Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Faisal usa il Pakistan. E gli Usa?

2010-05-08
By

Chi è l’attentatore di Times Square, da dove viene?

Una descrizione di Faisal Shahzad e del suo background è facilmente rintracciabile e ciò che di più importante c’è da dire è che i suoi legami coi Talebani del Pakistan sono ora messi in discussione: l’uomo, oltre ad avere un profilo simile agli “educated middle-class” di Londra 2005, sembra più essere legato a sigle terroristiche pakistane, e in particolare al Jaish-e-Mohammed.

Nel mare dei repetita i due pezzi che vale la pena di leggere sono – a mio modo di vedere – Terrorism’s supermarket di Fareed Zakaria e Times Square Bomber Linked With CIA-Controlled Terror Group di Paul Joseph Watson.

I due articoli vanno letti insieme e a ognuno vanno fatte alcune correzioni di prospettiva.

Al primo, che individua Pakistan e Arabia Saudita come le fucine del terrorismo internazionale di matrice islamica, bisogna aggiungere il secondo, che – spurgato delle esagerazioni complottarde – ci racconta proprio ciò che il primo si rifiuta di raccontare: l’incontestabile legame, anche a livello di servizi segreti, fra Stati Uniti, Pakistan e Arabia Saudita.

Guerra in casa. Autocostruita nella misura in cui Arabia Saudita e Pakistan sono partners americani nello scacchiere geopolitico asiatico.

Insomma: non sostengo la visione “apocalittica” di Watson perché il suo mi sembra più un esercizio di linkage che non una vera analisi dei fatti, ma neanche mi accontento di uno Zakaria-gnorri che, glissando sulle responsabilità americane in ciò che contro l’America oggi subisce, finisce per non affrontare il centro del problema.

Il quale, detto a chiare lettere, è: fino a quando gli Stati Uniti, con le loro politiche sbagliate (in buona o cattiva fede) continueranno a fabbricare terroristi islamici?

Tags: , , , ,

0 Responses to Faisal usa il Pakistan. E gli Usa?

  1. […] quello di Lorenzo Declich, islamista, che sul suo blog ci segnala due articoli, ricordandoci anche come il legame tra Usa, Pakistan e Arabia Saudita abbia alla radice gli errori […]

  2. […] del torbido, insomma, e rimango dell’idea che gli Stati Uniti, quando si occupano di terrorismo islamico, debbano ragionare su se stessi e su […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'