrica di amianto e dico che le polveri mi fanno male, all’opposto vi è il direttore della fabbrica che dice che non è vero, le polveri non fanno male, abbiamo in mano degli studi che lo dimostrano (studi da lui finanziati naturalmente), non pensa che, se in linea di principio è giusto porre le due fonti sullo stesso piano, in realtà ad una si può accordare maggior attendibilità?
            Non ha forse un interesse a dire quello che dice il direttore (dal momento che da quell’azienda è pagato), mentre il cittadino no? Certo il cittadino può mentire…ma se fossero in 100 a dire la stessa cosa, tutti mentono?
            Forse qui presto il fianco ad una sua critica, ma lo voglio fare comunque, non le sembra (che pur vagliando l’attendibilità delle fonti)che HRW si sia meritata una certa attendibilità e credibilità, soprattutto quando fa nome e cognome di chi ha raccolto le informazioni, che circostanzia e allega al nome della vittima (per questo la rimando a quest’articolo: http://www.hrw.org/news/2012/06/15/syria-sexual-assault-detention), dunque volendo questa fonte sarebbe verificabile, oppure anche l’ONU (che con tutte le sue pecche, è unilaterale nel condannare le violazioni dei diritti umani, ricordate Abu Grhaib, condannavano l’America…)
            Io non presumo che lei presuma l’attendibilità di Waqqaf o di Invernizzi, però signor Stibei non prendiamoci per i fondelli, era lei che scriveva a Zerco dicendo di continuare a sbirciare in questo sito (“di Invernizzi”), per formarsi le proprie mappe (non precostituite), criticando in questo modo Lorenzo e Valerio, che da creduloni prendevano per buono il rapporto dell’ONU.
            Era lei che proponeva come lettura alternativa Waqqaf, ma non è lei che ha scritto qui sopra questa lunga tiritera sul vaglio e l’analisi critica delle fonti?
            Forse un dichiarato filogovernativo, che dice io presumo…, ha la stessa attendibilità del direttore di fabbrica di fronte al cittadino che lamenta la pericolosità dell’amianto.
            Non crede?
            Cordialmente, Alberto

  11. Zerco on 2012-06-14 at 13:38

    Lorenzo, mi va bene che discutendo, tu mi dica che mi “arrampico sugli specchi” (anche se ciò mi disturba perché fa venire in mente una mia vecchia insegnante di italiano, ahimé, anzi ahité, totalmente inadeguata al ruolo), ma non posso accettare l’aggressività polemica, di questo Alberto.
    Forse dovresti fargli capire che non è facendo ironie di grana grossa e accusando qualcuno di essere un ignorante settario che avvalora la giustezza delle sue tesi.
    Non va a beneficio del tuo sito avere degli zeloti, quando ho visto sempre esporre le opinioni con civiltà.

  12. alberto on 2012-06-14 at 14:52

    Penso ci penserà Dechlich a censurarmi se lo riterrà opportuno, ma il signor Zerco non risultava altrettanto piccato quando in coda all’articolo “Siria, storie di ordinaria monnezza”, il signor Stibei così diceva: “Voi di questo sito, invece, rappresentate una della sezioni più becere e pericolose della vasta cloaca dell’opposizione fittizia”!
    Mi spieghi in cosa consiste la mia aggressività polemica…dove la avverte in quello che ho scritto.
    Ironie di grana grossa?
    Dove avrei accusato qualcuno di essere un ignorante settario, citi la frase!
    Lei ha visto esporre sempre le opinioni con civiltà, allora ribatta seriamente e civilmente su quello che ho scritto.
    Forse il signor Zerco non si è accorto, che a volte i virgolettati, riprendevano fedelmente quanto detto dal signor Stibei, come quando diceva: “Lasciando per il momento perdere la questione sul come si formano qui i vostri “fatti” (in particolare sulla base di quali preliminari assunzioni vostre o di altri”.
    Forse a questo alludeva quando parlava di aggressività polemica? In questo caso l’appunto stizzito, non è a me che va rivolto…
    Mi pareva di aver ribattuto punto su punto (naturalmente secondo il mio pensiero e la mia conoscenza dei fatti), ad un’intervista di Waqqaf.
    Vorrei riportare il signor Zerco su questo tema, di cui non ha parlato, e citi pure la mia aggressività polemica, ma non vorrei scoprisse che in realtà è quella di Stibei da me citato.
    Ma se realmente pensa che io sia stato aggressivo con lei, o maleducato, le chiedo scusa (vorrei però sapere dove), sapendo che con ciò lei mi difenderà quando qualcuno dovesse dire: “Voi di questo sito, invece, rappresentate una della sezioni più becere e pericolose della vasta cloaca dell’opposizione fittizia”.

  13. alberto on 2012-06-15 at 17:36

    Anche io vorrei dare a voi qualche spunto di discussione:
    http://www.hrw.org/news/2012/06/15/syria-sexual-assault-detention

  14. valerio on 2012-06-16 at 15:39

    Signor Marian Stibei non si preoccupi, sono uno storico e l’esegesi delle fonti è il mio pane quotidiano. E se segue questo blog da tempo si sarà accorto che Lorenzo è bravissimo sopratutto a decostruire le notizie.

    Piuttosto le segnalo che la Correggia e compagnia sono (in buona o cattiva fede) agenti della propaganda di regime. Regime che attualmente sta impiegando varie tattiche propagandistiche (ovviamente tutte le fonti “secondarie”, ed in parte anche quelle “primarie”, lo sono, incluse le agenzie “neutrali”, ma in modo differente) e di psy-war.

    Quindi l’esegesi di quelle fonti deve partire proprio dalla consatazione che sono intrinsecamente viziate nell’attendibilità perchè nella migliore delle ipotesi embedded journalism di un regime totalitario impegnato in un conflitto all’ultimo sangue.

    Durante la crisi libica avevo più tempo per seguire le vicende del conflitto (e mi ero preso questo impegno), quindi ho avuto modo di seguire ad ampio spettro sia la propaganda di regime in rete (Lybian free press sporattutto), sia altre piattaforme simili (come Rosseau-Voltaire ecc.). Così come dall’altro lato Al-Jazeera, i media panarabi e i loro blog linkati.

    è sempre utile seguire la propaganda, anche perchè si può decostruire, sia per cercare di capire l’universo mentale del propaganidsta, sia perchè una buona psy-war parte dalla diffusione di “verità” che poi si modificano e stravolgono per l’interesse del commitente.

    Inoltre non va sottovalutato che i governi come la gente finiscono per credere alla propaganda ed ad agire secondo essa. La propaganda in un certo senso diventa la “verità vera” per le persone, finendo talvolta per oggettivizzarsi in parte.

    Nel caso libico però la psy-war del regime libico era di bassissimo livello qualitativo proprio perchè non forzava, manipolava o esagerava la realtà (come invece facvevano i media pan-arabi), ma la negava completamente creandone una alternativa.

    Il regime siriano invece è piuttosto abile (almeno per ora) nella sua psy-war (sia all’interno del paese che all’esterno, anche utilizzando strategie comunicative ben differenziate), ha maggiore esperienza, ha potuto beneficiare degli errori libici per ricalibrare le sue agenzie. Oltre tutto ha dalla sua la grande competenza del sistema propagandistico e di psy-war iraniano, con i suoi media internazionali ben organizzati e professionali ed un’ottima competenza nel weeb 2.0. (ed anche qualche aggancio in Russia, anche se l’appoggio russo sembra meno forte ora come ora).

    Sopratutto parte da una situazione oggettivamente meno compromessa, in cui il regime non è “moribondo”.

    Il che non vuol dire che la psy-war di regime non sia rivolta alla creazione di una realtà mediatica alternativa, mistificante, di cui la Correggia e altri si fanno portavoce (involontari?).

    Le poche volte (non sto seguendo non-stop la crisi siriana) che le leggo lo faccio solo ed esclusivamente per informarmi sulle tattiche e strategie comunicative della propaganda di regime.

    Comunque come può vedere, anche in un mio commento di risposta all’intervista di Waqqaf che lei riportava, le loro argomentazioni, se assunte come “fonte” sui fatti, sono facilmente demolibili, anche perché, appunto, sono tutte interne ad una strategia comunicativa ufficiale che ha una scarsa attinenza ai fatti.

    Mentre invece altri modelli di propaganda partono proprio dai “fatti” (accuratamente selezionati e vagliati) per costruire un interpretazione ideologicamente favorevole (è per esempio il modello preferito oggi dai media pan-arabi asserviti alle monarchie del golfo, ma ieri fu il modello preferito dalle propagande delle due super potenze della guerra fredda).

    Si può notare, a mio avviso, come la propaganda di regime siriano sia come strategia comunicativa verso l’esterno molto difensiva.
    (altro discorso è quella verso l’interno, che però ammetto di conoscere molto poco).

    Cioè da un lato si attende che “l’avversario” (in cui si inseriscono indifferentemente tutti, dal giornalista una volta tanto competente al propagandista del SNC, dal media pan-arabo al blog di un compagno libanese) diffonda una notizia (vera, falsa, vera ed ingigantita ecc. ecc.), dopo di che si parte con la sua demolizione anche a costo di rasentare il ridicolo ma riuscendo almeno a sporcare un po’ la notizia originale; dall’altro lato si lanciano, periodicamente, alcuni allarmi molto generici (e raramente “circostanziati”), ma di vasta presa sull’immaginario conservatore euro-americano, relativi al rischio islamista e la fobia securitiaria post 11-9.

    Per esempio la natura non settaria e laica del regime stesso è stata accettata in maniera incondizionata e acritica. Mentre andrebbe verificata, sia storicamente, sia in questo nuovo contesto, sia sopratutto tenendo presente che un regime totalitario non è mai realmente laico.

    Utile in questo campo è il monopolio raggiunto dal regime dei giornalisti stranieri sul campo, monopolio che in Libia non esisteva se non in maniera estremamente imperfetta.
    Se si scrive da Damasco al 90% si è embedded, ancora qualche mese fa Frisk è riuscito ad entrare in Siria riportandone alcuni reportage equilibrati, informati e, ovviamente, sgraditi dal regime.

    Da allora i giornalisti indipendenti che sono potuti entrare nel paese senza mettersi embedded con i ribelli (e quindi rinunciando, almeno parzialmente, alla loro indipendenza, o quanto meno alla libertà di movimento) sono stati pochissimi.

    Viceversa il regime ha costruito un suo circuito mediatico internazionale, sia all’interno del paese, sia all’esterno. In ultima analisi questi giornalisti sono dipendenti, diretti o indiretti, del regime stesso, oppure persone che vengono accuratamente guidate verso un certo tipo di ragionamento e di percorso; quando sgarrano, si veda il caso Piccinin, sono dolori.

    Inoltre il modello di propaganda del regime utilizza frequentemente ragionamenti circolari dall’apparente logicità ferrea, con una discreta capacità retorica, oppure richiami fascinosi alla geopolitica e al complottismo. Poichè viviamo in un’epoca in cui internet è dominato dalla teoria del complotto, mentre il ragionamento circolare sembra essersi imposto come forma nomale di comunicazione, questo tipo di propaganda è molto affine allo spirito dei tempi.

    Questo, ovviamente, non vuol dire che le altre fonti, quelle che arrivano al di fuori del regime, siano estranee da condizionamenti propagandistici.
    Esse sono di origine molto differente, alcune di esse risultano più attendibili di altre, ed è spesso possibile sottoporle ad un minimo di verifica. Anche il modello propaganidstico utilizzato dalle opposizioni è differente da quello del regime, meno difensivo e più informativo.

    Infine non credo che in rapporti ONU siano “divini”, ma sono estremamente interessanti.
    Conosco abbastanza bene il modo di pensare e di lavorare dei caschi blu, alcune dele conclusioni da loro raggiunte sul modello repressivo siriano e sui alcuni fatti di sangue sembrerebbero molto circostanizate e attendibili. Io sono prontissimo ad accettare smentite e a cospargermi il capo di cenere, ma diverse cose riportate da queste fonti sono, a mio avviso e dopo averle analizzate doverosamente, fattuali e, allo stato attuale, innegabili.
    Per esempio la responsabilità del regime nella strage di Hula.

    Il rapporto ONU sulle violazioni dei diritti dei bambini in Siria è invece meno attentamente verificato con un rapporto diretto con le fonti, ma non per questo inattendibile. Anche perchè è vero (e qui ha ragione Zerco) che la verifica delle fonti fatte dall’ONU in questo contesto è stata piuttosto scarsa (ma parrebbe non nulla).
    Però fonti molo attendibili sulle violazioni dei diritti dei bambini in Siria si ammucchiano (incluso Frisk) dall’inizio della rivolta, ed anzi persino da prima.

    Comunque un documento come questo, pur con i suoi limiti, di tanto in tanto cita una località precisa, una data (anche approssimativa) ed un fatto, permettendo agli storici di domani di sottoporlo ad una verifica che gli eventi di qesti giorni (con il ritiro dell’ONU e l’escalation) rendono impossibili.

    Quindi c’è un record di 16-17 mesi di denuncie, testimonianze, referti medici, video, fotografie, interviste, analisi ecc. ecc., alcuni dei quali estremamente circostanziati, che l’ONU ha avvallato dopo un livello di verifica ulteriore su cui possiamo discutere (e potrebbe essere effettivamente troppo superficiale); cui l’ONU aggiunge alcune denuncie, molto recenti, sulle violazioni perpretate dai ribelli armati.

    Aggiungo che in Libia l’ONU, di tanto in tanto, ha smentito la propaganda ribelle, ridimensionando per esempio le dimensioni degli stupri commessi dalle forze governative. Ed il metodo di lavoro di quella commissione è stato molto simile a quello di questa, ovvero meno professionale di quanto piacerebbe a Zerco, ma non privo di capacità e discernimento, forse mediocre ma non completamente incompetente, più da anlista che da sociologo-antropologo-psicologo, ma non da analista con i paraocchi.

  15. Zerco on 2012-06-17 at 10:24

    Valerio: 2 osservazioni
    1) quando scrivi di strategia e operazioni militari hai indubbio talento e scrivi in modo chiaro e lineare, facendo capire in modo limpido ciò che ricostruisci; quando tratti di comunicazione, politica e propaganda sei involuto, ellittico e poco preciso. Si vede che non è la tua materia di elezione.
    2) non puoi mettere sullo stesso piano Voltairenet e il New York Times, l’Irna e l’AP

  16. Marian Stibei on 2012-06-18 at 05:53

    Sarebbe molto faticoso e quasi impossibile, visto il poco tempo che posso dedicare, trattare con dovizia di rilievi tutti i punti sollevati da Alberto, Zerco e Valerio.
    Intanto una precisazione al fine di evitare equivoci (per Alberto): in uno dei testi precedenti avevo invitato Zerco a continuare a sbirciare non il sito di Invernizzi ma proprio questo sito, Tutto in 30 secondi.
    Forse sarà stato espresso non chiaramente o lei ha inteso altrimenti, ma è questo che intendevo quando ho scritto.
    E ancora: non ho proposto Invernizzi e Waqqaf perché li ritengo “alternativi” a qualcosa o a qualcuno. Sono in linea di principio e fino a prova contraria “fonti” come le altre (da trattare come le altre). Quello che è chiaro è che non sono fonti come è fonte la maggioranza del civilissimo popolo siriano che vorrebbe un altro modo di vita senza interventi esterni e senza il governo mortifero di una qualche élite (di qualunque foggia ed ideologia dominante, filo X filo Y non importa). So che è difficile ammettere questo punto: perché spesso siamo presi dentro anche noi dalla macchina infernale della geopolitica…
    Altra piccola cosa: la questione Correggia e la platea dei filogovernativi che tanto viene attaccata da questo Germano Monti. In un mio testo precedente, forse proprio commentando un articolo di Monti riprodotto su questo sito qui, avevo cercato di esporre un minimo la mia posizione e il mio giudizio non su queste persone ma su queste ed altre tendenze. Magari è sfuggito, provate a guardarlo, forse toglierà altri possibili equivoci.
    Ultimo aspetto: la mia presunta difesa della Correggia-persona. Riconosco, in effetti, a Marinella (conosciuta durante qualche sua conferenza e a presentazioni di libri), da un certo momento in poi, l’intendimento e lo spirito volontaristico di arrivare a capire meglio come stanno le cose: riconosco questo impulso. Poi, come scrivevo in uno dei miei primi testi qui, occorre vedere come si muove. E allora saltano fuori i problemi e le questioni, perché lei ha i mezzi (scarsissimi) che avete e abbiamo anche tutti noi e, per giunta, si porta dietro una foresta di incrostazioni della sua formazione paci-qualcosa, eco-qualcosa, poli-qualcosa ecc. che molto difficilmente, purtroppo, la possono far fuoriuscire dal gran calderone che ho chiamato “opposizione fittizia”. Cioè Correggia, malgrado il suo sincero intendimento, vi rimane impastoiata (come tanti altri, del resto: il calderone è ben vasto, a strati, e ribolle… anche perché, non obliamolo, vi fanno giungere fondi non indifferenti dalle foundations tramite le agenzie ongate e simili…).
    Questo penso di Correggia, per l’essenziale.
    Più o meno lo stesso discorso vale per quelli di fu destra e fu fascismo contro cui si agita Monti. Ma lo stesso va anche detto per lo stesso Monti, per volpi come Ricucci o per personaggi come Giulietto Chiesa, se volete: tutti, ma proprio tutti, sebbene in superficie si agitino ancora gli uni contro gli altri, fanno parte, sono residuati, di una medesina débacle culturale, storica, intellettuale, morale ecc.. (rimando al testo ricordato sopra).
    Se si è un minimo consapevoli di questo ci si può smarcare e pensare anche altro in altro modo e con altra logica. Altrimenti si finisce come tutti questi, cioè proprio male, prendendo per di più parte ad una disputa apparente e coatta, tutta impregnata di subalternità alle categorie del Potere intanto per tutto ringrazia e se la ride.
    Quelli come me non stanno dentro questa disputa e la nominano per quello che è.
    Voi, se ne siete consapevoli, come vi collocate?
    Saluti ancora irragionevolmente concreti.
    Marian Stibei

  17. Marian Stibei on 2012-06-18 at 06:00

    Per completezza, riproduco qui sotto il testo di commento a Monti cui ho fatto riferimento.
    Soliti e concretissimi,
    Marian

    Marian Stibei
    Postato giugno 14, 2012 a 5:52 PM

    Marcianti di fu destra e fu sinistra,
    apparenti critici (questo Germano Monti e simili) di improbabile, insidiosissima foggia “antifascista” e “internazionalista”… (sic).
    Figli smarriti (tutti, malgrado le pretese “differenze radicali” fra i loro approcci) di una medesima débacle mentale, sociale, morale, culturale e storica… Tutti a loro modo “orfani” di qualcosa (che non c’è mai stato, beninteso) e, purtuttavia, ripetenti l’identico mantra del passato che non passa e che non deve passare per torturare ancora i vivi, come altrettanti sottosistemi autoreferenti alla deriva senza se e senza ma, e senza alcun altro approdo sicuro che non sia un gigantesco, onnipervasivo porto delle nebbie…
    Tutti, nel profondo, depressi dalla sostanziale accettazione mentalmente ed esistenzialmente subalterma (al di là del residuo folclore tardo-antagonista e sempre politicista) dei dogmi di questo modo di vivere, della sua scienza, dei suoi giochi geopolitici sempre sopravvalutati del resto, e del suo indotto nullismo variopinto di ribellismo orami al più patetico e schifosamente taroccato…
    Tutti, ma proprio tutti, uniti senza cesure nella desertificazione prodotta dalle narrazioni del secolo scorso, a loro volta ben affondate come palafitte nel fango già stabilito a fine Ottocento dall’orizzonte burocratico della socialdemocrazia e della gestione (“democratica” o “totalitaria” poca differenza fa) della “psicologia della folla”.
    Cosa possiamo ormai aspettarci da tutto questo crogiolo di nefandezze, in circostanze come quelle della “crisi siriana” e delle “primavere arabe” rifatte by design?
    Niente proprio, se non confusione paralizzante e ulteriore eccesso di autocommiserazione, scoglionamento e, alla fine, ennesima ripetizione dell’identico teatrino della subalternità mentale che acqua porta sempre ai dominanti che se la ridono beatamente…
    Per questa ragione: si potrà mai mettere in discussione il Sistema e il suo modo di vivere se si è e si vive come il Sistema, se, cioè, si ragiona con le sue categorie (scientifiche, economiche e “culturali”), se si pensa come esso ci ha indotto a fare, se si assorbono le paure, i pregiudizi e le tossine ideali che esso preforma e inocula quarantotto ore al giorno attraverso i suoi grandi media?
    Questa è tutta una inutile polemica: i residuati della desertificazione prodotta in 150 anni che se la cantano fra loro come pulcini nel recinto che sgambettando si inzaccherano fino nelle ali di fetidi liquami che a loro invece sembrano nettare di vita e conoscenza…
    Disarmante, ma occorre dire che così e non diversamente essi tutti fanno teatrino…
    Non è più necessario berselo, però, una volta divenuti consapevoli della sua natura…
    A qualcuno di voi, vedendo negli anni il ripetersi identico di queste “polemiche” è mai venuto in mente qualcosa di siile a quello che ho tentato di descrivere qui?
    Saluti sempre meglio concreti.
    Marian Stibei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

giugno: 2012
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Archivi

 
'