Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

La febbre dell'oro

2010-06-15
By

Ho davvero l’impressione che l’Afghanistan non vedrà la pace non solo in questo decennio appena iniziato, ma forse nemmeno in quello successivo.

La notizia è del NYT: nel sottosuolo di quell’altopiano vi sarebbero giacimenti e riserve minerarie di estremo valore (trilioni di dollari, come dire fantastigliardi di cucurbilioni!): ferro, rame, oro, ma anche metalli “rari” cobalto e lithio.

Che non so cos’è, a parte il titolo di un album dei Nirvana, ma so che si ci fanno le batterie, per computers e cellulari. Il che non è poco.

Questo vuol dire che se prima quel cumulo di rocce ed etnie che è l’altopiano afghano poteva avere un valore esclusivamente strategico (o narcotico), ora avrà anche una rilevanza economica sufficiente ad alimentare le brame di tutti quelli che da secoli tentano di metterci le mani sopra. Altro che oppio.

Sempre che non si tratti di una geniale balla per giustificare un altro decennio di presenza “alleata”, altrimenti incomprensibile a certe opinioni pubbliche.

D

————–

Un’integrazione. In questo video Stephanie Sanok del  Center for Strategic and International Studies spiega che la ricchezza mineraria dell’Afghanistan era già conosciuta al tempo dell’occupazione sovietica ma che il problema fu, e continuerà ad essere, la mancanza di infrastrutture per renderla davvero una fonte economica. L’altro rischio è, ovviamente, che i siti minerari diventino un obiettivo strategico per tutti gli attori in campo.

L.

Tags: , , ,

5 Responses to La febbre dell'oro

  1. Paolo Lapponi on 2010-06-15 at 09:25

    Non è una balla Lorenz, è una notizia “teleguidata”, nel senso che adesso che non sanno più che fare per giustificare la folle guerra e le folli spese militari, ecco un buon argomento. Il Litio è un metallo alcaloide ed anche un potente medicinale antipsicotico.

    • Lorenzo Declich on 2010-06-15 at 09:44

      O per chiamare “gli imprenditori” a metterci un po’ di soldi…

  2. Stefano on 2010-06-15 at 22:26

    Ma guarda che anche il Lapponi senior passa di qua… Paolo, ciao se ricapiti. Lorenzo, dici bene che col litio ci si fanno le batterie, ma non solo quelle dei cellulari e dei computer: praticamente, l’intera industria delle auto ibride utilizza batterie al litio come se piovesse. La tempesta perfetta: vale un sacco di soldi, la domanda sta crescendo vertiginosamente, serve anche a rifarsi una verginità ecologista

  3. […] “rivelazione” del NYT è insomma un vero hot waters discovery e delle motivazioni politiche che essa può avere potremmo […]

  4. […] la mia impressione si rafforza se rileggo questo post su Marjah e l’oppio afghano, e qui e qui sulle miniere […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivi

 
'