Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Quando arrivano i pirati

2010-09-23
By

In Somalia l’avanzata della Shebaab, il gruppo di combattenti affiliato ad al-Qaida che conta fra le sue fila un gran numero di jihadisti non somali (fra cui diversi europei e americani) non conosce tregua (per le ultime notizie guardate nella colonna di destra la rubrica “Osservatorio Somalia“).

La notizia di questi giorni (un po’ vecchia, a dir la verità: la notizia è datata 1 settembre) è che i pirati somali potrebbero divenire in breve una variabile determinante nelle dinamiche degli scontri militari.

Secondo Jeffrey Gettleman del NYT i pirati somali, esecrati e condannati da tutto il mondo civile, sono in continua crescita dal punto di vista militare ed economico e, comportandosi da pirati, cioè da persone cui interessa solo il bottino, stringono relazioni a livello locale sia con la Shebaab che con funzionari del governo.

Da che mondo è mondo i pirati agiscono in regime di anarchia.

Questo dato, associato alla notizia delle dimissioni del Primo ministro,  ci racconta che in Somalia non esiste più alcun referente istituzionale.

La Somalia non esiste, è un buco nel mappamondo.

Tags: , , , , , ,

2 Responses to Quando arrivano i pirati

  1. darmius on 2010-09-23 at 08:34

    i pirati agiscono in anarchia, ma i corsari agiscono (anche) per conto dei governi. Può essere solo una questione terminologica?
    D

  2. […] Somalia ho scritto qui: se sappiamo che sia governativi che Shebab si accordano con i pirati per controllare alcune zone […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

settembre: 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Archivi

 
'