Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Iraq vs Se-stesso 0-2

2010-05-15
By

Fino ad oggi non mi sono mai occupato delle elezioni in Iraq del 7 marzo scorso.

Non avevo rimosso la questione ma, memore delle lungaggini che seguirono alle elezioni precedenti, mi ero ripromesso di scrivere qualcosa solo quando avessi trovato uno scoglio a cui aggrapparmi per fare una valutazione il più possibile definitiva.

Infatti già dall’inizio, e cioè nei mesi precedenti alle elezioni (in cui si doveva decidere la data delle elezioni e in cui si è assistito a un vero e proprio balletto di esclusioni e inclusioni di candidati), tutto faceva pensare, vista anche la composizione del corpo elettorale e il taglio identitario dei partiti, che:

  1. non avrebbe vinto nessuno
  2. nello stallo il terrorismo avrebbe sguazzato
  3. vi sarebbero state discussioni infinite sulla composizione del governo

Oggi, a più di due mesi dalla chiusura delle urne, penso di poter dire che siamo arrivati a confermare ciò che temevo.

E questo in base a due notizie che leggo oggi su Osservatorio Iraq (vedi qui una serie di articoli dell’Osservatorio dedicati alle elezioni iraqene):

  1. è finito il riconteggio delle schede a Baghdad e il risultato è confermato;
  2. la coalizione di al-Maliki avrebbe messo a punto una ipotesi iniziale per la spartizione dei posti. Secondo quanto riferisce al-Hayat i posti: “verrebbero distribuiti mediante un sistema a punti, basato sul numero dei seggi dei vari blocchi politici”.

Si conferma, insomma, che non ha vinto nessuno, e che l’Iraq non sarà governato ma saccheggiato.

Ma c’è chi dice che il vero vincitore sarebbe l’Iran, e ciò merita un supplemento di indagine.

I sostenitori di questa tesi non guardano alla realtà sociopolitica e demografica, e cioè che in Iraq c’è una maggioranza sciita (non necessariamente legata all’Iran, anzi) e che se alle elezioni si schierano partiti identitari (base religiosa e/o nazionalista, sebbene mascherate in taluni casi), nella fotografia dell’Iraq ci sarà sempre:

  1. una maggioranza sciita
  2. un paese diviso in 3 (in cui i kurdi finiscono per non contare niente).

Si può fare la guerra all’Iraq e in Iraq per decenni (e lo si è fatto) ma non si può cambiare questo dato (se si vuole un Iraq unito).

Se i risultati delle elezioni e ciò che ne consegue sono perfettamente in linea con ciò che abbiamo sul terreno dovremmo finalmente iniziare a ragionare cosa sul terreno succede.

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'