Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Vignettismo militante

2010-05-29
By

Ho scritto “Muhammad” nella ricerca per immagini di taqwa.me e questi sono i risultati.

Ravanandovi dentro ho trovato questo archivio delle immagini di Maometto che mi sembra degno di nota.

Ecco l’indice:

  • Islamic Depictions of Mohammed in Full
  • Islamic Depictions of Mohammed with Face Hidden
  • European Medieval and Renaissance Images
  • Miscellaneous Mohammed Images
  • Dante’s Inferno
  • Book Illustrations
  • Book Covers
  • Satirical Modern Cartoons
  • The Jyllands-Posten Cartoons
  • Recent Responses to the Controversy
  • Extreme Mohammed

Notate, perfavore:

  1. il fatto che 4 categorie di immagini sono riferite agli ultimi 10 anni di storia mentre 7 sono riferite a 1400 anni di storia;
  2. che fra le categorie di immagini “islamiche” e quelle “non islamiche” c’è un rapporto di 1 a 5;
  3. che fra le categorie di immagini “islamiche” ce n’è una in cui NON si ritrae il viso di Maometto e che dunque il rapporto fra categorie di “ritratti” islamici e non islamici è di 1 a 10.

Bene, se proprio devo tirare qualche somma dirò una cosa semplicissima: nell’islam, a livello di grandi numeri, non usa granché ritrarre Maometto perché, evidentemente, la si trova una cosa non piacevole.

In occidente – per motivi culturali – lo si è ritratto molto di più.

Ma non in forme deliberatamente offensive e denigratorie come è successo negli ultimi anni.

Talvolta tali forme sono state messe in atto solo per fare un test su quanto i musulmani si incazzano se, ad esempio, metti la testa di Maometto sul collo di un cane o sul culo di un cammello.

E non mi sembra che questo abbia molto a che fare con la libertà di espressione, se non in quanto demenziale esercizio di stile: è una cosa che non si nega a nessuno, d’accordo, ma che trovo stupida.

Se io, ad esempio, fossi uso mangiare merda, e qualcuno mi chiedesse “perché lo fai?” io, seguendo lo stesso mood, dovrei rispondere “perché ne ho il diritto”.

Il ché non mi renderebbe certo un illuminato agli occhi dei miei detrattori.

Tags: , , ,

0 Responses to Vignettismo militante

  1. Elisa Pierandrei on 2010-05-29 at 10:20

    Mi piace molto il suo bog. L’ho appena scoperto. Io sono un’arabista, e condivido molti dei punti toccati nei suoi post. Vorrei aggiungerla nella bloglist del mio BLOG. Ci sta?
    Grazie – Elisa

  2. Lorenzo Declich on 2010-05-29 at 10:33

    Con piacere… da una prima occhiata anche il tuo blog mi sembra interessante.

  3. Lorenzo Declich on 2010-05-29 at 10:35

    ah…diamoci del tu, perfavore…. il mondo è già così pieno di formalismi…

  4. Elisa Pierandrei on 2010-05-29 at 10:36

    Fatto! Grazie. Allora alla prossima.

  5. mizam on 2010-05-30 at 13:45

    (…) “Che ne dici o Giallabone, finirem nelle vignette?”
    “Temo proprio, o Burqinella, che qualcun le abbia già fatte” (…)

  6. Andrea on 2010-05-30 at 16:36

    Luca Sofri su Wittgenstein scrive in sintesi ciò: “Come la metteremmo se qualcuno facesse una vignetta che denigra Falcone?”. Ecco, credo che anche questo spunto sia molto efficace.
    http://www.wittgenstein.it/2010/05/24/mettersi-nei-panni-ma-nei-panni-veri/

  7. […] solo che queste si collocano in ambito profano (pur ritrovandosi nella storia un buon numero di raffigurazioni di Maometto, ad […]

  8. […] fare un esempio da 2 lire: l’arte islamica ha prodotto un’iconografia su Maometto, il profeta dell’islam, laddove la maggior parte delle scuole giuridiche è sostanzialmente […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maggio: 2010
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivi

 
'