Tutto in 30 secondi
[was] appunti e note sul mondo islamico contemporaneo

Giorno della rabbia in Bahrain, 14 febbraio

2011-02-11
By

Il Bahrain ha una composizione sociopolitica molto particolare.

A capo del paese c’è un emiro sunnita, Hamad bin Isa Al Khalifa, ma la maggioranza della popolazione è sciita (duodecimana, del tipo di sciismo iraniano) e ciò rende il paese, di fatto, legato all’Iran (vedi qui).

Inoltre, come nella maggior parte dei paesi del Golfo, un buon 40% della popolazione è immigrata e vive in condizioni di schiavitù (o semi-schiavitù, fate voi).

Dallo scorso 4 febbraio era apparsa su FB una pagina (qui e qui) che chiama i cittadini dal Bahrain a una “giornata della rabbia” per il prossimo 14 febbraio.

A promuoverla è un’organizzazione per i diritti umani, e un network arabo per la promozione dei diritti umani.

Le autorità del Bahrain reagiscono bloccando le pagine (che non hanno molti contatti). Inoltre arrestano i blogger Ali Abdulemam e Abdul-Jalil Al-Singace con l’accusa di terrorismo, e incriminano Mohammed Al-Rashid per i temi che discute sui forum (qui).

Ironia della sorte, lo scorso 19 gennaio Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Bahrain, Emirati Arabi Uniti e Oman hanno siglato un accordo per costituire una “rete per la difesa dei diritti umani”.

Tags: , , ,

2 Responses to Giorno della rabbia in Bahrain, 14 febbraio

  1. […] al-Arabiya migliaia di sudditi il Re del Bahrain, ovviamente sciiti, hanno manifestato ieri contro il […]

  2. […] Giorno della rabbia in Bahrain, 14 febbraio […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Archivi

 
'