Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

La strana storia di Abdelhakim Belhaj, del suo passaporto falso e del suo viaggio in Turchia

2011-12-06
By

Andiamo per ordine, ricordando ai lettori chi è Abdelhakim Belhaj, cioè l’attuale capo del Consiglio militare di Tripoli.

Trattasi del ex-capo del Gruppo Islamico Combattente per la Libia, الجماعة الإسلامية المقاتلة بليبيا‎, ovvero Libyan Islamic Fighting Group, ovvero LIFG, un gruppo da lui fondato ufficialmente nel 1995 insieme ad altri jihadisti come lui che andarono a combattere contro i russi e poi gli americani in Afghanistan. Un gruppo che, ricordiamolo, ha sempre avuto come obbiettivo la defenestrazione di Moammar Gheddafi e che per questo dal Qa’id fu perseguito con determinazione.

Affiliato, appunto, di al-Qaida in Afghanistan e Iraq e a “lungo ricercato dalla Cia, viene rintracciato e catturato dagli americani nel 2003 in Malesia. Trasferito in un carcere segreto di Bangkok viene interrogato e, probabilmente, torturato fino a quando nel 2004 viene consegnato ai servizi segreti libici” (fonte). Uscirà poi dalle prigioni libiche nel marzo 2010 grazie a Sayf al-Islam Gheddafi e al suo programma di riconciliazione nazionale per ricomparire fra le fila degli insorti, e in particolar modo nel Jebel Nafusa.

L’uomo, secondo intelligenceonline.com, non ha soltanto combattuto nel Jebel Nafusa dalla parte degli insorti, ma anche a stretto contatto con ben 4 agenzie di intelligence: CIA (americana), SAS (francese), MI6 (inglese), DGSE (francese).

In seguito si è scoperto che la sua katiba era finanziata dal Qatar (Maghreb Confidentiel, 22 settembre 2011.) e che Abdelhakim altri non è che un uomo del Qatar, un paese la cui strategia in Libia passa per il foraggiamento, in diverse forme, delle diverse compagini dell’islam politico (vedi anche qui).

Tempo fa scrivevo che, in questo contesto, Belhaj era “interessante” per un motivo preciso: quest’uomo per ben 2 volte – in Afghanistan e Libia – aveva lavorato a fianco di una struttura di intelligence straniera pur dichiarandosi assolutamente “patriottico” ed avendo effettivamente il gruppo di cui fu capo, il LIFG, un obbiettivo tutto “libico”. E pur non essendo mai stato a Guantanamo, notizia fatta circolare dalla propaganda gheddafiana e che ora che gira sul web come fosse una verità assoluta.

Bene, iniziamo a raccontare la storia. Il 25 novembre scorso una pubblicazione algerina, Algeria ISP, riporta che Abdelhakim Belhaj è stato fermato all’aeroporto di Tripoli con un passaporto falso e posto in stato di fermo. Algeria ISP riporta anche che l’uomo aveva con sé una borsa piena di soldi e si stava dirigendo in Turchia. A fermarlo sarebbero stati i combattenti di Zintan, saltati sulle prime pagine dei giornali per aver catturato Sayf al-Islam Gheddafi (rifiutando poi per diversi giorni di consegnarlo alle autorità centrali): loro, e probabilmente il loro principale referente, cioé il nuovo Ministro della Difesa Osama al-Juwali, anch’egli di Zintan, vedono Belhaj come un agente del Qatar in Libia o comunque come un personaggio da cui guardarsi bene. Il “prigioniero illustre”, Saif al-Islam Gheddafi, che Belhaj lo conosce benissimo per aver trattato direttamente con lui, in quanto capo del LIFG, ai tempi del “programa di riconciliazione”, dichiarava al Telegraph lo scorso 22 novembre che Belhaj era un personaggio bifronte da cui tenersi lontani, una riflessione in fin dei conti autoaccusatoria, essendo stato lui — come ho appena precisato — a farlo liberare nel 2010.

L’opposizione all’influsso qatarita in Libia si è fatta sentire recentemente con la voce dell’ex-Ministro degli esteri libico e ora ambasciatore presso le Nazioni Unite, Abdurrahman Shalgham, mentre già lo scorso 17 ottobre un comandante militare di Zintan, Muktar al-Akhdar, dichiarava al Wall Street Journal: “I nostri fratelli del Qatar ci hanno aiutato a liberare la Libia, ma ora stanno interferendo nei nostri affari interni”. Lo stesso al-Akhdar che ora si trova a Tripoli al comando dei suoi thuwar (circa 1.200) che hanno fermato Belhaj all’aeroporto. Fornendo anche le immagini del suo passaporto falso:

E siamo al primo punto nodale di questa storia, sempre che diamo per certo che questo falso passaporto sia vero. La domanda è: perché Belhaj stava uscendo dalla Libia diretto in Turchia in incognito (e per di più con una valigia di soldi al seguito)?

Algeria ISP formula queste domande, abbastanza fantasiose:

  1. Belhaj era minacciato di morte?
  2. Belhaj voleva andare in Turchia in incognito per conto del Consiglio Nazionale di Transizione per ingraziarsi turchi e sauditi in opposizione alla “nuova opposizione” al CNT di Shalgam (e Jibril)?
  3. Belhaj voleva cambiar vita dopo aver perso il posto di Ministro della difesa?
  4. Belhaj aveva un passaporto falso perché gli hanno confiscato quello vero per evitare che lasciasse la Libia?
  5. Belhaj ha terminato la sua missione di distruggere la Libia e di offrirla all’Occidente, è stato pagato e quindi torna da dove è venuto?

Alcuni nodi vengono al pettine consultando altre fonti.  Il 26 novembre la stessa Algeria ISP affermava, sempre mantenendosi su un livello narrativo di tutto rispetto, che Belhaj fosse in Turchia, alla frontiera con la Siria, alla testa di 600 uomini, pronto a entrare in quel paese per combattere contro al-Asad e con l’aiuto militare diretto della Turchia.

Il giorno seguente il Telegraph offriva la versione seguente: Belhaj si è incontrato, prima a Istanbul e poi al confine con la Siria, con i leader del Free Siryan Army, l’esercito dei militari siriani ribelli rifugiatosi in Turchia. E’ stato il Presidente ad interim libico, Mustafa Abdul Jalil, a mandarlo lì. Doveva essere un’operazione segreta ma la cosa è stata smascherata all’aeroporto dalle milizie di Zintan e solo una lettera del suddetto Presidente ad interim ha sbloccato la situazione permettendo a Belhaj di partire.

Il tutto sarebbe inscritto in un contesto di sempre più stretti rapporti fra il governo libico e gli ufficiali ribelli siriani, ai quali i primi starebbero offrendo armi, denaro e logistica: in Libia sarebbero in molti a voler partire per combattere in Siria, ma gli ufficiali ribelli siriani negano la presenza di libici alla frontiera siro-turca. Laddove altre fonti parlano di quattro libici in procinto di entrare in Siria sarebbero stati fermati proprio alla frontiera. Di qui anche i “rumors”, riportati su Globalist, di “squadre della morte” anti-Asad che circolano in Siria.

Finito il racconto di fatti e supposizioni le domande aumentano e le risposte scemano. A voi l’arduo esercizio. Per quanto mi riguarda di risposte per ora non ne ho, sebbene mi ci lambicchi. Ad esempio: possiamo definire Belhaj un vero e proprio mercenario del jihad? La sua biografia di “arabo-afghano” in contatto, certo non sempre amichevole. con servizi segreti di mezzo mondo le cui milizie sono foraggiate dal Qatar non sarebbe in contraddizione con questa ipotesi. E’ possibile che un uomo che ha sempre combattuto un generico jihad si faccia pagare per questo e la valigia di denaro lo confermerebbe. Ma che interesse avrebbe il Governo ad interim di mandare “in missione” Belhaj in Siria? Sinceramente poco, a meno che più che una missione non si tratti di un accordo fra le due parti in base al quale Belhaj se ne sarebbe andato, con una valigia di soldi, per “togliere definitivamente il disturbo”, vista la mutata situazione in Libia. O comunque un modo per “decomprimere” la situazione in Libia, anche alla luce di ciò che potrebbe dire, al processo, Sayf al-Islam Gheddafi (vedi anche qui e qui).

E infine credibile l’ipotesi che la Turchia armi queste persone? Su questo davvero non saprei cosa rispondere, ma a naso risponderei di no. Così come non saprei rispondere in merito al più generale argomento delle infiltrazioni in Siria di milizie prezzolate in funzione anti-Asad. Di queste milizie si parla fin dall’inizio della rivolta siriana. Ne parla soprattutto la propaganda di al-Asad. Se confermata, la notizia avvalorerebbe la tesi delle due opposte forze controrivoluzionarie che si confrontano in Siria, quella interna di al-Asad e quella esterna dei paesi del Golfo. Per quanto mi riguarda posso dire con certezza che si confrontano, in questo quadro, due opposte propagande.

 

Tags: , , , , , , , , , , ,

18 Responses to La strana storia di Abdelhakim Belhaj, del suo passaporto falso e del suo viaggio in Turchia

  1. valerio on 2011-12-06 at 15:30

    Su Belhaj/Qatar un aggiunta.

    Belhaj e gli altri del fronte comparvero subito dopo l’inizio della rivolta, in ordine sparso (e credo anche disomogeneo e pieno di rivialità interne) nella Cireanica orientale (Derna sopratutto).

    Questa primavera il fronte in Cireanica si era stabilizzato, attorno a Brega (dove ai primi di giugno comincià la 4° battaglia di Brega).
    Il fronte non solo era statico ed indurito, con combattimenti stile “prima guerra mondiale” e fortificazioni campali, ma era anche (dal lato degli allora ribelli) scosso da divisioni e rivalità nella linea di comando, tra “regolari” del CNT e “irregolari” islamici e non, e tra islamici di diversa altra natura.

    Belhaj e i suoi erano marginalizzati dai vecchi ufficiali ex regolari e dai gruppi “americani” di Haktar.

    è in questo periodo che nascono la brigata Tripoli e una dozzina di altre formazioni, reclutate sia tra i profughi della tripolitania, sia nelle comunità della diaspora. E pesantemente appoggiate dal Qatar.

    Belhaj e i suoi vengono allora caricati (in una data imprecisata, ma probabilmente in maggio) su una sertie di AC 130 Qarioti che, in barba alla no-fly zone, li trasportano sui Nafusa con un ponte aereo.
    (in realtà, ad essere fiscali, missioni di questo tipo sono legittime in condizioni di no-fly come quelle vigenti in Libia, però sarei proprio curioso di sapere cosa sarebbe successo ad un aereo lealista che avesse trasportato dei soldati tra due areoporti governativi).

    Qui i ribelli, fino ad allora in netta maggioranza berberi e egemonizzati da quelli di Zlintan, li accolgono a braccia aperte, anche perché sono a corto sia di armi che di uomini addestrati.

    Però nelle settimane e nei mesi successivi devono esserci stati dei problemi, anche perchè tra i berberi e queste brigate “islamistiche” c’è scarsa collaborazione.
    Per esempio la Tripoli kadiba ottiene le sue armi dal Qatar, mentre i berberi ottengono con il contagocce armi (in prevalenza polacche a quanto pare) da aviolanci francesi. Pare che tra i due corpi non si condividessero nemmeno le risorse mediche.

    Continuano a fare la guerra parallelamente a Gheddafi, ma oggi si accusano vicendevolmente delle atrocità (non numerose, ma ovviamente “atroci”) occorse su quel fronte, e dei casi di saccheggio (anche di un ospedale).

    Durante l’offensiva finale pare che non si siano dati reciproco appoggio in alcune situazioni, o meglio si accusano di questo.

    Dipende anche da queste divisioni, che solo in minima parte e solo “per sentito dire” o per calunnia si stanno diffondendo oggi, se l’offensiva finale è stata così caotica e difficile da capire per me.

    Ovvero in questa guerra i ribelli non avevano una gabina di regia, ma almeno una mezza dozzina di comandi rivali, ognuno con la sua strategia, “marciare divisi per colpire uniti”.

    Come conclusione aggiungerei che il gruppo di Belhaj era fondamentale in guerra, perché relativamente ben armato, e formato da uomini determinati, in qualche caso anche addestrati (anche se non sempre per il tipo di operazioni richieste), mentre i gruppi di Ziltan e dintorni (tra cui i mitici studenti di Gharyan, comandati dai loro professori) erano, sopratutto all’inizio, meno forti e molto mal armati.

    Però adesso credo si inizi a vedere come questi gruppi “berberi” e non solo, abbiano un retroterra sociale e un radicamento territoriale, così come anche diversi gruppi islamici di varia natura, mentre Belhaj è un condottiero, un nomade, uno sradicato con i suoi fedelissimi.

    Potrei sbagliarmi, ovviamente, sono più mie ricostruzioni a posteriori (e, oltre tutto mi perdo spesso tra i nomi dei comandanti), ma alcune brigate erano formate dai maschi in età militare di una comunità, che decidevano di partire volontari, e quindi sono “rappresentative” di quella comunità, altre sono invece nate a tavolino.

    • Lorenzo Declich on 2011-12-06 at 17:09

      Se sempre prezioso, Valerio. Una volta dovremmo incontrarci e scrivere un libro sulla Libia a 4 mani

  2. pasaran on 2011-12-06 at 18:42

    mi permetto di segnalare una svista:
    الجماعة
    non الجامعة

    • Lorenzo Declich on 2011-12-06 at 20:37

      Hai ragione, non avendo la tastiera araba ho copincollato da wikipedia senza controllare. L’Università Islamica Combattente in Libia non era granché credibile come sigla.. Grazie mille ;-)

  3. valerio on 2011-12-06 at 18:51

    Adesso che sono anche su facebook la mia produttività e scesa a livelli che nemmeno puoi immaginare…

  4. […] Visita il sito in30secondi oppure iscriviti al feed Leggi l'articolo completo su AlterVista […]

  5. […] capo militare Khalifa Haftar e il breve sequestro del comandante militare Abdel Hakim Belhaj (qui la sua biografia), il cui aereo è stato bloccato alla partenza dalle brigate di […]

  6. I rapporti USA-Iran, via Iraq on 2011-12-21 at 12:55

    […] notizie, interpretate nei modi più originali dai complottisti di mezzo mondo, sulla presenza in Siria di mercenari-jihadisti prezzolati, corrispondono –la corrispondenza è anche cronologica– le dichiarazioni di Hillary […]

  7. […] accennare a una minaccia estremista all’interno della nuova Siria, abbiamo registrato la presenza di jihadisti di professione sulla frontiera turco-siriana. Oggi DEBKAfile, non usando come al solito alcun condizionale e […]

  8. […] fra tutti è l’ormai famosissimo Abd el-Hakim Belhaj, il “jihadista-mercenario” ora impegnato in Siria, che aveva guidato alla conquista di Tripoli la propria katiba, sponsorizzata dal […]

  9. Stratfor: chi c’è in Siria on 2012-03-09 at 10:21

    […] sì, Stratfor non parla della presenza jihadista, di cui  ho scritto qui e qui. Tweet (function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if […]

  10. lidia on 2012-03-31 at 23:09

    semplicemente, uomo ha finito lavoro in Libia e va in Siria a fare lo stesso. perche vedi, lui e un uomo che copre americani in queste situazioni, lavora per loro. come fratellanza musulmana lavora per britannici, e si trova a Bengazi. e adesso sempre in Siria. come in Egitto da tempo.

    • Lorenzo Declich on 2012-04-01 at 20:00

      Lidia, hai fonti che non siano quelle che abbiamo tutti?

    • Green Libya on 2012-05-12 at 12:23

      spero allora che Assad non faccia l’errore di Gheddafi, che fu troppo buono nel non sciogliere nell’acido un simile ratto. Spero che muoia, così come è meritatamente morto il fratello, accoppato a Bani Walid dai lealisti due giorni prima che Abdelhakim andasse in Turchia

      • Lorenzo Declich on 2012-05-12 at 18:33

        Bel modo di lanciare invettive, complimenti. Se Gheddafi avesse smesso per tempo di chiamare i suoi antagonisti “ratti”, forse oggi sarebbe ancora vivo. E poi è stato lui a liberare Belhaj, nel 2010. Suo figlio gli stringeva la mano, ci sono le foto. Voglio dire: chi è causa del suo mal pianga se stesso. E, perfavore, la prossima volta usa un eloquio meno aggressivo, grazie.

        • Green Libya on 2012-05-13 at 09:31

          infatti ho detto che Gheddafi ha fatto un errore fatale liberando questi terroristi. Ma ciò che dimostra che forse un dittatore così sanguinario e feroce non era… quanto al fatto di chiamare “ratti” queste persone, è solo un complimento per jihadisti e tecnocrati traditori alla Jalil, gente che per 40 anni è stata al servizio del “feroce dittatore” e poi, fiutato il mutare del vento, si sono messi al servizio delle potenze occidentali. Sono gli allocchi possono credere alla genuinità della “primavera araba”. Si tratta semplicemente di schegge eterogenee, e ben poco democratiche, usate dall’imperialismo occidentale, che sta rovesciando gli ultimi governi non ancora asserviti a Nato e Fmi. Questo dovrebbe dire la libera informazione che vuole essere davvero scomoda per il potere, il resto è fuffa

          • Lorenzo Declich on 2012-05-13 at 11:32

            Narrare fatti interpretandoli ed esprimere un’ideologia facendo propaganda sono due attività diverse. Io mi occupo della prima. La “buona volontà” di Gheddafi era risultato del suo patto con gli Stati Uniti, che avrebbe portato ai suoi assets altri miliardi. Ma dove vivi?

  11. lidia on 2012-03-31 at 23:14

    hehe, ti dico solo Valerio.. che li cera anche la Folgore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

dicembre: 2011
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivi

 
'