Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Il problema dei musulmani moderati

2010-06-15
By

La notizia che riporto qui sotto sul processo per l’omicidio di Sanaa Dafani ci fornisce la misura della contraddizione in cui vivono coloro la cui visibilità politica e culturale dipende dal fatto di essere o definirsi “musulmani moderati”.

Pordenone, 14 giu. – (Adnkronos/Aki) – “Speriamo che il giudice infligga l’ergastolo come chiesto oggi dal pubblico ministero, perche’ la cultura dell’omicidio infanga l’Islam e getta ombre buie sui musulmani moderati, lontani da ogni forma di violenza e di sopruso, specie ai danni delle donne”. E’ quanto chiede Gamal Bouchaib, presidente dei Musulmani moderati e membro del Comitato per l’Islam del Viminale, nel giorno dell’udienza contro El Katawi Dafani, padre della giovane ragazza uccisa lo scorso anno a Pordenone perche’ aveva una relazione con un uomo italiano. (fonte)

Come vedete c’è un problema. Perché la Legge è la Legge, la Legge è uguale per tutti. Quest’uomo, che poi – giustamente – è stato condannato all’ergastolo, non doveva essere condannato per il fatto  di “infangare l’islam” o per il fatto di “gettare ombre buie sui musulmani moderati”, bensì perché ha commesso un brutale omicidio.

Il concetto di “condanna esemplare” è profondamente antidemocratico.

Non bisogna “dimostrare” proprio niente a nessuno, bisogna che la legge faccia il suo corso.

Poi, o anche durante e prima, possiamo e anche dobbiamo ragionare sul dato culturale, religioso etc. ma questo è tutto un altro discorso.

Tags: , ,

One Response to Il problema dei musulmani moderati

  1. […] fa in seguito alla sentenza che ha giustamente punito il padre di Sanaa Dafani con l’ergastolo per aver ucciso (con […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivi

 
'